Categoria : letteratura sarda

Su Cantigu de sos Cantigos – capitulu 3 traduidu in limba dae Maria Sale

 

Subra su lettu meu,
chena l’agatare,
intro de note chircadu,
apo s’amadu meu.
”M’apo a pesare e, a inghiriu,
in tota sa tzitade,
deo l’apo a chircare,
in carrelas e piatas,
s’amadu ‘e su coro meu”.
Chircadu deo gia l’apo,
ma chena l’agatare.
Apo fintzas sas guardias
de runda dimandadu,
s’est chi s’amadu meu esseran intopadu.
De pagu iscabuladas,
che fin cando l’agatei, s’amadu ‘e su coro meu.
Forte deo l’apo istrintu e, no l’apo a lassare,
fintzas chi no lu gito a domo ‘e mama mia,
a s’aposentu sou.

S’isposu

O fizas de Zerusalemme, deo a bois prego,
pro sas crabolas arestes:
no ischidedas bois, s’amada mia,
fintzas chi issa no cherfat.

TERTZU POEMA

Su poete

Ma it’est chi da-e desertu
pigat che coluna ‘e fumu,
isparghende nuscu ‘e intzensu e mirra,
e donzi piùere nuscosa?
Accò, in àndias a Salomone:
cun sessanta balentes a inghiriu,
tra sos mezus de Israele.
Bene manizan s’ispada,
e totu sun gherrajolos,
tenen s’ispada in su fiancu,
pro ‘aldiare de arriscu in sa note.
S’ìnghialetu s’at fatu,
Salomone su re,
cun linna libanesa.
Sas traes at fatu de prata,
de oro est s’ischinale,
su setzidorzu est ruju,
a ricramos d’amore in mesu
de pitzinnas de Zerusalemme.
Besside fizas de Sion,
mirade su re Salomone,
cun corona chi postu l’at mama,
sa die de su sou isposonzu,
sa die de gosu in su coro.

Testo in italiano

Sul mio letto, lungo la notte, ho cercato
l’amato del mio cuore;
l’ho cercato, ma non l’ho trovato.
«Mi alzerò e farò il giro della città;
per le strade e per le piazze;
voglio cercare l’amato del mio cuore».
L’ho cercato, ma non l’ho trovato.
Mi hanno incontrato le guardie che fanno la ronda:
«Avete visto l’amato del mio cuore?».
Da poco le avevo oltrepassate,
quando trovai l’amato del mio cuore.
Lo strinsi fortemente e non lo lascerò
finché non l’abbia condotto in casa di mia madre,
nella stanza della mia genitrice.

Lo sposo

Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme,
per le gazzelle e per le cerve dei campi:
non destate, non scuotete dal sonno l’amata
finché essa non lo voglia.

TERZO POEMA

Il poeta

Che cos’è che sale dal deserto
come una colonna di fumo,
esalando profumo di mirra e d’incenso
e d’ogni polvere aromatica?
Ecco, la lettiga di Salomone:
sessanta prodi le stanno intorno,
tra i più valorosi d’Israele.
Tutti sanno maneggiare la spada,
sono esperti nella guerra;
ognuno porta la spada al fianco
contro i pericoli della notte.
Un baldacchino s’è fatto il re Salomone,
con legno del Libano.
Le sue colonne le ha fatte d’argento,
d’oro la sua spalliera;
il suo seggio di porpora,
il centro è un ricamo d’amore
delle fanciulle di Gerusalemme.
Uscite figlie di Sion,
guardate il re Salomone
con la corona che gli pose sua madre,
nel giorno delle sue nozze,
nel giorno della gioia del suo cuore.

3 – continua

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.