5 Novembre 2019 - Categoria: narrativa

Olita: “Nei romanzi racconto la mia verità” a cura di Giovanna Elies

MADRID – “Intorno a una parola importante quanto impegnativa come verità, ci sono tre dimensioni che Ottavio Olita ci presenta all’inizio di questo romanzo: libertà, rivoluzione, costo”. Questo è quanto scrive don Luigi Ciotti nella prefazione al romanzo “Il costo della Verità”. Ed è la verità, la sua verità, quella che l’autore, Ottavio Olita, calabrese ma sardo d’adozione, espone nei suoi romanzi che nascono da fatti reali di cronaca.

Leggi tutto
5 Novembre 2019 - Categoria: c'est la vie

«E Caracciolo ci disse: siete figli miei, una lettera per il riconoscimento» di Carlo Revelli

Caro direttore, a volte capita, nella vita delle persone, di ritrovarsi in situazioni inattese, assurde. È successo anche a me. Tutto è cominciato a metà ottobre 2007. Mia sorella Margherita aspettava il suo quarto bambino, e mia madre Maria Luisa stava spesso da lei. Ero sceso a Roma per andarle a trovare. Mi capita sovente di volare tra Roma e Parigi da quando vivo e lavoro oltralpe. Non mi sarei mai immaginato, quel giorno, di ascoltare quelle parole.

Leggi tutto
1 Novembre 2019 - Categoria: letteratura sarda

“Bentanas e jannas” “Porte finestre” “Non timas” “Non temere” di Giovanni Soro

Cum s’iscopu de recuire in sos carruzos de su burgu e de nos ammentare de su tempus passadu est istada organizada a Tzaramonte un aboju de poetes in sas carrelas de su burgu inue issos e totu ant legidu sas poesias [coment’a su solitu pius de unu o l’at fata tropu longa o at fatu una comiziu prima de leggere e gai Maria Sale, sa poetessa regina, a mala pena at potidu leggere sa sua e no at leggidu sa mia. Ma deo non mi sento offesu ca sa veridade si nerzat commenta poeta so solo una mineta.] Como pubblico duas poesias de Giuanne Soro, mesu tzaramontesu e mesu ollolaesu. Chie cheret mi podet mandare sa poesia pro las pubblicare. Email: angelinot@tiscali.it-

Al fine di fare ritorno nei carruggi del borgo e di ricordarci del tempo passato è stato organizzato un incontro dei poeti nelle strade dello stesso borgo dove ognuno ha letto la sua. Dopo queste di Giovanni Soro, chi lo desidera, mi mandi la sua poesia. O per email o. a mano.

Leggi tutto
29 Ottobre 2019 - Categoria: memoria e storia

“Chi vede nero e chi vede bianco, chi ha il senso storico e chi non ce l’ha” di Ange de Clermont

La famiglia vincenziana pose piede in Sardegna, ad Oristano, negli anni trenta dell’ottocento                                                                   coi Preti della Missione, ma in breve tempo furono falcidiati dalla malaria. Nel 1855 le Figlie della Carità furono chiamate in Sardegna per curare i colerosi presso gli ospedali di Cagliari, Sassari e la Maddalena svolgendo con grande impegno e professionalità la loro missione. Nel 1856 furono chiamate a dirigere sotto un’amministrazione laica maschile l’Orfanotrofio delle Figlie di Maria Addolorata, ubicato nelle attuali poste centrali. Una sezione fu destinata alle sordomute. Successivamente verso il 1879 giunsero a Cagliari  i Preti della Missione sia come come educatori presso i seminari sardi sia come predicatori popolari.

Leggi tutto
22 Ottobre 2019 - Categoria: recensioni

Presentazione del romanzo Luce degli addii di Eliano Cau a cura di Mauro Maxia

Chi è Eliano Cau

Nato a Neoneli nel 1951. 

Fino a non molti anni fa è stato a lungo professore di lettere nell’Istituto d’Istruzione Superiore di Sorgono. 

Lavori precedenti

2001 Dove vanno le nuvole (Oristano, Ed. S’Alvure). Storia di un’ossessione 

amorosa ambientata nel Barigadu del Settecento.

2004 Adelasia del Sinis (S’Alvure). Romanzo storico su Adelasia di Torres.

2005  Deus ti salvet Maria. Saggio sul gesuita e poeta Bonaventura Licheri.

2008 Per le mute vie (Aìsara). Racconto sugli anni Sessanta ambientato tra Oristano e Neoneli.

Leggi tutto
RSS Sottoscrivi.