Categoria : versos in limba

Che unu durche ‘asu di Giangavino Vasco a contivizu de Domitilla Mannu

Cando,vida, cuadu
mi ch’as in cussa die
de su menzus fiore sos colores;
cando m’as istudadu
cun astraos e nie,
su sole de sos annos benidores,

amargura e dolores
sa gianna m’an abbertu
de logos mai ‘idos,
ch’in pettus ismarridos,
m’an postu sos sentidos in cussertu,
fortzas noas mustràndemi,
cando onz’ispera in bruncu  fit lassàndemi.

Tue vida as proadu
a m’aggiungher dolore
cando su gosu in s’ànimu intendio,
ca mai ismentigare
de cuss’antigu amore
intro de custu coro mi podio;
tottu su chi tenio
che cherias leare,
de sa lughe brivàndemi
e sa mente ligàndemi,
po non mi dare modu de contare
tottu su ch’a sa cua
ch’apo furadu da’ sa tanca tua.
Su tempus benidore,
si m’azuat su fadu,
impidare lu cherzo in donz’istante                                                                                                            in su menzus primore
de su chi sonniadu
apo cando ‘e sos bisos fio amante,
cando mi fit bastante,
po mi pesare in bolu,
cussos ojos mirare,
sos pilos carignare
de chie mi daiat su consolu,
in cussu antigu ‘eranu,
cando su mundu intreu aìo in manu.

 

E tando, vida, como
làssami ‘e sei, lassa chi su pasu,
che unu durche ‘asu,
mi fettat cumpanzia in custa domo.

 

 13 luglio 2012

1°Premio ex aequo alla XXI  Edizione del Premio di Poesia Sarda “Remundu Piras” – VILLANOVA MONTELEONE 25 agosto 2012

Altre numerose poesie di Giangavino Vasco con profilo vedi www.luigiladu.it

Traduzione

 

Come un dolce bacio

Quando, vita, nascosto
mi hai quel giorno
i colori del miglior fiore;
quando mi hai spento
con gelo e neve,
il sole degli anni futuri,
amarezza e dolori
mi hanno aperto la porta
di luoghi mai visti,
che smarriti nel petto,
mi hanno rimesso in ordine i sentimenti,
mostrandomi nuove forze,
quando ogni speranza mi stava d’improvviso abbandonando.
Tu vita hai provato
ad aggiungermi dolore
quando la gioia sentivo nel mio animo,
perchè mai dimenticare
quell’antico amore
dentro questo cuore avrei potuto;
tutto ciò che avevo
volevi portar via,
privandomi della luce
e legandomi la mente,
per non darmi la possibilità di raccontare
tutto ciò che di nascosto
ho rubato dal tuo campo.
Il tempo futuro,
se il destino mi aiuta,
lo voglio adoperare in ogni istante                                                                                                            in tutto il meglio
di ciò che sognato
ho quando dei sogni ero amante,
quando mi bastava,
per alzarmi in volo,
guardare quegli occhi,
accarezzare i capelli
di chi mi dava conforto,
in quell’antica primavera,
quando il mondo intero avevo in mano.

 

E allora, vita, adesso
lasciami stare, lascia che la quiete,
come un dolce bacio,
mi faccia compagnia in questa casa.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.