25 Marzo 2020 - Categoria: lingua/limba, versos in limba

Su Cantigu de sos Cantigos – capitulu 7 Tradotto in lingua sarda da Maria Sale

Su coro

Maria Sale

Giradi, giradi Sulammita, chìnduladi,
chìnduladi: ti cherimus bidere cun ammiru.
It’est chi ammirades bois in Sulammita,
cando faghet ballu a duas filas”.

S’isposu

“Cantu pès tuos sun bellos,
in sandulas, fiza de printzipe!
Che prendas sos costazos tuos,
sun  faina de manos de artista.
S’imbiligu est copa tunda,
inue b’at binu drogadu.
Sa matta est muntone de trigu,
totu inghiriadu de lizos.
Sas petorras sun duas crabas arestes,
copiles de sa crabola.
Su tuju est che turre de avoriu,
sos ojos che pischinas de Chesbòn,
in sa gianna de Bat-Rabbìm;
su nare tou est che turre de Libanu
tentadora a s’ala ‘e Damasco.
Sa conca tua, est rea che su Gàmminu,
piluca ruja b’at subra,
e a sas tritzas b’est presu unu re”.
Cantu ses bella e cantu ses grasciosa,
amore, fiza de su gosu!
S’altaria tua a pramma assimizat
e su sinu tou a budrones.
Apo nadu:”Deo ap’a pigare a sa pramma,
pro nd’e ‘oddire budrones de indàtiles;
che budrones mi sian sas petorras
e che pumos su nuscu ‘e s’alenu.”

Leggi tutto
19 Marzo 2020 - Categoria: eventi straordinari

“L’epidemia fra congetture, dati numerici, processi fisiopatologici e spinte “razionali”” di Francesco Domenico Capizzi di Mente Politica

Francesco Domenico Capizzi * – 18.03.2020

Coronavirus

Molti si stanno chiedendo, e qualche lettore di “Mentepolitica” mi ha interrogato a proposito, se i decessi avvengano “per il virus o con il virus” viste le età avanzate, accompagnate da pluri-morbilità, di larga parte delle persone ricoverate in Reparti di terapia sub-intensiva e intensiva e decedute. Per sciogliere questo dilemma bisogna giustapporre i dati acquisiti ai processi fisiopatologici di base, cioè affacciarsi sulla catena di fenomeni che precedono e dominano ogni patologia d’organo e di organismo, dalle infezioni alle già pandemiche malattie croniche e degenerative.
Leggi tutto
18 Marzo 2020 - Categoria: lingua/limba, vita contadina

Cantigu de sos cantigos – capitulu 6 traduidu dae Maria Sale poetessa de Sardigna

 

 Su coro
o bella, s’istimadu tou?
A inue si ch’est andadu,
pro chi nois lu chirchemus pro te?
A inue si ch’est andadu,
o bella, s’istimadu tou?
A inue si ch’est andadu,
pro chi nois lu chirchemus pro te?

Leggi tutto
14 Marzo 2020 - Categoria: eventi luttuosi

“La scomparsa di Valerio Biddau-Tedde, artigiano e padre premuroso di quattro figli” di Angelino Tedde

L’emigrazione è per tanti i versi quanto di peggio possa esserci quando essa impedisce i contatti con la rete parentale, parentelare, paesana, amicale. Così si rafforza la propria identità non certo emigrando.
Mia sorella, per sposare un suo compagno di fanciullezza, aveva lasciato l’Italia per seguire il marito Ico Biddau. Dal loro matrimonio sono nati quattro figli che a loro volta hanno avuto in totale 7 figli, quindi per mia sorella 7 nipoti. I figli di Ico e di Antonia hanno press’a poco l’età dei nostri figli.
VALERIO BIDDAU-TEDDE,55 anni,(Baudour,6.08.1965-Bissou 13.03.2020) carpentiere in legna e ferro, ha tirato su una famiglia di quattro figli che abbiamo potuto conoscere soprattutto attraverso Facebook. Ragazzi simpatici e carini, ma anche dotati di una grande sensibilità poetica come appare dai loro scritti. Il loro padre ha sempre lavorato nell’edilizia e li ha tirati su col suo costante lavoro. Io ebbi modo di conoscerlo grazie alle visite ai suoi genitori e per procura io e mia moglie lo avevamo battezzato.
Qualche anno fa, quando aveva deciso di venire a Chiaramonit, è stato colpito da una sclerosi multipla fulminante che nell’arco di nemmeno un anno l’ha portato a morire.
Valerio ha avuto quattro figli, due maschi e due femmine, dei quali era orgoglioso. Tutti lavorano dignitosamente.
Leggi tutto
11 Marzo 2020 - Categoria: lingua/limba, versos in limba

“Cantigu de sos cantigos – capitulu 5” de Maria Sale,grande poetessa de Sardigna.

 

A su giardinu meu, sorre mia, isposa,
deo bennidu sò, mirra e balsamu meu agoglio;
su mele meu a reje mi mandigo
e mi buffo su ‘inu e su latte meu.
Mandigade amigos caros,
imbreagadebos e buffade.

Cuartu poema

Leggi tutto
RSS Sottoscrivi.