13 ottobre 2018 - Categoria: eventi luttuosi

Antonia Chiara Tedde (1939-2018),ved. di Ico Biddau, ha reso la sua anima al Signore a Baudour (Belgio)

Con profondo dolore i figli: Angelo Serafino con Isabel e  figli, Valerio con i figli, Carlo  con Graziana,  Patrick; il fratello Angelino con Domitilla e i figli, la sorella Agnese con Gian Luigi e i figli, i cugini di Chiaramonti Pietro con Mariuccina e i figli, Mario con Rita e la figlia,Chiara con Nando e i figli, i parenti tutti annunciano la scomparsa a 79 anni a Boudour (Belgio) della cara

ANTONIA CHIARA TEDDE VED. BIDDAU

La Messa di suffragio verrà celebrata nella Parrocchiale di San Matteo in Chiaramonti Mercoledì 17 ottobre alle ore 18.

Antonia Chiara Tedde era nata a Chiaramonti il 7 giugno 1939, entrata in Collegio nel 1947, a 8 anni, ne era uscita a 20 anni, per recarsi a Bergamo dove lavorò presso l’ospedale Matteo Rota che lasciò per contrarre matrimonio a Sassari col compaesano emigrato in Belgio Giovannico Biddau nel 1963. Dal coniugio nacquero 4 figli maschi che tuttora vivono e lavorano in Belgio. La defunta aveva  7 nipoti. Vissuta come madre di famiglia si era dedicata ai figli e al marito, pensionato dall’età di 35 anni, per svariati infortuni subiti in fabbrica. L’ha preceduta nell’aldilà dieci anni fa.
Il figlio secondogenito, Mario Carlo, vive a Sassari ed è professore di Francese al Convitto Nazionale Canopoleno.
Vita di madre di famiglia, estremamente ritirata, ultimamente  le faceva compagnia il figlio Patrick, ultimogenito, presente al suo decesso in ospedale. Ricoverata due settimane  or sono per normali cure di chemio, si è aggravata, è entrata in coma e in quello stato è passata all’altro mondo.

9 ottobre 2018 - Categoria: istituzioni educative, memoria e storia, narrativa

Eleonora Ortu: “Le ragazze del Rifugio Gesù Bambino si raccontano” di Ange de Clermont

Eleonora Ortu, Le Ragazze del Rifugio Gesù Bambino si raccontano, Edes, Sassari 2017 pp. 265.

In questo  scritto di memoria e di storia autobiografica, suddiviso in sei parti, l’autrice, insieme alle compagne, che prendono la parola nella parte sesta,  racconta la vita vissuta in collegio da un anno e mezzo fino al suo ventitreesimo compleanno, quando con rammarico fu costretta a lasciare quella che era stata la sua casa e la sua grande e variegata famiglia con le suore educatrici, delle quali una si comportò con lei come una vera madre e le altre come zie affettuose(1960-1983).
Eleonora Ortu ricorda le sue compagne-sorelle con le quali ha trascorso i momenti più belli della sua triplice infanzia dall’accoglienza ai nove anni, la sua vivacissima adolescenza, contrassegnata da un tentativo, bloccato in sul nascere, di scappare con alcune compagne verso il Continente; i sei anni della punizione da parte di una suora direttrice troppo severa, diversamente dalle altre, amorevoli e affettuose; il periodo scolastico pubblico e il conseguimento del diploma d’infermiera professionale.
Non mancano le relazioni con gl’insegnanti, con le compagne di scuola e quelle tempestose con la madre che, finalmente, a cinque anni dall’abbandono, la riconosce dandole il suo cognome.
Il libro non è affatto una geremiade o un lungo piagnisteo o una furia cieca con accuse feroci contro suore e amministratrici,[come può esser successo a qualche compagna dalla sensibilità patologica e super protetta dalla nobildonna più potente della città], ma un racconto forte e scanzonato, a tratti brioso, con la descrizione di una schiera di oltre cento ragazze di varia età che vissero allegramente tra l’asilo e  la scuola, i giochi nel vasto cortile, la squadra di pallacanestro e i diversi interessi e con l’allevamento di gatti e galline. Non è mancata nemmeno la formazione religiosa da parte delle suore e dei Preti della Missione, confessori e predicatori domenicali.

Fugit irreparabile tempus: dieci anni dall’apertura di accademiasarda.it e un anno dalla scomparsa di Frodo, un cihuahua intelligentissimo

In quest’inizio d’autunno nella malinconia della stagione non posso dimenticare che il 4 ottobre cade l’anniversario della scomparsa di Frodo, il mio amato chihuahua, bellissimo, intelligente e parlante quasi come un bimbo. Una macchina l’ha travolto e ucciso causando in me e in mia moglie e nei figli un dolore lancinante. Sono accorsi tutti e, dopo averlo pietosamente avvolto nei suoi plaid prediletti. lo abbiamo sepolto sotto il grande corbezzolo di fronte alla nostra casa dove già era sepolto da 4 anni il felino nero e caro Pallino.

I nostri due amici animali che vogliamo credere vivano beati nell’Eden venturo. I quattro gatti selvatici che sono man mano arrivati non hanno di certo sostituito l’amore per i primi due né colmano il dolore per la loro perdita. Li nutriamo, li osserviamo, ci fanno battere il cuore d’affetto, ma mai come i primi due che abbiamo perso. Non avrei mai creduto d’affezionarmi così tanto a dei piccoli animali, ma questo è avvenuto con grande gioia del cuore con la stessa per cui abbiamo pianto alla loro scomparsa.

1 ottobre 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba, versos in limba

Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia, capitulu 18 di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 18

1) Pro sos santos tuos lughiat una lughe ‘ia, issos invetze, intendende sas boghes, chena nde ‘idere sa fromma los proclamaian biados, ca no aian sufridu che a issos,

2) E lis torraian grascias ca, offesos pro primos, no lis faghian male perunu e imploraian perdonu pro lis essere istados inimigos.

3) Invetze de sas tenebras lis as dadu una colunna de fogu, comente ghìa in-d’unu ‘iazu isconnoschidu e comente sole chi no balet pro su gloriosu disterrare.

4) Fin dignos de èssere brivados de sa lughe e de èssere imprejonados in s’iscuru sos chi aian tentu serrados in galera sos fizos tuos, pro mesu de sos cales sa lughe incorrutibile de sa legge deviat èssere cuntzessa a su mundu.

Sestu contrapassu: notte de tragedia e de libertade

5) Ca issos aian detzisu de ‘occhire sos naschidorzos de sos santos- e solu unu pitzinnu est istadu ispostu e salvadu – pro castigu as eliminadu una trumàda de sos fizos insoro e los as fatos morrere totu umpare in s’abba a irridu.

6) Cussa notte fit istada preannuntziada a babbos nostros, ca ischende a cales prommissas aian cretidu, esseren istados de bonanimu.

7) Su populu tou s’isettaiat sa salvesa de sos giustos comente s’isterminiu de sos inimigos.

8) Difatis, comente as punidu sos inimigos, gai matessi nos as resu gloriosos, giamendennos a tie.

9) Sos fizos santos de sos giustos ofrian sacrifitzios in segretu e s’an impostu, cuncordos, custa legge divina: sos santos aian partetzipadu che pare a sos benes e a sos perigulos, intonende prima sos cantigos de lode de sos babbos.

10) Faghiat eco su tichirriu cunfusu de sos inimigos e s’isparghiat su lamentu de cantos pianghian sos fizos.

11) Cun sa matessi pena s’isciau fit punidu umpare a su padronu, su populanu suffriat sas matessi penas de su re.

12) Tottumpare, in sa matessi manera, an apidu chimai mortos, e sos bios no bastaian a los interrare ca in-d’un’istante est morta s’insoro pius nobile zenia.

13) Sos chi sun frimmados, incredulos a totu, pro sas majias insoro, a sa morte de sos primos fizos an cunfessadu chi custu populu est fizu de Deus.

14) Mentres unu profundu mudimine imboligaiat totu sas cosas, e sa notte fit in mesanìa,

15) Sa peraula tua onnipotente dae chelu, dae su tronu tou reale, gherradore accanidu, si lampeit in mesu a-i cudda terra de disaccatu mannu, gitende pro ispada arrodada, su cumandu tou malu a pasare.

16) Daghi s’est frimmada, at pienu totu de morte, toccaiat su chelu e caminaiat subra sa terra.

17) Tando pantasimas de sonnios malos los assustaian, timòrias chena ’ispiegassione piombaian subra issos.

18) Ruende mesu mortos inoghe e incue, dognunu mustraiat sa causa de sa morte.

19) Sos sonnios insoro de timòria los aìana preavvisados, pro chi no esseren mortos innorende su motivu de sas suferentzias insoro.

Mineta de isterminiu in su desertu

20) Sa proa de sa morte culpeit fintzas sos giustos e in su desertu b’est istada s’istrage de medas, ma s’ira no dureit tempus longu,

21) Ca un’omine ingulpabile s’impresseit a los difendere, leit sas armas de su ministeru insoro, sa pregadorìa e su sacrifitziu espiatoriu de s’intzensu, s’oponzeit a s’ira e ponzeit fine a sa disaura, mustrende chi fit servidore tou.

22) Isse supereit s’ira divina no cun sa fortza de sa carena, ne cun s’eficatzia de sas armas, ma cun sa peraula placheit su chi castigaiat, ammentendeli sos giuramentos e sas alliantzia de sos babbos.

23) Sos mortos fin rutos a muntones, sos unos subra sos ateros, cando isse, pesendesi in mesu inie, appasigheit s’ira e lis truncheit s’istrada chi andaiat a inue sun sos bios.

24) Subra sa ‘este sua longa fintza a pese bi fit totu su mundu, sos nomenes gloriosos de sos babbos fin intagliados subra de battoro filas de pedras pretziosas e sa maestade tua fit subra sa corona in conca sua.

25) De fronte a-i custu s’isterminadore est torradu impisegus, at timidu, ca, de s’arrabiu, bastaiat un’assazu ebbia.

22 settembre 2018 - Categoria: Chiaramonti e dintorni, eventi straordinari

“La festa patronale di San Matteo nel 670 esimo anno dalla nascita del Castello e del borgo diventato paese di Chiaramonti (1348-2018)”a cura di Angelino Tedde con servizio fotografico di Vanni Manchia

Sono ormai trascorsi 670 anni, a detta dello storico-archeologo Gianluigi Marras, che è sorto il Castello e il borgo di Chiaramonti. Costruirono il Castello i Doria, padroni dell’Anglona, cacciati da Alghero, da Castelgenovese, da Casteldoria. A coloro che abbandonarono i centri vicini Orria Pitzinna, San Giuliano, Santa Caterina, Ostiano e altri ancora per popolare il borgo furono riconosciute delle franchigie. Il borgo fu amministrato da un podestà che stranamente si chiamava Giovanni Pischedda [Ioannes Pisquella], presumibilmente arrivato da altro centro. Il procuratore o per dirla modernamente il rappresentate-avvocato del borgo si chiamava Nicola Vare. Non  sto lì a ricordare i Falchi, i Murgia, gli Usai, i Deiana, i Putzolu e i Serra e altri casati dal momento che chi lo desidera potrà consultare lo scritto di Gianluigi Marras su internet in accademiasarda.it.

Si presume che il Castello, costruito nell’area di sedime del cosiddetto Monte de Cheja, ospitasse oltre alla guarnigione di soldati e altri uffici anche la casa del castellano con la cappella, dedicata a San Matteo, apostolo ed evangelista, protettore dei Doria oriundi genovesi, ormai imparentatisi con le famiglie giudicali sarde e da tempo con quelle catalane. Eleonora d’Arborea, giudicessa reggente di Mariano IV, giudice d’Arborea,  in fondo, era  una Bas-Serra, catalana. Brancaleone Doria Junior che fu suo sposo, sicuramente partecipò con Brancaleone Senior, suo padre, sposato in terzo letto con Costanza Chiaramonte lo ebbe da una relazione con la concubina di nome  Giacomina, nacque illegittimo, ma  fu poi legittimato. Insomma i fratelli Galeotto, Cassano, Manfredo, Matteo, e lo stesso succitato Brancaleone, diedero dal cognome della sposa Chiaramonte, il nome al Castello e al borgo, ancora esistente nelle sue fondamenta a piano terra.

Si tratta delle vie dette Carruzzu Longu, che ha conservato la radice genovese di carruggio, mentre via XX Settembre o via delle Balle, via Muru Pianedda, che io ho sempre chiamato forse erroneamente Carrela Longa, Piatta, s’inerpicano puntigliosamente verso la roccaforte doriana. A parere del Marras, ma anche di altri suoi colleghi, sul Castello come a Dolceacqua correvano le mura e le stesse intorno al borgo come del resto erano costruite lungo tutta via Lamarmora o Carrela de sos Putos e dietro le poche case (allora di Piatta) forse dove il podestà dava udienza ed emetteva sentenze o firmava patti. Non è  curioso che da carruggi più tardi  le vie fossero chiamate, per influsso catalano, carrelas. Ad Alghero si dice ancora “mignons del carrer” per dire “ragazzi della strada”.

RSS Sottoscrivi.