Che foza sicca di Giangavino Vasco a cura di Domitilla Mannu

Cando su ‘entu sulat airadu
manc’una foza lassat in sa ‘ia,
e cando bi nd’abarrat un’ebbia
issa ti narat: << Sola m’ant lassadu!           

Su tempus ch’irde fia ch’est coladu
e sicca como ch’est s’ànima mia;
chi mi lasseren sola non creìa;
s’àlbure deo puru ap’azuadu. >>

 Comente custa foza abbandonada
ses tue, solu e tristu in custa etzesa.
Sa vida, ch’in su tempus ch’est colada,
manc’un’ispera t’at lassadu atzesa.

 Sa cumpanzia tua ch’est bolada
e donzi fortza in s’ànimu est arresa.
Cando su ‘entu torrat a sulare,
narabìlu: “ Cun tegus cherz’andare.”

19 agosto 2006

  2°Premio alla II Edizione del Premio di Poesia “S’isciareu” – FLUSSIO 12.12.2009

Traduzione in Italiano della poesia “Che foza sicca”

 Come una foglia secca

 Quando il vento soffia irato,
non lascia per strada neanche una foglia,
e quando ne resta soltanto una
essa ti dice: << Sola mi han lasciato!

Il tempo in cui ero verde è passato
ed ora la mia anima è inaridita;
non credevo che mi lasciassero sola
anch’io ho aiutato l’albero. >>

Così come questa foglia abbandonata,
sei tu, solo e triste in questa vecchiaia.
La vita, che col tempo è trascorsa,
non ti ha lasciata accesa neanche una speranza.

La tua compagnia è volata via
ed ogni forza, nel tuo animo, si è arresa.
Quando il vento soffierà di nuovo,
diglielo: “Voglio andare con te.”

Cenni biografici e altre poesie dello stesso autore in http://www.luigiladu.it/

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.