Categoria : cultura, lingua/limba

De quie faghet sas veces de Babbos et Fizos di Salvatore Cossu

ARTICULU IV.

De quie faghet sas veces de Babbos et Fizos.

§ 1.

De su Mastru de Ischola (Elementare).

D. Ite est su Mastru de Ischola?

R. Su Mastru de Ischola est unu segundu Babbu, qui educat ad sa Religione et ad sa Sociedade sos pizzinnos, dulce isperantia de sa Ecclesia et de sas familias in sa generatione ventura; motivu pro su quale est una de sas personas piùs rispectabiles et charas in unu Populu.

D. Quales sunt sos obbligos particulares, qui tenet?

R. Essende tre sos objectos de s’importante officiu sou, quales sunt, sa Religiosa, sa Litteraria, et sa Civile educatione elementare; pro cussu ad tres puru si reduint sos obbligos particulares de su Mastru de Ischola, et sunt sos sighentes:

1. Insinzare, et cum modu facile breve et giaru explicare sa Doctrinetta de sa Diocesis, cunsistente in su qui si devet crere, observare, rezzire, et dimandare dae Deus, imprimende costantemente, cum su bonu exemplu sou et cum sa boghe, s’amore ad sas virtudes, et s’horrore ad sos vitios, in su teneru coro de sos Ischolanos suos, additendelis ad bon’hora su veru caminu de su Chelu, pro su quale sunt creados.

2. Juxta su methodu adprovadu et ordinadu dae sos Superiores, insinzare bene ad legere, iscriere, et contare, industriendesi cum patientia, amore, et diligentia, attales qui ogni Ischolanu apprendat sa prescripta instructione elementare.

3. Impignaresi cum coro paternu ad formare, in quantu da ipse dependet, unu bonu character ad sos discipulos suos, per mesu de s’educatione civile, inculchendelis frequentemente sa sabiesa in sos faeddos, sa cortesia in sos tractos, s’affabilidade in sos modos, sa pulidesa in sa persona et bestires, sa bona creantia cum totu. Et pro resessire in s’intentu sou, su Maestru, substenzende un’aèra de moderada auctoridade, si devet istudiare de si balanzare sa voluntade de sos discipulos cum s’affectu, dulcura, et persuasione, adaptada ad sa diversa indole, et temperamentu ipsoro, senza indebitas partialidades.

Sos obbligos poi de sos Ischolanos sunt, andare ad Ischola, ogni die, ad s’hora sua, istare attentos et applicados, amare et rispectare comente ad unu Babbu, su Mastru, ponzèndeli mente cum docilidade in ogni cosa, qui riguardat s’istudiu, sos bonos costumenes, et s’educatione ipsoro.

Caterina Satta, Angelino Tedde, I doveri del cristiano nelle opere in lingua sarda del rettore di Ploaghe Salvatore Cossu (1799-1868)
La pedagogia di un parroco dell’Ottocento (1827-1868) Associazione culturale “A. De Gasperi”, Stampacolor, Muros 2006, pp.  pp. 222-224.

Il testo che riportiamo è tratto dal Manuale de su bonu christianu, inserito nell’appendice documentaria, dopo il catechismo e prima dei Sermones. Il testo in sardo  del Cossu rivela un evidente orientamento verso il latino nell’uso del sardo come faranno tanti autori sardi dell’epoca, compreso Giovanni Spano, del quale il Cossu era intimo amico ed estimatore. Il contenuto è riferito all’allora precettore delle scuole normali (1824-1841) chiamate con Carta Reale di Carlo Alberto “elementari” (1841). Il contenuto è riferito al precettore dell’epoca che in genere era un viceparroco o un religioso e l’epoca era quella della Restaurazione dopo la Rivoluzione Francese (1789-1801) che però non ha toccato il popolo sardo se non tenuemente. La scuola doveva formare buoni cristiani e buoni sudditi, Deus in Chelu e su Re in Terra. Oggi le cose sono cambiate e la pletora delle maestre, fino a sette per classe,ora diminuite, dovrebbero insegnare oltre ai programmi ministeriali la buona educazione del cittadino del mondo. Dai risultati che abbiamo sotto gli occhi possiamo compendiare: deo so deo e devo esser deo, sos ateros si mi piaghet e m’aggradat e su mastru o sa mastra, a iscola so deo su re e so babos e sas mamas ite mi rapresentant, custos ignorantes che.i sa tzapa! E s’educatzione chie nde gheret su nde fetat. Cossu como diat esser aberu meda a dae segus. (Anghelu de sa Niéera)

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.