Categoria : versos in limba

Cando t’ap’a lassare di Giangavino Vasco a cura di Domitilla Mannu

 

Cando t’ap’a lassare sola-sola,

non lasses ch’in su coro sa tristura

si let su logu de s’amore meu;

lassa ch’abbarret issu, tott’intreu,

po t’indulchire in pettus s’amargura,

contàndedi assunessi calchi fola.

 

E si m’as a giamare, su mudine

t’at a risponder chi prùs non bi so;

ma non prangas e non ti disisperes;

sa vida nostra mudat, ite cheres,

a bortas ti dat gosu, a bortas no,

e tottu in custa terra tenet fine.

 

Ma po sa die chi ch’as a sighire,

unu lettu po te ap’a chirrare

fattu solu ‘e fiores tottu ‘e seda,

po ti pasare, ca sa vida meda

t’at àer istraccadu; e consolare

t’ap’a poder, pïùs chena suffrire.

 

E po ti nd’ischidare ap’a sonare

cuss’antiga armonia ‘e sa bellesa

de cando custu coro at nadu “t’amo”.

E t’ap’a narrer ch’ancora ti bramo,

che’ tando, in cuss’edad’ ‘e sa cruesa

de’ sos fruttos ancora ‘e assazare.

 

Cun tegus ap’a currer e bolare,

toccande cun sa manu sos isteddos,

chi ruinde donadu t’an disizos,

cando po ti che frangher sos fastizos

de’ cussos tempos tristos e nieddos,

a su chelu as proadu a t’invocare.

 

Ma de ti nd’enner presse non de tenzas;

cun passéntzia t’apo a isettare,

carignàndedi cando ses drommida,

che cumpanza de como, in custa vida,

chena dae sos bisos t’ischidare,

po chi serena in sonnu ti mantenzas.

 

Giangavino Vasco

 

13 aprile 2008

2° Premio al 1°Concorso “Poetas in Orane” – ORANI 14 settembre 2008

Traduzione in Italiano della poesia “Cando t’apo a lassare”

Quando ti lascerò

Quando ti lascerò sola,

non lasciare che nel cuore la tristezza

prenda il posto del mio amore;

lascia che lui resti, tutt’intero,

per addolcirti nel petto l’amarezza,

raccontandoti almeno qualche fiaba.

 

E se mi chiamerai, il silenzio

ti risponderà che non ci son più;

ma non piangere e non disperarti;

la vita nostra cambia, che vuoi,

a volte ti da gioia, a volte no,

e tutto in questa terra ha una fine.

 

Ma per il giorno che mi raggiungerai,

per te metterò da parte un letto

fatto solo con fiori tutti di seta,

per riposarti, perchè molto la vita

ti avrà stancato; e consolare

ti potrò, senza più soffrire.

 

E suonerò, per svegliarti,

quell’antica armonia della bellezza

di quando questo cuore ha detto “t’amo”.

E ti dirò che ancora ti desidero,

come allora, in quella età della crudezza

dei frutti ancora da assaporare.

 

Con te correrò e volerò,

toccando con la mano le stelle,

che cadendo ti hanno regalato desideri,

quando per allontanare i fastidi

di quei tempi tristi e neri,

hai provato ad invocare il cielo.

 

Ma non dovrai aver fretta di raggiungermi;

ti aspetterò con pazienza,

accarezzandoti mentre dormi,

come compagna d’oggi, in questa vita,

senza svegliarti dai tuoi sogni,

affinchè possa, nel sonno, restar serena.

 

Profilo biografico e altre poesie in www.luigiladu.it

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.