Categoria : versos in limba

“Sa notte pius manna” di Maria Sale

notte 2Sa notte pius manna
accolla ch’est torrada
dend’ispantu e consolu.

S’istella chi nos lughet
cun alas de anghèlu
a costazu nos falat.
Nos mustrat caminera
su chelu nos ispannat
intro sa Notte Santa.

Sa notte pius manna
accolla ch’est torrada
dend’ispantu e consolu.

Tue torras pitzinnu
su coro ti ch’ammajas
in bantzigu de ambaghe.
Intendes sos carignos
s’isper’est accassada
s’inie t’imbenujas.

Sa notte pius manna
accolla ch’est torrada
dend’ispantu e consolu.

notte 3 Intrattenela goi
sa notte chena nue
sa notte tott’incantu.
Né gherra né affannu
sessende su piantu
nascat paghe tottue.

Sa notte pius manna
accolla ch’est torrada
dend’ispantu e consolu.

LA NOTTE PIU’ GRANDE

notte 2 La notte più grande
eccola è ritornata
dando delizia e conforto.

La stella che ci illumina
con angeliche ali
al nostro fianco cala.
Ci indica il sentiero
il cielo ci rischiara
dentro la Notte Santa.

La notte più grande
eccola è ritornata
dando delizia e conforto.

Tu ritorni bambino
il cuore tuo s’ammalia
in culla di bambagia.
Ne senti le carezze
la speme tua s’ avvera
se lì tu t’inginocchi

La notte più grande
eccola è ritornata
dando delizia e conforto.

notte 3Trastullala così
la notte senza nube
la notte tutta incanto.
Né  guerra né affanno
cessando tutto il pianto
nasca dovunque pace.

La notte più grande
eccola è ritornata
dando delizia e conforto.

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.