Dies de atunzu di Domitilla Mannu

Rilettura e versione in sardo della poesia di Ange de Clermont
Istasero non drommo
intendo ebbia
s’ùrulu ‘e su ‘entu
mujinende sas fozas
in carrela.
In s’iscuru
de sa note
mi pissighis.
Su pessamentu tou
no isvanessit,
e prego cussu ‘entu
chi si lu giutat
cun issu.
Cun su ‘entu
e cun sas fozas
s’at a isghelare
s’ammentu tou
trista chida
atunzina.

A Marisa, una studentessa che aveva colpito   il cuore del poeta, ma che a sua volta non era stata colpita, forse meravigliata e  felice d’essere oggetto d’amore. Il poeta trasforma lo smacco in una fugace intemperie autunnale,

A Marisa di Ange de Clermont

Non dormo.
S’ode solo
il fischio
del vento
che mulina
le foglie
della via.

Nel buio
della notte
tu m’insegui.
Invano cerco
d’obliarti.

Col vento
e con le foglie
si dileguerà
il tuo ricordo
settimana
autunnale


LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.