“Lu mi mari” “Il mio mare” di Maria Teresa Inzaina

 

Maria Teresa Inzaina

Maria Teresa Inzaina

LU ME’ MARI

 

Lu me’ mari
è l’alcu chjaru d’una spiagghja
a l’appogghju di ‘enti.
Intengu bulbutti di troni
chindi allonga
saetti di luci sirintina
calpini l’orizzonti.
Cramani celtu
a lalgu
uragani e timpesti….
Lu me’ mari
ha una balca pugghjata
tra la rena e l’ea
e illu cunfini
lu cori marinaiu
suspesu
tra boci maiagli di sireni
e la paci sigura di l’oru.
Passani
li viagghjadori di mari
pueti fideli innammurati
amanti d’una sola stasgioni
avventureri eroi pirati
vittimi signalati.
Imprisgiunatu a l’alburu
Ulisse
assaóra tulmenti….
Paltarìa
ma timmu l’Oceanu
troppu mannu e fungutu
e troppu indiffarenti.
Staragghju chici
undi lu mari
è l’alcu chjaru
d’una spiagghja
a l’ appogghju di ‘enti
cu la me’balca pronta
in gana di paltì
e la funi bè strinta
a una bitta
di scogliu.

 

 

 

IL MIO MARE

 

Il mio mare
è l’arco chiaro d’una spiaggia
a ridosso dei venti.
Sento echi di tuono
in lontananza
saette di luce serotina
aprono l’orizzonte.
Urlano certo
a largo
uragani e tempeste…
Il mio mare
ha una barca adagiata
fra la rena e l’acqua
e sul confine il cuore
marinaio
sospeso
fra richiami invitanti di sirene
e la pace sicura della riva.
Passano
i viaggiatori del mare
poeti fedeli innamorati
amanti d’una sola stagione
traditori avventurieri eroi pirati
vittime destinate.

Imprigionato all’albero
Ulisse
assapora il tormento….
Partirei
ma temo l’Oceano
troppo grande e profondo
e troppo indifferente.
Resterò qui
dove il mare
è l’arco chiaro
d’una spiaggia
a ridosso dei venti
con la barca
protesa alla partenza
e la gòmena stretta
a un bitta
di scoglio.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.