17 settembre 2018 - Categoria: letteratura sarda

Recensione di Giuseppe Rabitti al romanzo PORTA DI SPERANZA di Maria Cristina Manca

Maria Cristina Manca, Porta di speranza, Edizioni grafica del Parteolla.

PORTA DI SPERANZA è a mio avviso il romanzo che ogni uomo dovrebbe leggere. Maria Cristina Manca in questo suo romanzo analizza con una maieutica da vera psicologa gli stati d’animo che le donne presentano in  varie occasioni quando sono chiamate in causa. La figura di Carbì non solo evidenzia  la sua natura femminile, ma è la sua vita interiore che avvince il lettore.

C’è un richiamo alla nazione Russa, dove molti tesori umani sono presenti ma rimangono nascosti senza una persona che vada a metterli in evidenza. Padre Alberto è la testimonianza di questo.

Il romanzo termina con l’augurio che Rebecca formula ogni sera: «Figli miei, vi do la mia benedizione.  Gesù è vivo, ed è presente qui ed ora. Innamorato di noi».

Alcuni passi del romanzo:

“Ho ascoltato tanto nella mia vita, ho ascoltato tante voci, tanti cuori, tante anime; ho ascoltato soprattutto, e con tremore, le parole e i silenzi dei miei figli; i loro dolori anche quando me li nascondevano, le loro gioie anche quando non me ne facevano parte.

Sì, ho sempre ascoltato con amore ed avidità la voce della vita. Ma adesso la sento sempre meno, c’è minore intensità di suono in essa, forse perché nella sua voce si è inserito il sussurrio sibilante della morte.

La morte ora bussa possente negli eventi, finanche nelle rughe del mio volto un tempo liscio e luminoso di gioventù, la quale allora pareva eterna.

Eh sì, ho ascoltato tanto nella mia vita, ho ascoltato tanti, ho ascoltato Dio.

Così si disse Rebecca.”

© (pagina 56)

8 settembre 2018 - Categoria: eventi luttuosi

“Franco Soddu (1943-2018), un caro compaesano e parente, ci ha lasciati per il Cielo” di Angelino Tedde

FRANCO SODDU
1943-2018

Ci ha lasciati prematuramente, a 75 anni, il nostro caro cugino secondo. Ci sentiamo vicini con cordoglio ed affetto all’afflitta moglie EDVIGE, alla sorella Mariangela, ai fratelli Mario, Salvatore, a Tonino e a tutti i parenti e affini.
Le esequie si svolgeranno a Chiaramonti, oggi,  9 settembre, alle ore 17 nella chiesa del Carmelo.

Francesco, noto Franco, era emigrato con la moglie a Roma dove ha svolto con grande impegno il suo lavoro parasanitario. Era un uomo di poche parole, discreto e affabile. Dei cinque fratelli e due sorelle, a parte Faricu, Mario, Mariangela, Peppino e Teresa, questi ultimi due passati a miglior vita,  era quello che ho poco frequentato, mentre non posso dire altrettanto della cara Edvige che talvolta lo anticipava nel giungere a Chiaramonti per trascorrere le ferie. Con le sorelle Scanu: Farica, Veronica, Nanda, Rachele, Lavinia e le altre ci s’incontrava da anni in luglio e in agosto la domenica mattina in chiesa. Chi giungeva dalla Penisola e chi dall’estero, ma tutti uniti dalla stessa assiduità al precetto festivo domenicale. Sul sagrato ci si scambiava qualche parola e poi ci si risalutava per rivederci l’anno successivo.

Alla famiglia Soddu ero molto legato e da giovane ho frequentato la loro casa, data la parentela.
Anzi quest’estate non abbiamo fatto a tempo con Faricu a tracciare un profilo familiare di zio Giommaria Soddu, cugino primo di mia madre e cugino secondo di mio padre, e della cara zia Pietrina, madre amabilissima e servizievole verso i figli e i parenti. Come con discrezione sono vissuti a Chiaramonti, con la stessa discrezione partirono per un avvenire migliore che hanno trovato nella Penisola. Chi a Torino, chi a Roma chi a Busto Arsizio. L’estate era l’occasione per incontrarsi e scambiare qualche parola.
La scomparsa di Franco, avvenuta per un infarto mentre faceva quello che sarebbe stato l’ultimo bagno a Badesimare, ci ha frastornati e ancora non ci rassegniamo alla sua perdita.
Dall’aspetto robusto e gioviale pareva sprizzare salute. Il cuore lo ha tradito e [come è destino di tutti noi, prima o poi,] se n’è andato. Che il Signore lo accolga nelle sue braccia!
Visitando Facebook qualche ora fa, sono le sette del 9 settembre, ho scoperto la pubblicazione da parte della cognata Veronica di questa poesia postata da Franco nel suo diario il 20 luglio di quest’anno, dedicata alla moglie Edvige, quasi premonitrice della sua imminente dipartita,

QUANDO DOMANI ARRIVERA’

Quando domani arriverà senza di me
e io non sorgendo, ti troverà con gli occhi
pieni di lacrime per me,
vorrei tanto che tu non piangessi
come hai fatto oggi
mentre pensavi alle cose
che non siamo riusciti a dirci.

So che mi ami tanto,
tanto quanto io amo te,
e ogni volta che mi penserai
so che ti mancherò.
Ma quando domani arriverà senza di me
ti prego cerca di capirmi,
è venuto un’angelo che ha chiamato il mio nome
e mi ha preso per mano,
e mi ha detto che c’era un posto pronto per me
lassù in cielo molto in alto
e che dovevo lasciare
tutti quelli che teneramente amo.
Ma quando mi voltai per andare via
una lacrima mi bagnò il viso
perchè e per tutta la vita avevo sempre pensato
che la morte non sarebbe arrivata tanto presto.
Avevo cosi tanto da vivere ancora,
era rimasto cosi tanto da fare,
sembrava quasi impossibile
che fossi davvero sul punto di lasciarti.
Pensai a tutti i nostri ieri,
a quelli allegri e a quelli tristi,
pensai a tutto l’amore che ci eravamo donati,
e alla gioia che avevamo condiviso.
Se potessi rivivere il passato,
anche un solo istante,
ti direi addio con un bacio
e forse ti vedrei sorridere.
Ma poi mi resi conto
che questo non poteva succedere,
che solo il vuoto e i ricordi
avrebbero preso il mio posto.
E se pensavo alle cose terrene
che avrei potuto rimpiangere domani,
pensavo solo a te, e quando ti pensavo
il mio cuore si riempiva di dolore.
Ma quando varcai i cancelli del paradiso,
mi sentii immediatamente a casa,
quando Dio abbasso’ il suo sguardo su di me
e mi sorrise dal suo grande trono dorato
mi disse: Ecco l’eternità
e tutto quanto ti ho promesso.

31 agosto 2018 - Categoria: eventi culturali

Anna Maria Sechi: presentazioni a Perfugas in versione italiana de Le Rondini

Stasera alle 18, presso la sala comunale di Perfugas  sarà presentato in versione italiana il libro di Anna Maria Sechi Le Rondini.

Anna Maria Sechi

Anna Maria Sechi

Cun grande cuntentu pubblicamus custos  ammentos garrigos de sentimentos  e de poesia de cust’amiga de facebbok sarda chi vivit in terra, unu tempus pro issa, istrangia, ma forsis daepoi de tantos annos paret chi lu siat ancora. Sos tempos sunt cambiados, ma s’ammentu de chie at devidu lassare sa terra de nadia s’est impressu in su coro. Sa raighinas bogadas dae una terra e piantadas in atera pianghent ancora. (Anghelu de sa Nièra)

A pustis de 60 e prus annos… 
Die pro die m’abigio chi semus leende a passos longos sa caminera a puntu in giosso , a sa ‘e Pedrantoni, naraiant in bidda mia. 60 annos e prus, sunt colados dae sa die ch’apo atraessadu su mare pro sa prima borta dae sa terra sarda a su continente. Est s’ùnicu biazu chi non s’ismentigat mai, totu est impressu in sa mente.

Su vapore biancu atraccadu in su portu de Olbia, chi in una note de su mese de martzu nos at irraighinadu che un’arburita de nudda dae sa corte de domo nostra pro nos imbolare atesu in cabu a su mundu.
A nos accumpangiare a su portu non b’aimis a nisciunu de sa familia, ne tzias, ne fradiles, fimis solu nois bator, mama, deo e duos frades minores. Tzertu non fiat su vapore modernu chi connoschimus oe.
M’ammento chi sas pagas macchinas chi fiant garrigadas la ant presas e una gru chi las at artziadas in artu e las ant collocadas in su ponte, sos garages no isistiant ca inue oe sunt sos garages a cussos tempos bi fiant sos camerones mannos mannos inue sa gente drommiat, sos òmines a un’ala, sas fèminas e sos pitzinnos a s’àtera ala.
A sas oto in punta su vapore ad artziadu s’àncora e, a passu lèbiu lèbiu  at lèadu su movimentu de sas undas de su mare. Sa note fiat iscurigosa meda, s’ùnica lughe chi nos at accumpangiadu unu pagu fiat su fanale de su faru, chi a pustis de pagos minutos est isparidu dae sos ogros nostros pro si perdere intre chelu e mare in su nudda.
Su chelu issu e totu pariat ingullidu dae su mare.
Deo e mama, incrèdulas e ingenuas, fimis in su ponte chirchende de pòdere fissare in sos ogros e in su coro nostru cussa ùrtima lughe de sa terra chi fimis lassende.

Prus su vapore avanzaiat prus su chelu nche ammuntaiat sa figura de sa Sardigna e s’umbra sua puru. Pro ùnicu consolu intre una lagrima e s’àtera, tenimis sa fide, e tenimis s’ispera de sa vida noa chi dae cussa note aimis àpidu. Gasi pensende, a boghe manna nartzende de memòria sas publicatzìones de sos volantinos ispartos a manu larga in totus sas biddas nostra de Sardignas, sena ischire chi cussas non fiant sèminas sintzeras, ma solu paràulas de ingannu iscritas a propòsitu pro unu pòpulu ingeneu e matzadu dae sa misèria.
Cantas iscunfitas e cantas umiliatziones amus dèpidu suportare pro podet vìvere in custa terra! Cantos rimpiantos ant apidu tzertos babbos e mamas de àere brincadu su mare! Cantas delusiones de si bìdere leados in trampa dae sa natzìone issoro pro unu piatu de ricatu!

Mi benit de pensare chi si babbu no est chèrfidu mai prus torrare in Sardigna mancu pro visita est forsis chi s’est chèrfidu castigare isse matessi de s’èssere bidu obligadu a partire pro campare sa famìlia. Forsis si sentiat in curpa de no essère resèssidu a la mantènnere in terra sua.
Sas mias sunt preguntas senas rispostas. In medas de sa prima generatzìone de sos emìgrados de cussos annos chimbanta, non bi sunt prus: babbu, e totus sos àteros che issu, sunt intèrrados in sos campusantos de custu logu.
Mama e, che issa àteras fèminas de cussos annos. ant cumpridu issas puru su biazu issoro in custa terra de carvone, de abba e de neula.

Ogni tantu mi capitat de assistere a carchi interru, acumpangiare a sa losa una o s’àtera bighina o carchi amigu c’amus connotu in cussos annos.
Como bido semper de prus acurtziande.si su turnu meu. Ite poto nàrrere a parte chi m’abìgio chi su panorama est cambiadu, deo non bidu prus cuddas giannas abertas de sa domos de sos pagos amigos chi tenimis. Fra pagu sa gianna mia puru s’at a serrare.
Sas generatzìones de giòvanos no ant ischire nudda de sos sardos chi b’ant bividu, e nudda si podent imaginare de su chi amus passadu. Inoghe amus bividu totus in s’anònima, niunu connosches, niune ischit dae ue semus bènnidos e cale est istadu su caminu de s’esistèntzia nostra. Sas generatziones noas non podent ischire it’est istada sa vida de sas minieras, in sas iscolas non si nde faeddat prus, si faeddat solu ebbia de s’invasione de sos italianos “Italiens Spaghettis” e de carchi àtera natzìone. Niunu at iscritu sas cosas comente sunt istadas veramente. Oe non servit mancu a nde fàghere a contu, sas minieras sunt serradas, sos minadores sunt casi totu mortos, su passadu est biu solu in sas pagas mentes chi nd’ant regortu s’ammentu innidu. Sa vida paret chi non tèngiat fine ma… che passat che lampu.

17 agosto 2018 - Categoria: lingua/limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 17 di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 16

Sigundu contrapassu: sas ranas

1) Pro custu sun istados giustamente punidos cun esseres similes e turmentados dae meda animaleddos.

2) Invetze de tale castigu, tue as beneficadu su populu tou, pro nd’appagare s’apetitu mannu lis as preparadu unu mandigu bonu e saboridu, sas cuaglias.

3) Sos egitzianos, difatis, mancari abbramidos de mandigu, disgustados dae sos animales imbiados contr’a issos, perdein fintzas su naturale apetitu, custos invetze , pustis de paga privassione, an assaboriadu unu mandigu saboridu.

4) Fit netzessariu chi a-i cussos inimigos lis èsseret bennida addossu una carestia manna e chi a-i custos s’èsseret mustradu solu comente fin turmentados sos inimigos insoro.

Tertzu contrapassu: tzilipisches e coloras de brunzu

5) Cando los at assaltiados sa terribile ira de sos animales e sun mortos dae sos mossos de sos serpentes, s’ira tua no est durada fintzas a sa fine.

6) Pro curregimentu sun istados assuconados pro unu pagu tempus, apende gia apidu in pignu sa salvesa pro lis ammentare sos decretos de sa legge tua.

7) Difatis, chie si ‘oltaiat a l’abbaidare fit salvu, non pro su chi ‘idiat, ma solu dae a tie, salvadore de totu.

8) Fintzas cun cussu as cunvintu sos inimigos nostros chi tue ses su chi liberat dae donzi male.

9) Sos egitzianos, difatis, sun mortos dae sos mossos de tzipilisches e de muscas, ne s’agateit unu rimediu pro sa vida insoro, meritendesi de essere punidos in cussa manera.

10) Invetze contras a sos fizos tuos mancu sas dentes de serpentes velenosos an potidu nudda, ca est intervennida sa miserigordia tua a los sanare.

11) Pro chi s’ammenteren de sas peraulas tuas, lantados dae sos mossos, fin luego sanos, pro timòria chi, ruttos in profundu olvidu, ch’esseren istados fora dae sos benefitzios tuos.

12) No los saneit ne un’erva ne un’unghentu, ma sa peraula tua, o Segnore, sa cale sanat donzi cosa.

14 agosto 2018 - Categoria: cristianesimo

La Dormizione e l’Assunzione di Maria secondo Maria Valtorta

Quanti giorni son passati ? E ‘ difficile stabilirlo con sicurezza . Se si giudica dai fiori che fanno corona intorno al corpo esanime 1) si dovrebbe dire che sono passate poche ore. Ma se si giudica dalle fronde d’ulivo su cui posano i fiori freschi, fronde dalle foglie già appassite, e dagli altri fiori vizzi, posati, come tante reliquie, sul coperchio del cofano, si deve concludere che sono passati dei giorni ormai.

                Ma il corpo di Maria è quale era appena spirata 2) . Nessun segno di morte è sul suo volto, sulle piccole mani. Nessun odore sgradevole è nella stanza. Anzi aleggia in essa un profumo indefinibile che sa d’incenso, di gigli, di rose, di mughetti, e di erbe montane, insieme mescolati.

                Giovanni, che chissà mai da quanti giorni veglia, si è  addormentato, vinto dalla stanchezza, stando seduto sullo sgabello, con le spalle appoggiate al muro, presso la porta aperta che dà sulla terrazza. La luce della lanterna, posata al suolo, lo illumina da sotto in su e permette di vedere il suo volto stanco, pallidissimo, meno che intorno agli occhi arrossati dal piangere.

                L’alba deve essere ormai incominciata perché il suo debole chiarore rende visibili all’occhio la terrazza e gli ulivi che circondano la casa, chiarore che si fa sempre più forte e che, penetrando dalla porta, fa più distinti anche gli oggetti della camera, quelli che per essere lontani dalla lucernetta, prima si intravvedevano appena .

                Ad un tratto una gran luce empie la stanza, una luce argentea , sfumata d’azzurro, quasi fosforica , e sempre più cresce, annullando quella dell’ alba e quella della lucerna. Una luce uguale a quella che innondò la grotta di Betlemme al momento della Natività divina . Poi in questa luce paradisiaca si palesano delle creature angeliche 3) , luce ancor più splendida nella luce già tanto potente  apparsa per prima. Come già avvenne quando gli angeli apparvero ai pastori, una danza di scintille d’ogni colore si sprigiona dalle loro ali dolcemente mosse dalle quali viene come un mormorio armonico, arpeggiato, dolcissimo.

                Le creature angeliche si dispongono a corona intorno al lettuccio, si curvano su di esso, sollevano il corpo immobile e , con un più  forte agitar d’ali, che aumenta il suono già esistente prima, per un varco apertosi prodigiosamente nel tetto, come prodigiosamente s’aprì il Sepolcro di Gesù, se ne vanno, portando seco loro il corpo della loro Regina, Santissimo, è vero, ma non ancora glorificato e perciò ancora soggetto alle leggi della materia, soggezione a cui non era più soggetto il Cristo perché già glorificato quando risorse da morte  4).

                Il suono dato dalle ali angeliche aumenta, ed è ora potente come un suono d’organo. Giovanni, che s’era già, pur rimanendo addormentato, smosso due o tre volte sul suo sgabello, come fosse disturbato dalla gran luce e dal suono delle ali angeliche, si desta totalmente per quel suono potente e per una forte corrente d’aria che, scendendo dal tetto scoperchiato ed uscendo dalla porta aperta, forma come un gorgo che agita le coperture del letto ormai vuoto e le vesti di Giovanni, spegnendo la lucerna e spegnendo, con un forte picchio, la porta aperta.

                L’apostolo si guarda intorno, ancor mezzo assonnato, per rendersi conto di ciò che avviene. Si accorge che il letto è vuoto e che il tetto è scoperto. Intuisce che un prodigio è avvenuto. Corre fuori sulla terrazza e, come per un istinto spirituale, o per un richiamo celeste, alza il capo, facendosi solecchio con la mano per guardare, senza avere l’ostacolo del nascente sole negli occhi.

                E vede. Vede il corpo di Maria, ancor privo di vita, ed in tutto uguale a quello di persona dormente 5) , che sale sempre più in alto, sostenuto dallo stuolo angelico. Come per un ultimo saluto, un lembo del manto e del velo si agitano, forse per azione del vento suscitato dalla rapida assunzione e dal moto delle ali angeliche, e dei fiori, quelli che Giovanni aveva disposti e rinnovati intorno al corpo di Maria, e certo rimasti tra le pieghe delle vesti, piovono sulla terrazza e sulla terra del Getsemani 6) , mentre l’osanna potente dello stuolo angelico si fa sempre più lontano e quindi più lieve.

                Giovanni continua a fissare quel corpo che sale verso il Cielo e, certo per un prodigio concessogli da Dio, per consolarlo e per premiarlo del suo amore alla Madre adottiva, egli vede, distintamente, che Maria, avvolta ora dai raggi del sole che è sorto, esce dall’estasi che le ha separata l’anima dal corpo, torna viva, sorge in piedi, perché ora Lei pure fruisce dei doni propri ai corpi già glorificati 7) .

                Giovanni guarda, guarda, il miracolo che Dio gli concede e gli dà potere, contro ogni legge naturale, di vedere Maria quale è ora mentre sale ratta verso il Cielo, circondata, ma non più aiutata a salire, dagli angeli osannanti. E Giovanni è rapito da quella visione di bellezza che nessuna penna d’uomo, né parola umana, né opera di artista potrà mai descrivere o riprodurre, perché è di una bellezza indescrivibile.

                Giovanni, stando sempre appoggiato al muretto della terrazza, continua a fissare quella splendida e splendente forma di Dio  -perché realmente può dirsi così Maria, formata in modo unico da Dio, che la volle immacolata, perché fosse forma al Verbo Incarnato 8)-  che sale sempre più in alto. E un ultimo, supremo prodigio concede Iddio-Amore 9) a questo suo perfetto amatore: quello di vedere l’incontro della Madre Santissima col suo Santissimo Figlio che, Lui pure splendido e splendente, bello di una bellezza indescrivibile, scende ratto dal Cielo, raggiunge la Madre, se la stringe sul cuore, più fulgenti di due astri maggiori, con Lei ritorna da dove è venuto  10). Il vedere di Giovanni è finito.

                Egli abbassa il capo. Sul suo volto stanco sono presenti e il dolore per la perdita di Maria e il gaudio per la sua gloriosa sorte. Ma ormai il gaudio supera il dolore. Egli dice: « Grazie, mio Dio! Grazie! lo presentivo che questo sarebbe accaduto. E volevo vegliare, per non perdere nessun episodio della sua Assunzione. Ma erano ormai tre giorni che non dormivo! Il sonno, la stanchezza, congiunti alla pena, mi hanno abbattuto e vinto proprio quando era imminente l’Assunzione 11) .  … Ma forse Tu stesso l’ hai voluto, o Dio, perché io non turbassi quel momento e non soffrissi troppo… . Sì, Certo Tu lo hai voluto, come ora volesti che io vedessi ciò che senza un tuo miracolo non avrei potuto vedere. Mi hai concesso di vederla ancora, benché già tanto lontana, già glorificata e gloriosa, come mi fosse vicina. E rivedere Gesù! Oh! visione beatissima, insperata, insperabile! O dono dei doni di Gesù-Dio al suo Giovanni! Grazia suprema! Rivedere il mio Maestro e Signore! Vedere Lui presso la Madre! Lui simile a sole e Lei a luna 12) , splendidissimi entrambi, e per esser gloriosi e per esser felici d’esser riuniti in eterno! Che sarà il Paradiso ora che Voi vi splendete, Voi, astri maggiori della Gerusalemme celeste 13) ? Quale il gaudio degli angelici cori e dei santi? È tale la gioia che m’ ha dato il vedere la Madre col Figlio, cosa che annulla ogni sua pena, ogni loro pena, anzi, che anche la mia cessa, e in me subentra la pace. Dei tre miracoli che avevo chiesti a Dio, due si sono compiuti. Ho visto tornare la vita in Maria 14) e la pace la sento tornare in me. Ogni mia angoscia cessa perché vi ho visto riuniti nella gloria. Grazie di ciò, o Dio. E grazie per avermi dato modo, anche per una creatura, santissima, ma sempre umana, di vedere quale è la sorte dei santi, quale sarà dopo l’ultimo giudizio, e la risurrezione delle carni, e la loro ricongiunzione, la loro fusione con lo spirito, salito al Cielo all’ora della morte 15) . Non avevo bisogno di vedere per credere. Perché io ho sempre creduto fermamente ad ogni parola del Maestro. Ma molti dubiteranno che, dopo secoli e millenni, la carne, fatta polvere, possa tornare corpo vivente. A costoro io potrò dire, giurandolo sulle cose più eccelse, che non solo il Cristo tornò vivo, per suo proprio potere divino, ma che anche la Madre sua, tre dì dopo la morte, se morte può dirsi tal morte, riprese vita, e con la carne riunita all’anima prese la sua eterna dimora in Cielo, al fianco del Figlio 16) . Potrò dire: ” Credete, o cristiani tutti, nella risurrezione della carne 17) , alla fine dei secoli, e alla vita eterna e dell’anima e dei corpi, vita beata per i santi 18) , orrenda per i colpevoli impenitenti  19), Credete e vivete da santi, come da santi vissero Gesù e Maria per avere la loro stessa sorte. Io ho visto i loro corpi salire al Cielo. Ve lo posso testimoniare. Vivete da giusti per potere un giorno essere nel nuovo mondo eterno, in anima e corpo, presso Gesù-Sole e presso Maria, Stella di tutte le stelle ” . Grazie ancora, o Dio! Ed ora raccogliamo quanto resta di Lei. I fiori caduti dalle sue vesti, le fronde degli ulivi rimaste sul letto, e conserviamoli . Serviranno… sì, serviranno a dare aiuto e consolazione ai miei fratelli, invano attesi. Prima o poi li ritroverò… » .

RSS Sottoscrivi.