Retrattos cuados di Maria Sale a cura di Domitilla Mannu

Chissà si forrojende in sos alzìos,
inue sos ranzolos a iscampiàdas
s’an tessidu tramas e afficos,
pot’agattare, a oros chena biccos,
retrattos de cuddos giajos mios,
ch’in ammentos no appo
nè in fentòmos.
E l’ app’a isterrer
sas pijas ischizidas
pro ch’’ider intro
su risittu cuadu,
in prammu ‘e manu
un’iscutta  torradu
a connoscher de nou
lughe ‘ia.
E movitìa
s’ojada torr’atzesa
at’aer pro me
cun tzinnu ‘e cuntentesa,
fatendemiche sebestare inie
assimizos chi agatte
crasa in fizos.
Cun nòdidu faeddu
de  omine atzudu
m’as’a contare
de sa pelèa cumprida
pro m’iscobiàre
àndalas de giùdu
inue che sun sas abbas
chena ludu.

Giaju Sale

S’’acchiddu intostigadu
chi as lassadu
forsis m’as’apporrire
pro sighire
in cust’andare a tàmbulu
e a s’inzerta.                                                   

 Ritratti nascosti

 

Chissà se rovistando in vecchi armadi,
dove i ragni a più riprese
si  hanno intessuto trame con speranze,
possa trovare, coi bordi ormai smussati,
ritratti di quegli avi,
che non ho nei ricordi
nè rammèmoro.
E ridistenderò
le pieghe sbiadite
per vedervi dentro
il sorriso celato,
sulla mia mano
un attimo tornato
per rivedere ancora
luce viva.
E lievi mosse,
tornato ora  acceso,
lo sguardo avrà per me
con cenni d’allegria,
facendomi  scorgere
somiglianze che ritrovi
domani nei figli.
Con parlata nota
d’uomo ardito
mi racconterai
dell’affanno compiuto
per svelarmi
sentieri di saggezza
dove le acque sono
senza fango.
Il bastone ricurvo
che hai lasciato
forse mi porgerai
per seguitare
in questo barcollante
e incerto andare.

 

Maria Sale

Primo Premio alla 47.ma edizione del Premio Ozieri

                                                       

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.