Un altu Natali di Maria Teresa Inzaina

un torrenteUn altu Natali
sinn’anda: un nodu
s’agghjunghj a l’arazzu
di la mimoria.
Un’alta dì
no più asettu
e no ancor’ ammentu
s’avvia contr’a currenti
illu riu chi si polta
cun motu diffarenti
d’ugna cosa c’ha vita
lu cumenciu
la dura
la fini.
Andarà
a fassi passatu
chi dà cunfoltu o chi firi
ma nititu
a lu lumu di lu tempu?
Arà a vincì
naichendi a lu cuntrariu
li mulineddhi inzidiosi
di lu smenticu?
O arà a murì impilchjatu
in mezu a rami d’ea
in ribbi chena nommu
presu illu lozzu
chi tuttu inguddhi e sfaci?
Lu figghjulu
chi si dispidi a pianu
da me: nuddha lu po’ trattiné
ne lamentu ne gridu ne prichéra.
È solu un altu Natali chi passa:
ma una liceri trigghjli spiranza
l’accumpagna mentri c’anda
e s’accendi chista notti di ‘arru
di schinchiddhi di luci
a middhi a middhi.

UN ALTRO NATALE

un torrenteUn altro Natale
va via: un nodo
s’aggiunge all’arazzo
della memoria.
Un altro giorno
non più attesa
non ancora ricordo
s’avvia contro corrente
sul fiume che trasporta
con moto differente
d’ogni cosa che ha vita
il principio
il durare
la fine.
Andrà
a farsi passato
che conforta o ferisce
ma vivido
alla lampada del tempo?
Supererà
navigando a ritroso
le gore insidiose
dell’oblio?
O morirà impigliato
tra rami acquatici
di rive senza nome
invischiato nel fango
che ingloba e annichilisce?
Lo guardo
allontanarsi piano
da me: nulla potrà trattenerlo
né lamento né grido né preghiera..
È solo un altro Natale che passa
ma una leggera sottile speranza
l’accompagna mentre va
e s’accende questa notte invernale
di frantumi di luce
a migliaia.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.