6 Marzo 2019 - Categoria: filologia, lingua/limba

“Il Salvatore della Patria” a cura di Massimo Pittau

  Il prof. Paolo Maninchedda (vedi il precedente articolo “Sciabolate metaforiche tra studiosi”) porta avanti da quasi un mese una polemica riguardo alla possibile origine e al significato del suo cognome. Ora egli sul suo sito web ha ritenuto di rincarare la dose rivolgendo valutazioni del tutto inappropriate sia al prof. Massimo Pittau sia al prof. Mauro Maxia. Il prof. Pittau, che è il decano dei linguisti sardi, ha ritenuto di replicare con il presente testo alle ultime esternazioni del prof. Maninchedda. 

Si è addossato la missione di “Salvatore della Patria” il prof. Paolo Maninchedda in Sardegna, distogliendosi però dal dovere istituzionale di allargare e approfondire la propria disciplina, la Filologia Romanza. Infatti: 1) Egli ha preteso di pubblicare l’edizione critica del Condaghe di S. Michele di Salvennor espungendo il vocabolo ‘patata’ che non ha saputo interpretare, mentre tutti i linguisti e geografi sardi da una settantina d’anni sappiamo che significa “piccolo altipiano”. In realtà questo suo errore rappresenta soltanto uno dei numerosi svarioni in cui è incorso nella sua opera. 2) In tutte le discipline gli scienziati procedono spesso a cambiare opinione su una loro ipotesi iniziale; ed allora perché definire “fantalinguistico” il mio cambiare opinione sul sardo tzikki ‘pane speciale delle feste’? Evidentemente il Maninchedda non conosce il valore esatto del prefisso ‘fanta-‘. 3) Egli insiste nel chiedere perché un appellativo si trasformi prima in ‘soprannome’ e dopo in ‘cognome’, mentre tutti gli specialisti di onomastica sappiamo che nel mondo esistono milioni di appellativi trasformati in ‘soprannomi’ e in ‘cognomi’, anche se nella massima parte dei casi soltanto di pochissimi conosciamo l’occasione e la ragione della imposizione del soprannome. 4) Agisce con disonestà professionale nei miei riguardi quando della mia definizione della etimologia del suo cognome fa riferimento ad una sola sua parte, ma trascura a ragion veduta l’altra che è chiaramente esposta nel mio vocabolario. 5) Agisce ancora con disonestà professionale nei miei riguardi quando invita il prof. Mauro Maxia ad andare a leggersi i vocabolari dello Spano, del Casu e del Puddu, compilati da semplici lessicografi, e non il mio «Nuovo Vocabolario della Lingua Sarda – fraseologico ed etimologico» (Selargius 2014) compilato da uno specialista. 6) Il prof. Maninchedda inviti il suo servitorello e schiavetto a starsene da parte e assolutamente zitto; altrimenti parlo io.

Massimo Pittau, Professore Emerito dell’Università di Sassari.

 

Leggi tutto
5 Marzo 2019 - Categoria: eventi luttuosi

Nicolao Manchia (dicembre 1936-marzo 2019): un coetaneo che se ne va di Angelino Tedde

L’addio a Nicolàu

Il tuo nome lasciava nell’aria l’eco di una voce che chiamava qualcuno dalla Grotta del Mercante a Bidda Noa. Il tuo riso smagliante e il tuo abito di fustagno, firmato, non passavano in silenzio. La tua memoria tenace andava ripetendo versi su versi di poeti grandi e piccoli. Ti piaceva scherzare con gli amici ai quali davi un fremito di allegria. Ma un giorno davanti al Municipio ti vidi in bacolo. mortificato. Era scomparso il tuo sorriso ed eri preso da un male che non perdona. Dovevo venire a trovarti, ma come al solito non ho trovato il tempo, caro compaesano e coetaneo. Son venuto come tanti altri compaesani a darti l’ultimo addio nella Chiesa del Carmelo. Avrei voluto cantarti “La pace dei santi concedi o Signore”, ma la mia pur bella voce d’un tempo è ormai afona e allora te l’ho cantata col cuore. Ora giaci rinchiuso nel cofano di noce, nell’avello della tua tomba di famiglia, per sempre. La tua anima però vaga tra i pascoli selvaggi di Pentuma dove hai passato gran parte della vita e da là, dalle tanche di asfodelo. prenderà il volo per cercare la Misericordia immensa del Signore. Ti sia benigno l’incontro anche se come tutti avrai modo di purificarti nell’amore struggente di una breve lontananza dai raggi dell’appagante Eden. Torni polvere il tuo corpo, crocifisso dalla malattia, ma la tua anima purificata, chiamata col tuo bel nome, Nicolau, dalla Vergine Maria, salga per godere in eterno, nel Cielo dei santi. A presto, compaesano e coetaneo, a presto, per ridere insieme nella luce e nel canto del Cielo infinito.
Alla consorte, ai figli, ai familiari e ai compaesani il mio cordoglio profondo.

Leggi tutto
5 Marzo 2019 - Categoria: politologia

“Aspettando Godot” di Stefano Zan in “Mente Politica”

Aspettando Godot

La politica italiana sembra entrata in una sorta di limbo che durerà fino al 26 maggio, data delle elezioni europee quando, secondo tutti gli osservatori, il quadro politico cambierà radicalmente.

Una serie di considerazioni mi inducono a ritenere che non sarà così. Vediamo con un certo ordine.

Leggi tutto
3 Marzo 2019 - Categoria: storia

“Eppure mi diverto” di Massimo Pittau a cura di Mauro Maxia

“Quando la storia della Sardegna sarà finalmente scritta (per ora essa è solo una collezione di racconti costruiti in termini ideologici, coerenti con l’obiettivo ultimo di nascondere una devastante e stupida colonizzazione attraverso la marginalizzazione e più spesso la cancellazione di una civiltà millenaria, unica e incredibilmente interessante); quando le scuole sarde potranno insegnarla ai nuovi studenti restituendo loro lo spessore e l’orgoglio di essere sardi; quando la nuova identità, non basata su false tradizioni e riti imposti alla fine dell’800 ma su un passato stratificato e profondo, sarà diventata consapevolezza, allora si capirà che gli studi e i libri di Massimo Pittau hanno seguito la direzione corretta di analisi e hanno segnato la scoperta della straordinaria piramide sarda e l’apertura della sua porta. Gli elementi ci sono tutti, posti in fila come le pietre che conducono alle tombe dei Giganti, invisibili solo a chi persegue ciecamente una visione asservita della nostra grandezza, ai mediocri che purtroppo ancora occupano i posti di potere e, sciaguratamente, di controllo delle menti”

Mauro Maxia

Così inizia la presentazione di Ciriaco Offeddu del nuovissimo lavoro di Massimo Pittau intitolato “Eppure mi diverto coi Nuragici e con gli Etruschi!”. Che Pittau si diverta ancora, nonostante i suoi 98 anni e i numerosi acciacchi che lo frenano nel suo immutato entusiasmo, è dimostrato da questa raccolta di riflessioni che, come una collana, ricordano alcuni dei punti salienti che ne hanno caratterizzato la lunghissima carriera di studioso della lingua sarda e di quella etrusca. Massimo Pittau, infatti, è autore di oltre 400 pubblicazioni e di una cinquantina di libri, una ventina dei quali sono dedicati alla lingua estrusca che lo hanno reso uno dei più noti etruscologi a livello internazionale. La celebre Accademia della Crusca (che di recente ha invitato il prof. Pittau a collaborare a una sua rubrica) reca nel proprio sito di Internet il volume “Lessico italiano di origine etrusca” pubblicato proprio da Pittau nel 2012 (http://www.accademiadellacrusca.it/it/referenza-bibliografica/bibliographical-novelties/lessico-italiano-origine-etrusca-407-appellativi-2).
Chi volesse divertirsi, insieme al prof. Massimo Pittau, nella rilettura delle sue riflessioni che, insieme a tante polemiche, hanno aperto numerose finestre sulla grande civiltà dei Sardi antichi – che fino a qualche decina di anni fa erano tenute ben chiuse – non deve fare altro che leggere questo suo nuovo e agile volumetto pubblicato dalle Edizioni Della Torre di Cagliari al prezzo di soli 9 €.
Mauro Maxia


 


Leggi tutto
1 Marzo 2019 - Categoria: filologia

“Paulilatino” di Massimo Pittau

Paulilatino (Paulilàtino, pronunzia locale Paùli Làttinu) (villaggio dell’Altipiano di Abbasanta in prov. di Oristano) – L’etimologia del toponimo è possibile solamente col richiamo alla sua esatta forma sarda, che è da intendersi come «Palude lattiginosa», cioè “del colore del latte”, “biancastra” (log. làttinu-a da latte/i, a sua volta dal lat. lac, lactis) (VSG, NLS XXXII).- Però la grande palude di Paulilatino risulta ormai prosciugata.- In epoca nuragica la zona di Paulilatino sarà stata molto importante dal punto di vista antropico e sociale, come dimostrano l’elevato numero di nuraghi (91), fra cui il nuraghe Lugherras = «lucerne» (dove sono state trovate centinaia di lucerne nuragiche, puniche, romane e anche cristiane; chiara prova della destinazione religiosa dei nuraghi).
Ed è molto importante anche il nuraghe Óschine, da confrontare col lat. oscen,-ĭnis «uccello augurale», finora di origine ignota (DELL), ma molto probabilmente etrusca; ha il valore collettivo di «uccelli augurali» e costituisce un’ottima prova del fatto che nel nuraghe si effettuava anche il rito della profezia fondata sul volo degli uccelli.- Il villaggio, appartenente alla diocesi di Santa Giusta, è citato fra le parrocchie che nella metà del sec. XIV versavano le decime alla curia romana (RDS396, 1366, 1626, 1832).
Leggi tutto
RSS Sottoscrivi.