Categoria : versos in limba

Anninnia di Salvator Angelo Mura Niola a cura di Antonio Canalis

Questa poesia è la vincitrice della Sezione “Tra poesia e cantigu”, intitolata al grande poeta estemporaneo ozierese Antonio Cubeddu, inventore nel 1896 della gara poetica su palco.

L’autore, Salvator Angelo Murgia Niola, di Macomer, poeta delicato ed efficace, è un anziano allevatore, diventato recentemente bisnonno (bisaju). La ninna nanna, dolce, malinconica ed augurale, è una sorta di testamento spirituale perché il pronipote segua i valori positivi dell’antica civiltà dei suoi antenati. (Antonio Canalis)

In questa sezione non è prevista la traduzione in italiano dell’autore. Ma, trattandosi di logudorese, la comprensione – per le nostre contrade di Logudoro e Anglona – è assicurata.

Anninnia

 

In su brassolu ‘e oro
movidu addaju-addaju,
drommi prenda ‘e bisaju
e de mama tesoro.

 

Drommi chi sa fortuna
est arrivada in bolos
ponindedi lentolos
tessidos da-i sa luna.

 

Su sole, una tramata,
pro ch’astrau né nie
no infriten a tie
a impignu l’at fata.

 

Su entu ti regalat
una frina lizera
chi banzighet s’aera
da chi su cardu falat.

 

Sas sirenas, impare
a sas ninfas marinas
pro ti fagher istrinas
tin de porrin su mare.

 

Dae su chelu una nue
falada est cun premura
pro che frangher dogn’ura
da ue dromis tue.

 

Bisaiu, fin’a cantu
ancora istat in pe,
at a fagher pro te
cantones de incantu.

 

Tue, dromes e gioghes
finas ch’ istas pitzinnu:
pustis, cun veru sinnu
d’omine dotu, atroghes.

 

Pro narrer cosa ‘e giudu
sas laras las abberzas,
istramberas non nerzas,
menzus addures mudu.

 

 

Semper sanos cunsizos
dias in sos abbojos,
abbaides in ojos
sena chinnire chizos.

 

Non los timas sos fortes
si sa rejone est tua:
sos debiles azua,
sos afflitos cunfortes.

 

Custa dulze ninnia
tenela in coro intzisa.
Ma como, drommi e bisa
prenda ‘e s’ anima mia.

 

(Bisaju Salvadore)

 

 

Salvator Angelo Murgia Niola, di Macomer

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.