17 luglio 2018 - Categoria: cristianesimo, cultura, lingua/limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 13 di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 13

Maria Sale

Protzessu a s’idulatrìa. Indeosadura de sa natura

1) Tontos de abberu pro natura totu sos omines chi vivian in s’innorantzia de Deus. E dae sos benes chi ‘idian no an riconnotu su chi issu est, no an riconnotu s’artefitze, puru cunsiderende-nde sas oberas.

2) Ma o su fogu o su ‘entu o s’aria fine o s’aera isteddada o s’abba a irridu o sos astros de su chelu cunsideraian comente deos, chi rezian su mundu.

3) Si, ispantados pro s’insoro bellesa, los an leados pro deos, pensen tando cantu est superiore s’insoro Segnore, ca los at criados su matessi mastru de sa bellesa.

4) Si sun meravizados de s’insoro potentzia e attividade, pensen dae cussu cantu est pius potente chie los at formados.

5) Difatis, dae sa mannesa e bellesa de sas oberas, pro assimizu si connoschet su mastru chi l’at fata.

6) Cun totu custu pro issos est lebiu su rimproveru, pruite issos, forsis, s’ingannan in sa chirca de Deus e in su cherrer-lu agatare.

7) Occupendesi de sas oberas suas, faghen indiscios, ma si lassan trampare dae s’aparentzia, ca sas cosas chi s’iden sun bellas meda.

8) Mancu custos però sun de iscujare,

9) pruite si an potidu ischire tantu, de cumpidare s’universu, comente mai, pius a prestu, no nd’an agatadu su padronu?

17 luglio 2018 - Categoria: storia

Il dottore di ricerca Francesco Obinu si è abilitato come professor e associato di II fascia

Apprendiamo con piacere che il dott. Francesco Obinu, già nostro collaboratore, si è abilitato nel concorso universitario nazionale come professore di II fascia,
Auguriamo al nostro caro amico ogni bene, continuando sempre ad  occuparsi della Storia dell’Educazione e delle Istituzioni Educative  dei Sardi.

14 luglio 2018 - Categoria: letteratura sarda, lingua/limba

“Miallina, Gildo e Thau” di Giovanna Elies

Semus in domo de Miallina, in s’apposentu. Est una domo in paris, de cussas chi s’agatan in sos platos de sas tzittades. Est tota bene ammobiliada cun ispijos, retrattos, taulinos, ottomanas, iscaffales de libaros e  fiores de ogni zenia e calidade. Subra unu taulinu unu monitor e a fiancu su televisore. In custu monitor, die pro die s’est averiguada una fregura de òmine. Ha comintzadu a tenea-tenea a si che la imboligare, fina chi b’est resessidu. Miallina est una pisedda sola, isettende s’amoradu c’àt passadu su tempus. Daghi in su monitor  s’est averiguada sa fregura de òmine chi, die pro die, si che l’est intradu in tzelembros chi podiat essere s’amoradu sou Issa puru cumprendet chi no est òmine intreu, mezus cussu ca no nudda.

2 luglio 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 12 di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 12

1) ca s’ispiridu tou incorrutibile est in totu sas cosas.

2) Pro custu tue castìgas a pagu a pagu sos gulpevoles e los ammùnis ammentendelis sos peccados insoro, pro chi, rinneghen sa malidade e crèan in tegus, Segnore.

Moderassione de Deus pro Canaan

3) Tue odiaias sas zentes antigas de sa terra santa,

4) ca faghian delitos de ischivire, pratigas de majias e ritos sacrilegos.

5) Custos ispiedados bocchidores de sos fizos insoro, mandigadores de minuzos in apparitzos cun peta de omine, invisciados a rebottadas.

6) Babbos e mamas boccìnos de vidas chena ampàru perunu, tue los as cherfidos distruere pro manu de sos giajos nostros;

7) pro chi èsserat retzidu una zenìa digna de fizos de Des sa terra chi tue as istimadu pius de ogni atera.

8) Ma fintzas cun issos, sende omines, ses istadu benignu mandendelis trumas de espes a copinnantis de s’esercitu tou, pro chi los èsseren distrutos a pagu a pagu.

9) Puru potende dare in cumbata sos malos in manos a sos giustos, o puru potendelos distrùere cun bestias ferotzes o tot’in-d’unu mamentu cun-d’unu cumandu accanidu,

10) Colpendelos invece a pagu a pagu, lassaisti logu a su penetimentu, puru si tue ignoraias chi sa ratza insoro fit revessa, sa malidade insoro naturale e chi sa mentalidade insoro no podiat cambiare,

30 giugno 2018 - Categoria: memoria e storia, storia

“Mons. Damiano Filia (Illorai,1878-Sassari,1956): sacerdote e storico insigne” di Mons. Pietro Meloni, Vescovo Emerito di Nuoro, già professore di Letteratura antica presso l’Uniss.

Pubblichiamo con vero piacere su accademiasarda.it il contributo del già Prof. dell’Uniss e Vescovo emerito di Nuoro  Mons. Pietro Meloni pronunciato  il 23 gennaio 2018 presso il Seminario Vecchio di Ozieri, nel corso della commemorazione di mons. Damiano Filia, a 140 anni dalla nascita, già sacerdote plurilaureato in Teologia e in Utroque jure e storico insigne, autore della Sardegna Cristiana, III, Edizione Anastatica,  Carlo Delfino Sassari  1995. Cogliamo l’occasione per porgere a Mons. Meloni i nostri auguri per il Giubileo Sacerdotale che cade in questi giorni.

 “Il nome di Mons. Filia rimane come uno dei più illustri, non solo dell’arcidiocesi di Sassari, ma della Sardegna tutta negli ultimi 50 anni”. Queste parole di Mons. Francesco Spanedda sono risuonate nella chiesa cattedrale di Sassari all’indomani della morte del vicario generale della Diocesi, avvenuta il 22 maggio 1956. Il futuro vescovo mostrava che proprio dallo studio della storia della “Sardegna Cristiana” il Filia “traeva gli auspici per la sua rinascita nel segno luminoso della fede avita”.

       L’arcivescovo Mons. Arcangelo Mazzotti manifestò  in quel giorno il rimpianto della comunità diocesana di Sassari, e di tutta la Chiesa Sarda, per la morte di “un sacerdote dalle qualità eccezionali”. Mons. Attilio Ingolotti sottolineò la sua umiltà e la sua modestia, ricordando che il Filia sempre aveva “sfuggito plausi e onori”, convinto dell’antica verità: “apostoli gloria Christi”. Nella celebrazione la Polifonica Santa Cecilia eseguiva la “Messa da Requiem” di Lorenzo Perosi.

       La Sardegna e la sua storia erano state la grande passione di Damiano Filia, sacerdote e studioso. Nella celebrazione liturgica del trigesimo della morte, il suo “maestro e amico” professore Mons. Sebastiano Pola lo ricordò come grande predicatore, giornalista, polemista, umile, generoso, leale, docile ai vescovi e amorevole con i sacerdoti, fedele nelle amicizie con tutti. Era dotato di un “ingegno forte e nutrito di sicura e soda erudizione”, e soprattutto era uno “storico coscienzioso” dal “carattere fiero e ruvido alle volte”, uno scrittore animato da spirito poetico e artistico.

       Damiano Filia era nato a Illorai il 4 novembre 1878. Lo zio Mons. Damiano Masala, priore di Nostra Signora di Bonarcado – dopo essere stato parroco di Bono e della Chiesa Cattedrale di Ozieri – lo aveva ospitato nel Santuario di “Bonaccattu” per inviarlo ad Oristano a compiere gli studi ginnasiali. Poi lo aveva presentato all’Arcivescovo di Sassari Mons. Diego Marongio Delrio, il quale lo accolse nel Seminario Arcivescovile e nell’Istituto Teologico. All’età di 24 anni il Filia conseguì la laurea in Teologia a Sassari e fu ordinato sacerdote in Cattedrale il 19 settembre 1903.

RSS Sottoscrivi.