Nasce l’associazione “Poeti Galluresi Giacomo Murrighili”, eletta Presidente Maria Teresa Inzaina

Poeti GalluresiCari amichi chi sighiti lu gruppu, vi sareti avvisti di lu cambiamentu chi v’è statu illa pagina cu la magghjna di l’associazioni “Poeti Galluresi” Giacomo Murrighili ch’è nata da pochi dì, pa la bona ‘ulintai di passoni chi voni bè a lu gaddhuresu e aràni a cilcà sempri di mantinenni alta la bandéra. Tanti àni ghjà mustratu intaressu e gradimentu cuminciendi a sustinè l’associazioni cu lu tesseramentu e li boni cunsiddhi. A tutti ‘oi ch’eti sempri sigutu cu affettu lu gruppu di poesìa gaddhuresa dummandemu di mustrà lu mattessi affettu e la mattessi cunsiderazioni pal chista associazioni, ch’è ancora criatura, ma chi insembi a voi, vò criscì pa amori di la Gaddhura tutta e di lu so’ giniosu lingagghju. Spirendi di aè l’attinzioni ancora di li tanti cióani nostri, aspittemu adisioni… Si vuleti alti infulmazioni pudeti dumandalli chici mattessi oppuru cilcà la presidenti, Maria Teresa Inzaina e/o lu segretariu Andrea Columbano. Ringraziemu li chi si sò ghjà scritti e chissi chi s’arani a scrì, spiremu in tanti. V’aremu a dà lestra contu di calche beddha iniziativa ch’emu in progettu pa’ lu mesi di magghju…
Andrea Columbano

Maria Antonietta Sechi

25 marzo
Puisia : Luzi d’ ispirànzia ( cuzinesu-gadduresu)

Maria Antonietta SechiA una iaga accultu
cun l’animu in afannu,
una scuta, pusata mi sogu.
Camminesi di sulcu,in sulcu
in zilca di sintimentu,
più folti ch’ i la Tarra,
pà lu mè cori scuntentu.
Unu gietu d’ea ciara
falàa da una rocca
cicciulendi in alligria
zilcàa la mè cumpangìa
ed eu, la siti m’aggiu bugatu
a chiss’occi d’ea cristallina.
Trostu di trumma d’angioni
da lu pasculu falendi
infattu a lu pastori,
cun soni d’allegri campaneddi,
attiresini la mè attinzioni.
Vultesimi,
a incantu d’apparita,
lu me cori slalghèsi
pà trattinì tulbamentu di visioni.
Lu pastori,
dirràmendi luzi d’amori
ciammà pà nommu
d’ungia angioni
chi intràa i lu Sò pasciali
e candu lu camminu paldiani
li frusciàa, li zilcàa
curàà li firuti
cunfultàa li cori
d’afannu abbuluttati
commu Babbu d’Amori.
Lu chi zilcàa,
era in chissu pasciali.
Iscitada,
lu cori allumatu
da sognu sì beddu
zilcu lu Sò pasciali
la Sò luzi, lu Sò pani
e Iddu, mancari indegna,
lu seru a me accultu.
Traduzione
Lume di Speranza.
Vicino al cancello di un ovile,
con l’anima affannata
mi sono, per un attimo, seduta.
Di solco,in solco avevo camminato
in cerca di un sentimento,
più forte di quelli che
la Terra aveva dato
al mio cuore insoddisfatto.
Una sorgente di acqua chiara
scendeva da una roccia,
gorgogliando allegra,
a sé mi chiamava
ed io mi dissetai
a quella fonte cristallina.
Scalpiccio di zoccoletti
di un gregge di agnelli
che scendevano dal pascolo
seguendo il pastore,
con suoni di allegre campanelle,
attirarono la mia attenzione.
Mi voltai
incantata da quella visione,
il cuore mio si dilatò
per contenere l’emozione.
Il Pastore,
irradiando luce d’amore,
chiamava per nome ogni agnello
che lieto s’appressava al Suo ovile.
Quando smarrivano il sentiero
le fischiava, le cercava,
curava loro le ferite,
consolava i cuori
turbati dall’affanno
come Padre amorevole.
Ciò che cercavo
era in quell’ovile.
Svegliatami,
con il cuore infiammato
da quel sogno così bello,
vado in cerca del suo ovile,
della Sua luce, del Suo pane
ed Egli, anche se indegna,
Lo sento a me vicino.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.