Cantigu de sos Cantigos – capitulu 2 traduidu dae Maria Sale de Tzaramonte in limba

Deo so unu nartzisu de Saron,
unu lizu de sas baddes.
Che unu lizu in bardu reu,
s’amada mia cumparit tra piseddas.
Che una mela tra sas piantas de buscu,
est s’istimadu meu tra piseddos.
In s’umbra sua, chi apo disizadu,
mi setzo, e dulche in bucca m’est su fruttu sou.
M’hat fatu intrare in sa tzella de su ‘inu
e, subr’a mie, est amore sa bandela sua.
Cun covatzas de pabassa sustentademi,
cun melas m’agiuventade,
ca deo tenzo su male de s’amore.
Tenet sa manu manca in conca mia
e cun sa dresta a mie est abratzende.
O fizas de Zerusalemme, deo bos prego,
pro totu sas crabolas de su campu:
no ischidedas bois s’amada mia,
fintzas chi no s’ischidet a sa sola.

SEGUNDU POEMA

S’isposa

Una ‘oghe! S’istimadu meu!
Acollu chi est benzende,
brinchende donzi monte,
giampende sos muntijos.
Est s’istimadu meu che crabolu.
Acollu, est gia a pinna de muru,
mirat dae sa ventana,
isperiat dae sa ferrada.
Como, s’istimadu meu m’est nende:
“Pesadi, amiga mia,
bella mia, beni!
Ca s’ierru est gia passadu,
e de pioer at sessadu,
Sos fiores sun torra in tancas,
su tempus de càntigu est torradu
e sa ‘oghe de sa turture
in sa tanca nostra s’intendet.
Sa figu at postu frutu
e sas bides fioridas
sun isparghende nuscos.
Pesadi, amiga mia,
bella mia, beni!
O columba mia, chi ses tra capìdas de rocca,
in cuadorzos de runda,
mustrami sa cara tua,
faghemi intender sa ‘oghe tua,
ca sa ‘oghe tua est suave,
sa cara tua est galana”.
Leadennoche sos lòddes,
sos loddìtos minores
chi faghen dannu in binzas,
ca sas nostras sun in fiore.
S’istimadu meu est pro me e deo pro issu so.
Issu in mesu ‘e lizos paschend’est su masone
Innanti de s’intrinada
e chi sas umbras s’isterran,
torra, istimadu meu,
simizante a crabolu
subra sos montes de nuscu.

Testo in lingua italiana

Cantico dei Cantici

Capitolo2

Io sono un narciso di Saron,
un giglio delle valli.
Come un giglio fra i cardi,
così la mia amata tra le fanciulle.
Come un melo tra gli alberi del bosco,
il mio diletto fra i giovani.
Alla sua ombra, cui anelavo, mi siedo
e dolce è il suo frutto al mio palato.
Mi ha introdotto nella cella del vino
e il suo vessillo su di me è amore.
Sostenetemi con focacce d’uva passa,
rinfrancatemi con pomi,
perché io sono malata d’amore.
La sua sinistra è sotto il mio capo
e la sua destra mi abbraccia.
Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme,
per le gazzelle o per le cerve dei campi:
non destate, non scuotete dal sonno l’amata,
finché essa non lo voglia.

SECONDO POEMA

La sposa

Una voce! Il mio diletto!
Eccolo, viene
saltando per i monti,
balzando per le colline.
Somiglia il mio diletto a un capriolo
o ad un cerbiatto.
Eccolo, egli sta
dietro il nostro muro;
guarda dalla finestra,
spia attraverso le inferriate.
Ora parla il mio diletto e mi dice:
«Alzati, amica mia,
mia bella, e vieni!
Perché, ecco, l’inverno è passato,
è cessata la pioggia, se n’è andata;
i fiori sono apparsi nei campi,
il tempo del canto è tornato
e la voce della tortora ancora si fa sentire
nella nostra campagna.
Il fico ha messo fuori i primi frutti
e le viti fiorite spandono fragranza.
Alzati, amica mia,
mia bella, e vieni!
O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia,
nei nascondigli dei dirupi,
mostrami il tuo viso,
fammi sentire la tua voce,
perché la tua voce è soave,
il tuo viso è leggiadro».
Prendeteci le volpi,
le volpi piccoline
che guastano le vigne,
perché le nostre vigne sono in fiore.
Il mio diletto è per me e io per lui.
Egli pascola il gregge fra i gigli.
Prima che spiri la brezza del giorno
e si allunghino le ombre,
ritorna, o mio diletto,
somigliante alla gazzella
o al cerbiatto,
sopra i monti degli aromi.

2 – continua

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.