“Soni d’almunìa” e “Suoni d’armonìa” di Maria Sale


images-1Undi sarà lu locu chi mi cilcu,
 la dì bona, e cun pasu in cori,
candu m’inghjriani
sonnii di splendori;
o candu , a passi a stentu,
intendu un focu
chi l’occhj mi chjudi cu lu ‘entu.

 

Locu chi sia frunitu
pà fà festa,
undi si curri
tutti a man’a pari,
e cu li passi ghjunti
unu cu l’altu.
Undi cà paldi ridi
e torra in ghjocu,
e ca vinci
la ‘incita cumpalti.
Undi lu pièntu  è solu
d’alligria, e ca si sia
è prontu a dà cunfoltu.  


1512503_10202741213640959_524305746_nSi torra Magghju,
a muita di frondi,
voddhu torr’a intendì
li soni  d’almunia,
chi mi spalghja
una  rosa in pupusoni.
Soni  palduti,
andend’ in press’ in pressa,
e chi mi cilcu abali
e no l’agattu.  


Soni di chiddhi dì
di caldu branu,
chi lu tempu paria
passend’invanu;
e inveci era tissendi
a mani cuati
li pigni boni,
da tinè adducati,
pà alti stasgjoni
e semiti di ‘ita.                                          

 

1° Premio – 10° Cuncursu “Lungoni” di puisia gaddhuresa e cossa – 2004 

          SUONI  D’ARMONIA

 

 images-1Dove sarà il  luogo che io cerco,
al dì sereno, e col cuor pacato,
quando mi cingono
sogni di splendore;
o quando, a passi a stento,
sento un fuoco
che gli occhi mi chiude col suo vento.

 

 Luogo che sia  addobbato
per far festa,
dove si corre
tutti a mani unite,
e coi passi aggiogati
l’uno all’altro.
Dove chi perde ride
e rientra in gioco,
e chi vince
la vincita spartisce.
Dove il pianto è solo
d’allegria, e chiunque
  pronto a dar conforto.

 

 1512503_10202741213640959_524305746_nSe torna Maggio,
col fragor di foglie,
voglio ancora sentire
 i suoni d’armonia,
che m’infondeva
un bocciolo di rosa.
Suoni perduti,
andando in fretta in fretta,
e che mi cerco ora
e non ritrovo.

 

Suoni dei giorni
di calda primavera,
che il tempo mi pareva
fluire invano;
e invece mi tesseva
a mani occulte
i pegni buoni,
da  tener serbati,
per  altre  stagioni
e sentieri di vita.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.