15 Luglio 2019 - Categoria: cristianesimo

“La Madonna del Carmelo” di Cristina Siccardi e di Antonio Borrelli

di Cristina Siccardi

Il 16 luglio ricorre una festa mariana molto importante nella Tradizione della Chiesa: la Madonna del Carmelo, una delle devozioni più antiche e più amate dalla cristianità, legata alla storia e ai valori spirituali dell’Ordine dei frati della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo (Carmelitani). La festa liturgica fu istituita per commemorare l’apparizione del 16 luglio 1251 a san Simone Stock, all’epoca priore generale dell’ordine carmelitano, durante la quale la Madonna gli consegnò uno scapolare (dal latino scapula, spalla) in tessuto, rivelandogli notevoli privilegi connessi al suo culto.

Leggi tutto
12 Luglio 2019 - Categoria: Chiaramonti e dintorni

I maturati di Chiaramonti dopo cinque anni di formazione in vari istituti di Sassari e provincia a cura di Angelino Tedde

La maturità classica, scientifica, tecnica o artistica o di altro orientamento è una tappa importante nella formazione scolastica dei nostri ragazzi che, entrati adolescenti alle superiori, vengono fuori giovani di 18 e 19 anni. Gli esami di stato sui quali ogni governo pare debba obbligatoriamente esercitarsi, per fortuna o sfortuna dei candidati, sono sempre difficili e creano patemi d’animo che non possono evitarsi, visto che la Costituzione li impone.

Leggi tutto
27 Giugno 2019 - Categoria: memoria e storia

I 670 anni della prima notizia di Chiaramonti (Sassari) di Angelino Tedde

Mi è molto dispiaciuto non partecipare al seminario, [a quanto pare organizzato dal consigliere Migoni], sulla nascita del Castello e del Borgo di Chiaramonti da parte di Brancaleone Doria di Nurra e di Uta e dei figli Cassano, Matteo e altri  compreso Brancaleone Doria junior, avuto dal citato Brancaleone dalla concubina Giacomina e poi legittimato e andato sposo  a Eleonora d’Arborea. 

Leggi tutto
24 Giugno 2019 - Categoria: narrativa

” E allora ti dirò ocone.” di Sarah Savioli

“Oh, ma guarda, il sette bello in tavola. C’ho proprio il sette di coppe, quindi me lo prendo io.”
“Frigròbb CULfhieeprm CUL djcorhovq CUL!”
“Ettore, non essere volgare.”
“Oca!”
“E allora io ti dirò ocone.”

Mentre nel pomeriggio studiavo nella stanza dove c’era una vecchia scrivania, i miei nonni facevano la loro partitina a carte. E litigavano. La partita si teneva sempre alla stessa ora da cinquant’anni. La litigata pure.
Dopo un certo numero di “difdg CUL!”, mia nonna diceva “Ma Ettore!”, mio nonno usciva sbattendo la porta, andava a bere un bianchino al bar con i suoi amici, poi tornava a cena e tutto era passato.
Per forza tutto era passato. Perché mia nonna vinceva sempre.  
Era dotata di una sorte incredibilmente propizia nell’assegnazione delle carte, sorte che lei accoglieva sorridente e utilizzava per piallare mio nonno come non ci fosse un domani. Scopa, tresette, briscola, scala quaranta. Niente, in quella casa c’era una vincitrice e un irrimediabile perdente. 

Leggi tutto
17 Giugno 2019 - Categoria: storia

“L’inquieta Sardegna di Berto Cara” di Tonino Loddo

Poco si sa di Berto Cara, romanziere, drammaturgo, sceneggiatore e poeta di temperata facondia, che nelle proprie opere ha cantato l’evocativa semplicità dei luoghi della propria infanzia e della propria adolescenza, rivivendone, nell’atto della scrittura, frammenti ampi, di cui esibisce gli andamenti ruvidi e scintillanti e l’estensione modesta eppure misteriosa e inesplorata. Il profumo amaro delle erbe2, lo splendore dei fiori, la luce obliqua che si allunga a sera verso il mare, i piccoli orti e i loro fat cati prodotti («Qui non si canta. Qui si lavora in silenzio»3, dice Bustianu a Taneddu), il «chiasso assordante dei passeri»4, le case «che parevano sepolcri»5 … costituiscono, infatti, le sensazioni prelinguistiche che confluiscono nell’immaginario dello scrittore non come elementi decorativi di contorno, ma come luogo ideale dell’esistenza, come unico spazio in cui sarebbe dolce vivere se solo fosse possibile fermare il tempo. Lo spazio sardo (e quello ogliastrino in particolare, «culla di tutti i miraggi mai raggiunti dal nomade»6) diventa, in tal modo, tramite l’azione continuadella memoria, una sorta di garanzia dell’esistenza, un punto costante cui egli fa ricorso nella scrittura per averne sicurezza, per ritrovare – soprattutto nei momenti di

Leggi tutto
RSS Sottoscrivi.