5 Ottobre 2020 - Categoria: cristianesimo, eventi straordinari

Lettera enciclica “Fratelli tutti” del Santo Padre Francesco sulla fraternità e amicizia sociale

  1. 2. Questo Santo dell’amore fraterno, della semplicità e della gioia, che mi ha ispirato a scrivere l’Enciclica Laudato si’, nuovamente mi motiva a dedicare questa nuova Enciclica alla fraternità e all’amicizia sociale. Infatti San Francesco, che si sentiva fratello del sole, del mare e del vento, sapeva di essere ancora più unito a quelli che erano della sua stessa carne. Dappertutto seminò pace e camminò accanto ai poveri, agli abbandonati, ai malati, agli scartati, agli ultimi.
Leggi tutto
3 Ottobre 2020 - Categoria: versos in limba

Sas poesias de sos minores contivizadas dae Domitilla Mannu

Publicamus sas poesias de sos pitzinnos de s’iscola de s’obbligu premiadas in su prèmiu de poesia ammanizadu dae sa Circoscrizione N^ 2 de Tàtari sa die 6 de martu . Ant bìnchidu totu sos prèmios una tropa de pitzinnas de Santu Lussurgiu, chi sunt istadas ghiadas dae Francesca Manca, una mastra de balia chi animat s’assotziu culturale Elighes ‘Uttiosos, nòdidu pro s’impignu in s’ammanizu de manifestassiones culturales pro sa crèschida de sa limba e de sa cultura sarda.

1^ Prèmiu
” SA ‘ISIONE         de Giovanna Guspini – 12 annos

Serra sos ogos
e ti atzappas
in sas alas de unu dragu
chi ti faghet ‘olare
prus allargu de sos confines
de su munnu
suba una nue
de tzùccaru modde
po porrer iscultare
sa melodia de sos puzones
in unu regnu incantadu
in ue òmines, animales e natura
biven in paghe.

Tottu poden ‘isionare!

2^ PREMIU

EST BELLU A CAMINARE  de Irene Ledda – 9 annos

Est bellu a caminare
sutta su paracu
a su reparu
de cussa ‘omighedda
comente un’antunnu
chi si movet
cun megus.
Est bellu
a iscultare
cussu balligheddu
de ‘uttios
asuba de sa conca mia.

Commenti

  1. Leggera e spiritosa la lirica che nasce tra le fanciulle di un rude paese di montagna dai picchi di vulcani spenti, di boschi di querce, di sottoboschi dove cresce splendida la felce.
    Ange de Clermont

    scriptor
    Marzo 13th, 2010

LASCIA UN COMMENTO

Leggi tutto
29 Settembre 2020 - Categoria: memoria e storia

La salvaguardia della natura. Una riflessione sui fondamenti biblici e patristici di Pietro Meloni

Il 28 luglio 1983 la città di Tempio Pausania fu circondata dal fuoco e nella collina di Curraggia persero la vita otto uomini che si erano prodigati a spegnere il terribile  incendio. Qualche tempo prima io ero stato nominato dal Papa vescovo della Diocesi di Ampurias e Tempio. Il mio primo incontro con la nuova comunità fu la benedizione dei morti nel fuoco e l’abbraccio affettuoso ai loro familiari. Nei nove anni della mia presenza a Tempio vidi morire tragicamente nel fuoco altre ventuno persone. Altri uomini morirono bruciati nel tempo del mio servizio pastorale nella Diocesi di Nuoro. E moltissimi sono morti nella lunga storia degli incendi in Sardegna. (Pietro Meloni Vescvo emerito di Tempio Ampurias e di Nuoro).

Leggi tutto
16 Settembre 2020 - Categoria: memoria e storia

“Tarsilla Mannu (1920-1994), a cento anni dalla nascita” di Ange de Clermont

Tarsilla Mannu
(1920-1994)

Tarsilla Mannu nacque a Chiaramonti il 5 maggio 1920 nello stesso anno in cui nacque Nino Soddu, il fondatore del PCI in paese, e don Giommaria Dettori, a Siligo, parroco per quasi 40 anni di Chiaramonti e come spesso ricordava era anche coetanea di Giovanni Paolo

Quest’anno avrebbe compiuto cent’anni e perciò vogliamo ricordarla cercando di tracciare un breve profilo storico della sua vita che va dal 1920 al 1994, visto che visse 74 anni e mezzo, essendo deceduta il 19 novembre 1994.
Il padre, Sebastiano Mannu (1870-1848) era figlio di Antonio Maria  Mannu che era figlio di Sebastiano Mannu oriundo di Ossi.
La madre era Vincenza Soddu.
I Mannu erano rossicci di capelli e di occhi celesti.

Leggi tutto
11 Settembre 2020 - Categoria: cristianesimo, memoria e storia

Antonino Biddau (Ploaghe,1897-1922,Sassari) di Angelino Tedde e di Angela Farris

Si iscrisse giovanissimo all’Associazione Silvio Pellico di Sassari, A Roma, dove proseguì gli studi, frequentò la Congregazione mariana La Scaletta in S. Ignazio e l’Associazione Studi e Azione, conobbe P. Pericoli, fu esponente della GCI del Lazio. Rientrato a Sassari nel 1916, continuò ad interessarsi del movimento giovanile, al quale diede notevole impulso, subentrando nella presidenza regionale della GCI ad A. Del Rio Busaschi, già presidente della commissione regionale provvisoria, della quale avevano fatto parte fin dal 1913, tra gli altri, A, Espis e C. Villasanta.

Leggi tutto
RSS Sottoscrivi.