Categoria : lingua/limba

“Umbras” di Maria Sale, poetessa di Chiaramonti

spera disoleIn lughes  impiuradas,
chentza paghe,
traessan
umbras  ventureras,
in sas iscazas de sole
chi arrustit sas sidas
in sa terra arrumbada
a zigantes de rocca,
inue sas dies
calan
in sa terra granida.

 

Incue
sighti su sidis
a cunsumire
sas ascias bias
de su semene
abratzadu,
suspirende in sas nues
unu roccu de vida.

 

E cun s’umbra
a costazu
pessighin  unu tzufu
de ispera
belidas de anzone:
sementzas
de custa terra
de istinchiddas
e  de fozas  arridas
chi su ‘entu
isfaghet
chilchende
lughe  isgiannada,
pro umbras
chentza paghe.

 

Ombre

spera disoleNei bagliori polverosi,
senza pace,
transitano
ombre vagabonde,
nelle scaglie di sole
che brucia i germogli
nella terra poggiata
fra giganti di roccia,
dove i giorni
si spengono
in  fenditure di terra.

 

E’ lì
che insiste la sete
consumando
le schegge vive
del seme
abbracciato,
elemosinando  alle nubi
un sostegno di vita.

 

E con l’ombra
vicina
rincorrono un ciuffo
di speranza
belati di agnelli:
semi
di questa terra di scintille,
di foglie arse
che il vento
dissolve
cercando
luce radiosa
per ombre
senza pace.

Maria Sale

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.