19 aprile 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba

Sa Sabientzia, traduida in sardu, dae Maria Sale, poetessa de Tzaramonte

Custu liberu, s’ultimu de s’Antigu Testamentu, sos esegetas narant chi esserat iscritu dae su 50 a su 100 primma de Christu e faeddat de sos novissimos, de su ch’at capitare a sa fine de su mundu.

 

6 aprile 2018 - Categoria: lingua/limba, salmi biblici in limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 4 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 4

1) Mezus èssere chena fizos ma tennere sa virtude, ca in s’ammentu sou est s’immortalidade sende pretziada dae omines e dae Deus.

2) Cando b’est nd’est copiada, cando mancat est disizada, triunfat in s’eternidade, incoronada pro àere ‘inchidu litzitos cumbatimentos.

3) S’erentzia manna de sos eretigos no at a balere nudda, no at a ponnere raighinas ne fundamentos siguros.

4) Mancari ponzan rebuddos in sos ratos, ten-èssere noales chi su ‘entu abbentat e israighinat in sa temporada.

5) S’an a truncare sas ratos ancora tenneros, e su fruttu insoro at a èssere innutile, crùu pro èssere mandigadu e a nudda at a servire.

6) Sos fizos de chie no at litzita unione testimonian sa malidade de sos babbos e de sas mamas in su giudìssiu insoro. Sa morte primadìa de su giustu

7) Su giustu, mancari morzat pitzinnu, at agatare pasu.

8) Betzesa manna no est a campare meda, ne si contat dae su numeru de sos annos.

9) Sa ‘etzesa de s’omine est in sa sabiesa, una vida longa est cando est chena mancia peruna.

10) Ca fit caru a Deus dae issu fit amadu, e ca fit cun peccadores issu che l’at istrejidu.

11) L’at furadu, pro chi sa maliscia no li cambieret sos sentidos o s’ingannu no li travieret s’animu.

12) Ca su visciu attraet, traviat su bene e triulat sa mente ch’est in semplitzidade.

13) Giompidu in presse a sa perfessione, at fatu gai una carriera longa.

14) Aggradessida a Deus fit s’anima sua, e che l’at leadu in presse dae su logu malu. Sa zente bidet ma no cumprendet,

15) e no pensat chi grascia e miserigordia sun de sos preferidos suos ed’est amparu pro sos santos suos.

16) Sa bonànima de su giustu cundennat sos eretigos chi sun ancora in bida; una pitzinnia, giompida in presse a sa perfessione cundennat sa ‘etzesa de s’ingiustu.

17) Sa zente at a bidere sa fine de su sabiu, ma su chi pro issu at detzisu Deus no l’an a cumprendere, e nemmancu an’a cumprendere pruit’est chi Deus l’at dadu àmparu.

18) An a bidere e an a dispretziare, ma su Segnore s’at a riere de issos.

19) Pro sempre dispretziados ten-èssere in mesu sos mortos. Deus che los at a betare mudos, a conc’a terra, e los at a ischitzare in sas fundamentas; arruinados in totu, tra dolos s’an agatare e s’ammentu insoro at a isparire. Sos eretigos cumparin in giudisciu

20) S’an a presentare totu tremende a dare contu de sos peccados insoro, sos isbaglios chi an fatu s’an a pesare reos pro los accusare.

 

Testo in lingua italiana

Sapienza – Capitolo 4

[1]Meglio essere senza figli e avere la virtù, poiché nel ricordo di questa c’è immortalità, per il fatto che è riconosciuta da Dio e dagli uomini.

[2]Presente è imitata; assente è desiderata; nell’eternità trionfa, cinta di corona, per aver vinto nella gara di combattimenti senza macchia.

[3]La discendenza numerosa degli empi non servirà a nulla; e dalle sue bastarde propaggini non metterà profonde radici né si consoliderà su una base sicura.

[4]Anche se per qualche tempo mette gemme sui rami, i suoi germogli precari saranno scossi dal vento e sradicati dalla violenza delle bufere.

[5]Si spezzeranno i ramoscelli ancora teneri; il loro frutto sarà inutile, non maturo da mangiare, e a nulla servirà.

[6]Infatti i figli nati da unioni illegali attestano la perversità dei genitori nel giudizio di essi.

La morte prematura del giusto

[7]Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo.

[8]Vecchiaia veneranda non è la longevità, né si calcola dal numero degli anni;

[9]ma la canizie per gli uomini sta nella sapienza; e un’età senile è una vita senza macchia.

[10]Divenuto caro a Dio, fu amato da lui e poiché viveva fra peccatori, fu trasferito.

[11]Fu rapito, perché la malizia non ne mutasse i sentimenti o l’inganno non ne traviasse l’animo,

[12]poiché il fascino del vizio deturpa anche il bene e il turbine della passione travolge una mente semplice.

[13]Giunto in breve alla perfezione, ha compiuto una lunga carriera.

[14]La sua anima fu gradita al Signore; perciò egli lo tolse in fretta da un ambiente malvagio. I popoli vedono senza comprendere; non riflettono nella mente a questo fatto

[15]che la grazia e la misericordia sono per i suoi eletti e la protezione per i suoi santi.

[16]Il giusto defunto condanna gli empi ancora in vita; una giovinezza, giunta in breve alla perfezione, condanna la lunga vecchiaia dell’ingiusto.

[17]Le folle vedranno la fine del saggio, ma non capiranno ciò che Dio ha deciso a suo riguardo né in vista di che cosa il Signore l’ha posto al sicuro.

[18]Vedranno e disprezzeranno, ma il Signore li deriderà.

[19]Infine diventeranno un cadavere spregevole, oggetto di scherno fra i morti per sempre. Dio infatti li precipiterà muti, a capofitto, e li schianterà dalle fondamenta; saranno del tutto rovinati, si troveranno tra dolori e il loro ricordo perirà.

Gli empi compaiono in giudizio

[20]Si presenteranno tremanti al rendiconto dei loro peccati; le loro iniquità si alzeranno contro di essi per accusarli.

22 marzo 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba, salmi biblici in limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 3 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 3

Cunfrontu tra sa sorte de sos giustos e-i cussa de sos eretigos

1) Sas animas de sos giustos sun in manos de Deus, no las at a toccare turmentu perunu.

2) A ojos de chie no cumprendet pariat chi fin mortas e sa fine insoro una disgrascia.

3) Su partire insoro una ruina, mentres chi issos sun in sa paghe.

4) Fintzas si a s’oju de s’omine paren in castigu, s‘isperantzia insoro no podet morrere mai.

5) Pro una pena minore nd’an àere benefitzios mannos, ca Deus los at postos a sa proa e dignos de issu los at agatados.

6) Los at tastados che oro in su crisciolu e agradessidos comente un’olocàustu.

7) Sa die de su giudisciu issos an a lughere che istinchiddas in s’istula, gai an’a currere totue.

8) An a guvernare natziones e an àere podere, subr’a issos at’a regnare sempre su Segnore.

9) Sos chi si fidan de issu an a cumprendere sa veridade, sos chi li sun fideles an a vivere in amore cun issu, grascia e miserigordia sun arribadas a sos chi issu preferit.

10) Ma sos eretigos, pro sos pensamentos insoro, ten èssere castigados, issos chi an dipretziadu su giustu e si sun arrempellados a su Segnore.

11) Chie dispretziat sa sabientzia e-i sas regulas est disdicciadu. Debadas est s’ispera insoro e tribulan chena profetu, inutiles sas fainas chi faghen.

12) Sas muzeres insoro sun iscabadas, malos sos fizos e malaita s’insoro erentzia. Est mezus èssere istòigu che àere una zenìa eretiga.

13) Biada s’istòiga e pura, chi no at connotu lettu cun peccadu, at àere issa su fruttu in sas cunsignas de sas animas.

“Battista Falchi (Sassari 15. VIII. 1904 – 13. III . 1988), un uomo e un cristiano esamplare” di Mons. Enea Selis

In occasione del trentesimo anniversario della morte dell’avv. e on. Battista Falchi abbiamo pensato di dedicargli un certo spazio in accademiasarda.it. I motivi sono diversi. In primo luogo perché l’ho conosciuto e mi ha soccorso e voluto bene quand’ero in completa miseria, in secondo luogo per la devozione che gli ho visto praticare nei confronti della madre alla quale obbediva quasi fosse un ragazzo, quando gli ordinava di regalarmi una discreta somma di denaro ogni volta che andavo a visitarla, in terzo luogo perché ho avuto la fortuna di conoscerlo quando era ammalato e costretto a letto senza potersi muovere come avrebbe voluto. Vi è da aggiungere però che Battista Falchi non si è mai esibito, non ha fatto sfoggio né della sua cultura né degl’incarichi avuti, né delle importanti conoscenze che aveva e nemmeno si è mai lamentato delle sue prove come ben mette in chiara luce mons. Enea Selis in questo scritto del 1991 e che è finito nel volume a cura sua: Enea Selis, Chiesa Turritana del novecento. Avvenimenti e personaggi, a.v.e. , Roma 1991, pp. 165-171.
Chiunque desiderasse contribuire a questo ricordo di un chiaramontese, vissuto più nel nascondimento che nell’esibizione delle sue benemerenze sarà bene accolto. (A.T.)

Contributo di Mons. Enea Selis

Nel terzo anniversario della morte di Battista Falchi, sento il dovere di ricordarlo alla Chiesa Turritana, non solo perchè mi pare che dopo la sua dipartita nessuno nella diocesi abbia più scritto di lui, e si corre il rischio che lo avvolga l’oblio, ma perchè egli è stato certamente – anche se ciò può sorprendere – il personaggio più eminente del laicato cattolico della Chiesa Turritana del novecento.

            Sono sollecitato a ricordarlo non solo perchè non venga dimenticato, non solo perchè è stato un autentico maestro di vita, un testimone e una guida, ma anche perchè è un dovere ricordare le persone che ci hanno preceduto sulla via della Fede e della vita cristiana.

            Ce lo ricorda la Sacra Scrittura: “Ricordatevi di quelli che vi hanno guidato, e vi hanno annunziato la parola di Dio. Pensate come sono vissuti e come sono morti, ed imitate la loro Fede” (cf. Eb. 13,7).

            Che Battista Falchi sia stato un testimone, una guida, e che, col suo esempio, abbia annunziato la parola di Dio, nessuno di coloro che lo hanno veramente conosciuto, oserebbe metterlo in dubbio.

            Attingendo a quella che Giuseppe Capograssi chiama “provvista di memorie”, ( ed io purtroppo ne ho poca), e dando uno sguardo retrospettivo al laicato della Chiesa Turritana del novecento, mi pare di scorgere alcune figure, ( non intendo parlare di uomini politici), che sono emerse nella vita cattolica diocesana; da Giovanni Zirolia, agli inizi del secolo, ad Antonino Biddau, negli anni venti e, più vicini a noi e a molti di noi contemporanei, da Gildo Motroni a Luigi Desole, da Giovanni Lamberti a Remo Branca – per citare solo i più noti -, ma ritengo che nessuno di costoro abbia raggiunto le dimensioni di Battista Falchi.

            Ecco perchè bisogna ricordarlo e riproporlo ai cattolici turritani del nostro tempo.

            Io poi ho particolari motivi per ricordarlo, con affetto e gratitudine. Quando andai a Milano per fequentare l’Università Cattolica, fu lui che era allora giovane laureato in giurisprudenza nel prestigioso Studio dell’Avv. On. Clerici, ad accogliermi, a farmi ospitare nel pensionato universitario “Cardinal Ferrari”; fu lui che m’introdusse nella FUCI ambrosiana, immettendomi in un ambiente spirituale e culturale qualificato e per me nuovo; fu lui che mi fece conoscere ed amare quel singolare mondo culturale cattolico, che aveva allora come grandi maestri Mounier, Maritain, Sertillanges, sui cui testi si sono formate generazioni fucine.

            Tutto ciò fu per me una provvidenziale e grande avventura, cui penso sempre con nostalgia e gratitudine.

            Io devo a Battista Falchi – e non gli sarò mai sufficientemente grato – la mia (se così posso dire) formazione fucina.

            Era il periodo d’oro della FUCI che aveva allora Assistenti ecclesiastici che erano eccezionali maestri di spirito: Mons. Pini, Mons. Montini, Mons. Guano, Mons. Costa.

            La FUCI ambrosiana integrava magnificamente quanto mi veniva insegnato nell’Università Cattolica, e Battista Falchi era per me l’esempio tipico dell’uomo, del professionista, del cristiano e, posso dire con orgoglio, di aver imparato da lui a vivere da laico, onestamente e cristianamente. E non è cosa da poco.

“Un re nudo, l’Europa” di Sarah Savioli

Ci volevano dei bambini dilaniati dalla guerra e annegati in fondo al mare per farci capire quanto il saggio ed evoluto re Europa sia nudo.
E che sia evidente ora che sotto gli abiti lucenti e sfarzosi, pieni di senso di superiorità e pretesa di essere un faro, sotto il Re sia sporco, lercio e non si sia mai lavato per davvero della schifezza dalla quale si diceva così lontano.
Così c’è chi è una brutta persona e si compiace sentendo sdoganata così serenamente una grettezza che è anche sua.
Chi pur di sopravvivere a un qualche impacciato e sgradevole senso di colpa, architetta strategie di realpolitik e di cinismo da bar.
Chi argomenta un qualche alibi raccattando brandelli di storia e appiccicandoli qui e là ai propri comodi e all’occorrenza.
Chi ci credeva davvero a quel re, ha fatto sue per davvero quelle belle parole. E si trova dilaniato da quell’ipocrisia, sente che tutto gli crolla addosso e non sa cosa fare.
Fatto sta che intanto che “loro” muoiono sotto le bombe, fatti a pezzi da fame, guerra e povertà al di là dei nostri bei muri, noi e la nostra bella Europa ci stiamo sgretolando sotto il peso della nostra colpevole incoerenza.
Allora via a farci spaventare così tanto da chi arriva dall’orrore, da chi “ci invade”: così possiamo continuare a farci distrarre dal babau fuori dalla porta da sprangare e a non guardare al nostro lento sfacelo culturale e morale.
Ci voleva Aylan sulla spiaggia, il cucciolo d’uomo nella valigia e i corpicini di Aleppo a sbatterci in faccia che il Re è nudo.
Ma mentre i popolani della favola ridevano del re in fuga dalla sua superbia sbeffeggiata, noi continuiamo a dire che vediamo i suoi splendidi vestiti.
E decidiamo che ad essere invisibili sono i bambini.

RSS Sottoscrivi.