7 giugno 2018 - Categoria: cultura, eventi luttuosi, lingua/limba, memoria e storia

“Ricordando Paolo Pillonca” di Antonio Canalis, segretario Premio Ozieri

Nato a Osilo nel 1942, cresciuto tra Seui e Arzana, luoghi della sua anima e della sua ispirazione artistica, si laureò in Lettere Classiche, dopo una rigorosa formazione salesiana. Fu prima insegnante, poi giornalista. Voce potente della cultura sarda di cui è stato profondo e appassionato cultore. E’ stato anche  scrittore e poeta cioè  un intellettuale a tutto tondo.

È stato responsabile della redazione nuorese de L’Unione Sarda negli anni ’70, cronista lucido e puntuale degli anni del banditismo e dei grandi processi. Gli piaceva rimarcare di aver sempre dato uguale rilievo sia alle condanne che alle assoluzioni. In seguito ha collaborato anche con

La Nuova Sardegna.

Fu il presidente della Giunta Regionale Sarda, Mario Melis, che lo convinse a  lasciare il giornale e svolgere per lunghi anni il ruolo  di Capo Ufficio Stampa della Regione.
Paolo, instancabile ricercatore e cultore della poesia sarda, si può considerare il più profondo conoscitore dei poeti estemporanei e a penna degli ultimi centovent’anni. Fin da bambino,  era attratto  a scoprire il mistero della poesia che fiorisce nelle labbra “de sos cantadores”.

Biografo e amico strettissimo di un grande improvvisatore, Remundu Piras di Villanova Monteleone, Pillonca è stato a sua volta poeta e scrittore in “limba sarda” e in italiano, nonché autore di numerosi saggi e protagonista di un sodalizio artistico con Piero Marras, con cui scrisse canzoni profonde e dolcissime.
Ha intrattenuto relazioni intense, fertili di arte e pensiero, con i più grandi intellettuali sardi del Dopoguerra: dal già citato Mario Melis a Cicitu Masala, Eliseo Spiga, Nereide Rudas, Bachisio Bandinu e tanti altri.

6 giugno 2018 - Categoria: cultura, lingua/limba, memoria e storia

Paulu Pillonca a contivizu de Giuanna Elies

Paulu Pillonca, naschidu in sa Ya Manna de sa ‘idda de Osile (cabu de susu), s’otto de santiaini Millienoighentosbarantaduos, passadu a mezus vida in Cagliari ( cabu de josso, su vintises de maju) e sepultadu in Seui dominiga  vintisette de maju de su Duamizadegheotto.

Si podet narrere chi s’ambissione sua est ‘istada su càntigu de Saldigna: chi esseret vantadu a bolu in sas piattas, cantepennò (ita., oppure) iscrittu a taulinu.

Ma s’andera  de sos poetes mannos, de su cantigu in sas piattas, de sas modas, de sos trintases fioridu e retrogadu, de sas deghinas, de sas duinas e  battorinas, de su “ciama e risponde”, sas anninnias, sas pregadorias e totugantu su mundu de sas peraulas chi sos saldos àn contivizzadu, l’àt attraessadu dae pitzinnìa e si che l’àt bitta pro tota sa vida.

Cunsideraiat su càntigu a bolu, chi esset fattu in logos de impoltantzia – in sas piattas mannas de sas biddas- dae poetes numenados, cantepennò in sas tancas, in sos  coiles, in sos sagniles, in sos tzilleris, comente s’alenu pius antigu e impoltante de su biver nostru.

Subra sa poetica “estemporanea” nostra àt faeddadu  in dogni palte e logu, iscrittu libaros e alticulos.

Istudiadu de sas poeticas latinas e grecas, àat sempre mantesu su meledu chi su cantigu nostru, procantu attraessadu dae paritzas culturas, esseret unu: sa ‘oghe de nois e totu, dae sos temporios finamentra a dies de oe, mancari su limbazu siat assupruidu dae cussu de totu sas populassiones chi nos ànt mantesu in cadenas e dae cussos chi recuian  de passazu dae addae.

Incantadu dae totu sos poetes e su càntigu issoro, àt giradu peri piattas, domos e sagniles pro nde regolver s’istiga.

Remundu Piras de ‘Iddanoa Monteleone est unu de sos poetes chi piusatotu li fuit aggradessidu, ma sos àteros no funi de ammancu: Barore Tuccone de ‘Uddusò, Antoni  e Maria Farina de Osile, Bustianu Morette de Tresnuraghes, Gavinu Contene de Siligo, Beppe Sozu de Bonorva, Tottoni Crobu de Neoneli, Giuanne Seu de Tzaramonte, Benaldu Zizi de Onifai, Antoni Pazzola de Sènneri, Frantziscu Sale de Mara, Frantziscu Mura  e Mariu Màsala de Silanus,

Chentza contare sos àteros mannos de  sos annos de mudimine. Difattisi, su càntigu a sa poetica de Saldigna àt connoschidu tempus de nèula pro guypa de sos pìscamos saldos. A comintzare dae su mese de maju de su  Millienoighentosvintibattoro (Chent’annos, Soter Ed) “s’annu de sa prima cumpayfida de Remundu Piras subra unu paylcu”, comente Pillonca  àt relatadu.

“ Su conciliu de sos piscamos, reunidu in Arborea, deit unu signale pretzisu a sos cantadores: chi no si  devian permittere de cantare argumentos de fide cristiana” (Chent’annos, Soter Ed.)

Mancu tres annos a poi, comintzei una gherra pro fagher in modu chi sas garas poeticas no s’esseran fattas. Gherra chi  si mantenzeit  finamentra  a passados sos annos Sessanta.

Difattisi, isse, in calidade de Capo Ufficio Stampa della Regione Sardegna, umpari cun su Mere de sa Regione Mario Melis, inghirieit mesu mundu pro faeddare cun sos Circolos Saldos de custa situassione e pro tennere in bida su càntigu a sa salda.

 Amante de sa terra sua e connoschende s’impignu e sa fache de custos poetes e de cussos benidores, ha chilcadu in totu sas maneras de  torrare a bida e bigher in punta cust’alte poetica chi, in unu modu o in s’àteru, àt bentuladu peri tantas populassiones ma chi solu in Grecia e in Saldigna ha piantadu semenes de poesia manna e signales de una tziviltade forsi ancora pagu cumpresa.

In Saldigna, s’est attivadu pro dare  ‘oghe e impignu a totu sos premios de poesia, semenende istigas de sigurantzia e de amistade, ponzende isse e totu a disposissione s’ischire e su tempus sou.

Comente òmine de cultura àt bettadu francas in aterùnas faches e lu podimus bider dae totu sos alticulos e pubblicassiones,  àt appretziadu caliguna prenda de custa terra nostra, ma pesso chi sau sulcu in su cale  àt mòvidu s’ aradu ‘e sos sentidos siat ‘istadu pius a  totu  cussu càntigu antigu nostru chi ‘enit dae addae e chi nos àt a bigher peri  sas carrelas mannas de su mundu.

Paulu, dae su cabu de susu: bonu reposu

( iscrittu in faeddu osilesu- lessico del dialetto di Osilo)

Giuanna de sos Elies

27 maggio 2018 - Categoria: memoria e storia

Manlio Brigaglia secondo lo storico Francesco Obinu

Quando, nel 2001, concluse il suo trentennale impegno d’insegnamento universitario, Manlio Brigaglia fu omaggiato dai colleghi dell’ateneo sassarese con un volume di studi in onore e dalla Presidenza della Repubblica con la medaglia d’oro di benemerito della cultura e dell’arte (lui, in modo autoironico, di questa onorificenza diceva: “La danno a tutti”). Se il “Liber amicorum” ha significato l’apprezzamento accademico per il lavoro dello stimato storico contemporaneista, la medaglia ha premiato l’intellettuale presente nel mondo culturale sardo per più di cinquant’anni. Intellettuale di grande rilievo, sì, ma non rinchiuso nella “torre d’avorio”, lui che è stato un conferenziere molto disponibile ed una firma apprezzata dell’Unione Sarda e della Nuova Sardegna, anche in contatto epistolare con i lettori. Bibliofilo e bibliografo (forse in molti conoscono il suo “Tutti i libri della Sardegna”), è stato un instancabile ideatore e curatore di iniziative editoriali, e l’autore o il co-autore di numerosi articoli e volumi, così tanti che nel 1999 è uscita una bibliografia dei suoi scritti. Brigaglia ha focalizzato la sua attenzione sui molteplici aspetti della storia e della “viva” vita isolana: la questione sarda e le inchieste parlamentari sui gravi problemi economici e sociali, l’antifascismo, la riforma agraria, la “rinascita”, il banditismo, l’autonomia regionale, la poesia in lingua sarda e la critica letteraria, la libertà di stampa e il diritto di informazione… E poi gli studi sulle vicende storiche e culturali della sua Tempio, di Alghero catalana, Sassari, Ozieri, Orgosolo, Carloforte, La Maddalena e, ancora, sulle grandi figure come Lamarmora, Deffenu, Lussu, Gramsci, Siotto Pintor, Calvia, Dessy… Collaborò e animò gruppi di lavoro e comitati redazionali, come nel caso della rivista “Ichnusa”, dove fu accanto ad Antonio Pigliaru e Michelangelo Pira. Tanti sono stati gli eventi culturali che lo videro protagonista o tra i protagonisti (anche il Museo della Brigata Sassari, istituito in città nel 1992, gli deve più che qualcosa), ma elencarli tutti richiederebbe uno spazio tale da non poter essere concesso alle contenute ambizioni di questo breve articolo.

27 maggio 2018 - Categoria: eventi luttuosi

Paolo Pillonca: ammentu de Maria Sale

“Sa luna istanote

in chelos d’annèu

Incomintzat  gai sa dulche poesia, iscrita dae Paulu Pillonca pro ammentu de Maria Carta e cantada dae Piero Marras.

Peraulas chi dèghen pro nàrrere cale tristura est giompida oe cun s’ischire de sa mancantzia sua.

Sos poetes de Sardigna, de palcu e de taulinu, oe nos intendimus totu orfanados.

Creo chi totu sos chi iscrimus poesias l’epemus connotu e nd’epemus apretziadu sa connoschentzia manna  e limpia chi teniat de sa raighina pius funguda ‘e sa poesia sarda. Ma pius de totu amus pretziadu sa manera sua de bonu tratare.

In meda nd’an a iscriere paginas longas pro s’ammentu sou, e lasso a issos s’impignu de nd’e fagher sa pius lughente biografia.

Deo apo s’ammentu innidu de una bella amistade. Sas arrejonadas inue nòdida cumpariat sa mannaria de sa cultura sua, fata pius manna ancora dae s’umanidade e semplitzidade chi aiat in su tratare. Sabientzia!

L’apo connotu in sos premios de poesia, in sos tantos inue faghiat parte de sas giurias.

Sas faeddadas suas in sos premios sun istadas imparos.

Apo fatu parte cun issu de sa giuria de paritzos premios, massimamente pro deghe annos in su premiu de ‘Iddanoa Monteleone in ammentu de Remundu Piras.

Aiat atzetadu cun piaghere de fagher parte de sa giuria de su premiu “Santu Mateu” in Tzaramonte e, a bonu coro, aiat atzetadu de torrare a Tzaramonte s’annu infatu  pro sa serada in ammentu de Giuanne Seu.

Sa connoschentzia  e s’amistade sua sun istadas un’onore pro chie at tentu sa fortuna de las apretziare.

L’apo saludadu s’ultima olta in su Premiu de Utieri, unu de sos tantos chi nd’an a patire sa mancantzia.

L’amus a pensare e serare ancora cun nois.

 

Maria Sale

Tzaramonte, 26.5.2018

 

26 maggio 2018 - Categoria: eventi luttuosi

Paolo Pillonca ( Osilo, 1942 – Cagliari, 2018) è scomparso ieri sera.

In attesa che qualche collaboratore ci dia i tratti essenziali di questo intellettuale di primo piano nel versante della lingua e della cultura sarda, ci uniamo al cordoglio generale di chi lo ha conosciuto e apprezzato.
(La redazione di accademiasarda.it).

RSS Sottoscrivi.