22 settembre 2018 - Categoria: Chiaramonti e dintorni, eventi straordinari

“La festa patronale di San Matteo nel 670 esimo anno dalla nascita del Castello e del borgo diventato paese di Chiaramonti”a cura di Angelino Tedde e servizio fotografico di Vanni Manchia

Sono ormai trascorsi 670 anni, a detta dello storico-archeologo Gianluigi Marras, che è sorto il Castello e il borgo di Chiaramonti. Costruirono il Castello i Doria, padroni dell’Anglona, cacciati da Alghero, da Castelgenovese, da Casteldoria. A coloro che abbandonarono i centri vicini Orria Pitzinna, San Giuliano, Santa Caterina, Ostiano e altri ancora furono riconosciute delle franchigie. Il borgo fu amministrato da un podestà che stranamente si chiamava Giovanni Pischedda [Ioannes Pisquella], presumibilmente arrivato da altro centro. Il procuratore o per dirla modernamente il rappresentate-avvocato del borgo si chiamava Nicola Vare. Non  sto lì a ricordare i Falchi, i Murgia e altri casati dal momento che chi lo desidera potrà consultare lo scritto di Gianluigi Marras su internet.

Si presume che il Castello, costruito nell’area di sedime del cosiddetto Monte de Cheja, ospitasse oltre alla guarnigione di soldati anche la casa del castellano con la cappella, dedicata a San Matteo, apostolo ed evangelista, protettore dei Doria oriundi genovesi, ormai imparentatisi con le famiglie giudicali sarde e da tempo con quelle catalane. Eleonora d’Arborea, giudicessa reggente di Mariano IV, giudice d’Arborea,  in fondo, era  una Bas-Serra, catalana. Brancaleone Doria che fu suo sposo, sicuramente partecipò con Brancaleone, padre, sposato in terzo letto con Costanza Chiaramonte lo ebbe da una relazione extraconiugale con una certa Giacomina, illegittimo, che fu poi legittimato. Insomma i fratelli Cassano, Matteo, e lo stesso succitato Brancaleone, diedero dal cognome della sposa Chiaramonte, non solo a mio avviso, il nome al Castello e al borgo, ancora esistente nelle sue fondamenta a piano terra.

Si tratta delle vie dette Carruzzu Longu, che ha conservato la radice genovese di carruggio, mentre via XX settembre o via delle balle, via Muru Pianedda, che io ho sempre chiamato carrela longa, piatta, s’inerpicano puntigliosamente verso la Roccaforte doriana. A parere del Marras, ma anche di altri suoi sodali, sul Castello come a Dolceacqua correvano le mura e le stesse intorno al borgo come del resto erano costruite lungo tutta via Lamarmora o carrela de sos putos e dietro le poche case (allora di piatta) forse dove il podestà dava udienza ed emetteva sentenze o firmava patti. Non è  curioso che da carruggi più tardi  le vie fossero chiamate, per influsso catalano, carrelas. Ad Alghero si dice ancora “mignons del carrer” per dire “ragazzi della strada”.

21 settembre 2018 - Categoria: letteratura sarda

Sa Bibbia in sardu – Sabientzia, capitulu 17 di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 17

Cuintu contrapassu: iscuru e colunna de fogu

1) Sos giudiscios tuos sun mannos e difitziles a ispiegare, pro custu sas animas menguantes sun istadas leadas in errore.

2) Sos ingiustos cretende de dominare su populu santu, incadenados in s’iscuru e pregioneris de una notte longa, inserrados intro ‘e domo, istaian esclusos dae sa provvidentzia eterna.

3) Cretende de istare cuados cun sos peccados insoro segretos, sutta su ‘elu affumadu de s’irmentigu, sun istados isperdidos, colpidos dae assuconu malu e totu abolotados dae pantasimas.

4) Mancu su cuadorzu inue fini los at bardados dae sa timòria, ma sonos istramutidos tronaian inghiriados a issos, e pantasimas malas cun ghiza mala si lis paraian innanti.

5) Perunu fogu, pro cantu mannu, resessiat a lis faghere lughe, mancu sas lughes de sas istellas resessian a isgiarire cudda notte iscura.

6) Lis appariat solu unu muntone de fogu, totinduna, cun timòria manna, attronitados dae su lampizu de cussa visione, creian fintzas peus sas cosas chi ‘idian.

7) No balian sos imbentos de sas majias, e s’insoro arriscu a pretesa de sabientzia.

8) Prommittian de catzare timòrias e inchietudime dae s’anima malaida, e ruian malaidos pro un’assuconu ridiculu.

9) Fintzas si nudda de ispaventosu los faghiat timire, assuconados dae su passazu de animaleddos minores e dae s’isfrijare de coloras, morian de trèmula, refudende fintzas de abbaidare s’aria, chi niunu podet innorare.

10) Sa malidade, cundennada dae sa propria testimonìa, est calchi cosa de vile e opprimida dae sa cuscescia presumit sempre su pèusu.

11) Sa timòria, difatis, no est ateru si no sa rinuntzia a sos aggiudos de sa rejone,

12) cantu pius pagu in s’intimu s’imbarat dae issos, tantu pius grave s’istimat s’innorantzia de sa causa chi produit su turmentu.

13) Ma issos in cussa notte deaberu impotente, ‘essida dae fundos impenetrabiles de sos ìnferos, chena podere, addrommentidos dae su matessi sonnu,

14) como fin agitados dae pantasimas mostruosas, como paralizados pro suffrimentu de s’anima, ca unu terrore improvvisu e chena isettu si fit imboladu subr’a issos.

15) Gai duncas, ruende inue s’incontraian, fit tancadu in-d’una galera chena friscios,

16) siat chi esseret istadu unu messaju o unu pastore o unu zoronateri impignadu in tribaglios a su solu, leadu a s’ispessada ruiat sutta sa netzessidade chena iscampu, ca totu fin ligados dae sa matessi cadena de iscurigore.

17) Su zuniare de su ‘entu, su cantigu melodiosu de puzones in mesu sos ratos fozidos, su murmurare de abba currente, su tzoccu surdu de roccas chi nde ruen,

18) sa currida chi no s’idet de animales inchietados, sos urulos de belvas crudeles , su rimbombu de calancas de montes, totu los paralizaiat e los pienaiat de ispasimu.

19) Totu su mundu fit allùghidu de lughe giara e dognunu fit impignadu in sas fainas suas chena impedimentu.

20) Solu subr’a issos s’isterriat una notte profunda, immazine de s’iscurigore chi los deviat imboligare, ma fini issos matessi pius penosos de s’iscuru.

Testo in lingua italiana

17 settembre 2018 - Categoria: letteratura sarda

Recensione di Giuseppe Rabitti al romanzo PORTA DI SPERANZA di Maria Cristina Manca

Maria Cristina Manca, Porta di speranza, Edizioni grafica del Parteolla.

PORTA DI SPERANZA è a mio avviso il romanzo che ogni uomo dovrebbe leggere. Maria Cristina Manca in questo suo romanzo analizza con una maieutica da vera psicologa gli stati d’animo che le donne presentano in  varie occasioni quando sono chiamate in causa. La figura di Carbì non solo evidenzia  la sua natura femminile, ma è la sua vita interiore che avvince il lettore.

C’è un richiamo alla nazione Russa, dove molti tesori umani sono presenti ma rimangono nascosti senza una persona che vada a metterli in evidenza. Padre Alberto è la testimonianza di questo.

Il romanzo termina con l’augurio che Rebecca formula ogni sera: «Figli miei, vi do la mia benedizione.  Gesù è vivo, ed è presente qui ed ora. Innamorato di noi».

Alcuni passi del romanzo:

“Ho ascoltato tanto nella mia vita, ho ascoltato tante voci, tanti cuori, tante anime; ho ascoltato soprattutto, e con tremore, le parole e i silenzi dei miei figli; i loro dolori anche quando me li nascondevano, le loro gioie anche quando non me ne facevano parte.

Sì, ho sempre ascoltato con amore ed avidità la voce della vita. Ma adesso la sento sempre meno, c’è minore intensità di suono in essa, forse perché nella sua voce si è inserito il sussurrio sibilante della morte.

La morte ora bussa possente negli eventi, finanche nelle rughe del mio volto un tempo liscio e luminoso di gioventù, la quale allora pareva eterna.

Eh sì, ho ascoltato tanto nella mia vita, ho ascoltato tanti, ho ascoltato Dio.

Così si disse Rebecca.”

© (pagina 56)

8 settembre 2018 - Categoria: eventi luttuosi

“Franco Soddu (1943-2018), un caro compaesano e parente, ci ha lasciati per il Cielo” di Angelino Tedde

FRANCO SODDU
1943-2018

Ci ha lasciati prematuramente, a 75 anni, il nostro caro cugino secondo. Ci sentiamo vicini con cordoglio ed affetto all’afflitta moglie EDVIGE, alla sorella Mariangela, ai fratelli Mario, Salvatore, a Tonino e a tutti i parenti e affini.
Le esequie si svolgeranno a Chiaramonti, oggi,  9 settembre, alle ore 17 nella chiesa del Carmelo.

Francesco, noto Franco, era emigrato con la moglie a Roma dove ha svolto con grande impegno il suo lavoro parasanitario. Era un uomo di poche parole, discreto e affabile. Dei cinque fratelli e due sorelle, a parte Faricu, Mario, Mariangela, Peppino e Teresa, questi ultimi due passati a miglior vita,  era quello che ho poco frequentato, mentre non posso dire altrettanto della cara Edvige che talvolta lo anticipava nel giungere a Chiaramonti per trascorrere le ferie. Con le sorelle Scanu: Farica, Veronica, Nanda, Rachele, Lavinia e le altre ci s’incontrava da anni in luglio e in agosto la domenica mattina in chiesa. Chi giungeva dalla Penisola e chi dall’estero, ma tutti uniti dalla stessa assiduità al precetto festivo domenicale. Sul sagrato ci si scambiava qualche parola e poi ci si risalutava per rivederci l’anno successivo.

Alla famiglia Soddu ero molto legato e da giovane ho frequentato la loro casa, data la parentela.
Anzi quest’estate non abbiamo fatto a tempo con Faricu a tracciare un profilo familiare di zio Giommaria Soddu, cugino primo di mia madre e cugino secondo di mio padre, e della cara zia Pietrina, madre amabilissima e servizievole verso i figli e i parenti. Come con discrezione sono vissuti a Chiaramonti, con la stessa discrezione partirono per un avvenire migliore che hanno trovato nella Penisola. Chi a Torino, chi a Roma chi a Busto Arsizio. L’estate era l’occasione per incontrarsi e scambiare qualche parola.
La scomparsa di Franco, avvenuta per un infarto mentre faceva quello che sarebbe stato l’ultimo bagno a Badesimare, ci ha frastornati e ancora non ci rassegniamo alla sua perdita.
Dall’aspetto robusto e gioviale pareva sprizzare salute. Il cuore lo ha tradito e [come è destino di tutti noi, prima o poi,] se n’è andato. Che il Signore lo accolga nelle sue braccia!
Visitando Facebook qualche ora fa, sono le sette del 9 settembre, ho scoperto la pubblicazione da parte della cognata Veronica di questa poesia postata da Franco nel suo diario il 20 luglio di quest’anno, dedicata alla moglie Edvige, quasi premonitrice della sua imminente dipartita,

QUANDO DOMANI ARRIVERA’

Quando domani arriverà senza di me
e io non sorgendo, ti troverà con gli occhi
pieni di lacrime per me,
vorrei tanto che tu non piangessi
come hai fatto oggi
mentre pensavi alle cose
che non siamo riusciti a dirci.

So che mi ami tanto,
tanto quanto io amo te,
e ogni volta che mi penserai
so che ti mancherò.
Ma quando domani arriverà senza di me
ti prego cerca di capirmi,
è venuto un’angelo che ha chiamato il mio nome
e mi ha preso per mano,
e mi ha detto che c’era un posto pronto per me
lassù in cielo molto in alto
e che dovevo lasciare
tutti quelli che teneramente amo.
Ma quando mi voltai per andare via
una lacrima mi bagnò il viso
perchè e per tutta la vita avevo sempre pensato
che la morte non sarebbe arrivata tanto presto.
Avevo cosi tanto da vivere ancora,
era rimasto cosi tanto da fare,
sembrava quasi impossibile
che fossi davvero sul punto di lasciarti.
Pensai a tutti i nostri ieri,
a quelli allegri e a quelli tristi,
pensai a tutto l’amore che ci eravamo donati,
e alla gioia che avevamo condiviso.
Se potessi rivivere il passato,
anche un solo istante,
ti direi addio con un bacio
e forse ti vedrei sorridere.
Ma poi mi resi conto
che questo non poteva succedere,
che solo il vuoto e i ricordi
avrebbero preso il mio posto.
E se pensavo alle cose terrene
che avrei potuto rimpiangere domani,
pensavo solo a te, e quando ti pensavo
il mio cuore si riempiva di dolore.
Ma quando varcai i cancelli del paradiso,
mi sentii immediatamente a casa,
quando Dio abbasso’ il suo sguardo su di me
e mi sorrise dal suo grande trono dorato
mi disse: Ecco l’eternità
e tutto quanto ti ho promesso.

31 agosto 2018 - Categoria: eventi culturali

Anna Maria Sechi: presentazioni a Perfugas in versione italiana de Le Rondini

Stasera alle 18, presso la sala comunale di Perfugas  sarà presentato in versione italiana il libro di Anna Maria Sechi Le Rondini.

Anna Maria Sechi

Anna Maria Sechi

Cun grande cuntentu pubblicamus custos  ammentos garrigos de sentimentos  e de poesia de cust’amiga de facebbok sarda chi vivit in terra, unu tempus pro issa, istrangia, ma forsis daepoi de tantos annos paret chi lu siat ancora. Sos tempos sunt cambiados, ma s’ammentu de chie at devidu lassare sa terra de nadia s’est impressu in su coro. Sa raighinas bogadas dae una terra e piantadas in atera pianghent ancora. (Anghelu de sa Nièra)

A pustis de 60 e prus annos… 
Die pro die m’abigio chi semus leende a passos longos sa caminera a puntu in giosso , a sa ‘e Pedrantoni, naraiant in bidda mia. 60 annos e prus, sunt colados dae sa die ch’apo atraessadu su mare pro sa prima borta dae sa terra sarda a su continente. Est s’ùnicu biazu chi non s’ismentigat mai, totu est impressu in sa mente.

Su vapore biancu atraccadu in su portu de Olbia, chi in una note de su mese de martzu nos at irraighinadu che un’arburita de nudda dae sa corte de domo nostra pro nos imbolare atesu in cabu a su mundu.
A nos accumpangiare a su portu non b’aimis a nisciunu de sa familia, ne tzias, ne fradiles, fimis solu nois bator, mama, deo e duos frades minores. Tzertu non fiat su vapore modernu chi connoschimus oe.
M’ammento chi sas pagas macchinas chi fiant garrigadas la ant presas e una gru chi las at artziadas in artu e las ant collocadas in su ponte, sos garages no isistiant ca inue oe sunt sos garages a cussos tempos bi fiant sos camerones mannos mannos inue sa gente drommiat, sos òmines a un’ala, sas fèminas e sos pitzinnos a s’àtera ala.
A sas oto in punta su vapore ad artziadu s’àncora e, a passu lèbiu lèbiu  at lèadu su movimentu de sas undas de su mare. Sa note fiat iscurigosa meda, s’ùnica lughe chi nos at accumpangiadu unu pagu fiat su fanale de su faru, chi a pustis de pagos minutos est isparidu dae sos ogros nostros pro si perdere intre chelu e mare in su nudda.
Su chelu issu e totu pariat ingullidu dae su mare.
Deo e mama, incrèdulas e ingenuas, fimis in su ponte chirchende de pòdere fissare in sos ogros e in su coro nostru cussa ùrtima lughe de sa terra chi fimis lassende.

Prus su vapore avanzaiat prus su chelu nche ammuntaiat sa figura de sa Sardigna e s’umbra sua puru. Pro ùnicu consolu intre una lagrima e s’àtera, tenimis sa fide, e tenimis s’ispera de sa vida noa chi dae cussa note aimis àpidu. Gasi pensende, a boghe manna nartzende de memòria sas publicatzìones de sos volantinos ispartos a manu larga in totus sas biddas nostra de Sardignas, sena ischire chi cussas non fiant sèminas sintzeras, ma solu paràulas de ingannu iscritas a propòsitu pro unu pòpulu ingeneu e matzadu dae sa misèria.
Cantas iscunfitas e cantas umiliatziones amus dèpidu suportare pro podet vìvere in custa terra! Cantos rimpiantos ant apidu tzertos babbos e mamas de àere brincadu su mare! Cantas delusiones de si bìdere leados in trampa dae sa natzìone issoro pro unu piatu de ricatu!

Mi benit de pensare chi si babbu no est chèrfidu mai prus torrare in Sardigna mancu pro visita est forsis chi s’est chèrfidu castigare isse matessi de s’èssere bidu obligadu a partire pro campare sa famìlia. Forsis si sentiat in curpa de no essère resèssidu a la mantènnere in terra sua.
Sas mias sunt preguntas senas rispostas. In medas de sa prima generatzìone de sos emìgrados de cussos annos chimbanta, non bi sunt prus: babbu, e totus sos àteros che issu, sunt intèrrados in sos campusantos de custu logu.
Mama e, che issa àteras fèminas de cussos annos. ant cumpridu issas puru su biazu issoro in custa terra de carvone, de abba e de neula.

Ogni tantu mi capitat de assistere a carchi interru, acumpangiare a sa losa una o s’àtera bighina o carchi amigu c’amus connotu in cussos annos.
Como bido semper de prus acurtziande.si su turnu meu. Ite poto nàrrere a parte chi m’abìgio chi su panorama est cambiadu, deo non bidu prus cuddas giannas abertas de sa domos de sos pagos amigos chi tenimis. Fra pagu sa gianna mia puru s’at a serrare.
Sas generatzìones de giòvanos no ant ischire nudda de sos sardos chi b’ant bividu, e nudda si podent imaginare de su chi amus passadu. Inoghe amus bividu totus in s’anònima, niunu connosches, niune ischit dae ue semus bènnidos e cale est istadu su caminu de s’esistèntzia nostra. Sas generatziones noas non podent ischire it’est istada sa vida de sas minieras, in sas iscolas non si nde faeddat prus, si faeddat solu ebbia de s’invasione de sos italianos “Italiens Spaghettis” e de carchi àtera natzìone. Niunu at iscritu sas cosas comente sunt istadas veramente. Oe non servit mancu a nde fàghere a contu, sas minieras sunt serradas, sos minadores sunt casi totu mortos, su passadu est biu solu in sas pagas mentes chi nd’ant regortu s’ammentu innidu. Sa vida paret chi non tèngiat fine ma… che passat che lampu.

RSS Sottoscrivi.