21 aprile 2018 - Categoria: eventi luttuosi

Antonio Ledda (1928-2018), professore di Disegno e di Storia dell’Arte nelle scuole superiori e pittore, è scomparso.

Antonio Ledda si è spento all’ospedale civile di Sassari dopo una breve degenza. Aveva compiuto a gennaio 90 anni e conduceva la sua vecchiaia con piglio giovanile e con la massima cura della persona e della mente. Da ragazzo aveva dovuto faticare non poco viaggiando sui treni dell’epoca ogni giorno per raggiungere la scuola presso cui aveva conseguito la licenza elementare, il diploma di avviamento e il diploma di maestro d’arte presso l’Istituto d’Arte di Sassari, allora diretto dal prof. Figari.
Ricordo che, avendolo invitato ad una visita d’istruzione a Parigi e poi in Spagna, sapeva incantare le studentesse leggendo con grande maestria le opere d’arte.  Ma per tirare avanti la famiglia faceva di più lavorando come disegnatore negli studi tecnici e restaurando sulle volte del duomo di Sassari gli affreschi sotto la guida del grande Figari. Vivere per lui significava lavorare. Aveva sposato la figlia dell’addobbatore sacro di San Nicola, Mariuccia Sassu,  professoressa di Musica e da quel ben riuscito coniugio sono nati nati tre figli maschi e una figlia.
Sull’esempio dei genitori hanno conseguito tutti dei buoni titoli accademici. Antonio tuttavia era anche un buon pittore e alcune delle sue opere appaiono nei cinque libri che io ho avuto l’onore di leggere e di revisionare. Un linguaggio scarno, un contenuto che alcuni potrebbero ritenere troppo semplice, ma che testimoniano chiaramente la sua passione anche per la scrittura, dal momento che essi vennero ricavati da appunti che egli aveva annotato nel corso della sua vita.
L’ultimo libro lo ha dedicato alla Breve storia dei Carmelitani consultando gli atti dei Carmelitani presso la Biblioteca Universitaria e la grande storia del Carmelo di vari autori.
Non sembrava, ma Antonio aveva una religiosità carmelitana e prima con la moglie e poi, dopo  la sua prematura scomparsa, ha frequentato le riunioni settimanali carmelitane del terzo ordine e sperava che la Vergine del Carmelo avrebbe pilotato la sua anima verso la beatitudine eterna.
E’ morto di sabato, giorno dedicato alla Vergine e penso che l’essere stato devoto gli gioverà.
Si può affermare che egli si sia addormentato come un patriarca con un patrimonio di gioie e  di dolori specie con la prematura morte della moglie e di un figlio che bene aveva operato tra le guardie di finanza. Giovane maresciallo e padre di tre figli era stato stroncato nel camper alle porte di Assisi, mentre seguendo la passione del padre, con la moglie e i suoi piccoli andava visitando luoghi d’arte, di cultura e di fede. Glielo si disse un anno dopo e come suo solito non si espresse in pianto, ma di certo la notizia gli diede un forte colpo al cuore. Antonio non manifestava i suoi sentimenti di gioia o di dolore apertamente, ma il suo cuore veniva man mano scalfito: lunga vita, ma immensi dolori.
Noi che gli siamo stati amici abbiamo imparato ad apprezzarlo e a volergli bene e gli auguriamo davvero la beatitudine eterna insieme alla moglie e al figlio che lo hanno preceduto.
Le esequie si svolgeranno domani, lunedì 23 aprile, presso la sua parrocchia che è stata la chiesa di San Vincenzo de’ Paoli.

20 aprile 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 6 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 6

  1. Salomone e sa chirca de sa sabientzia

Sos res deven chircare sabientzia

1) Iscurtade, o res, e chircade de cumprendere, imparade, guvernantes de sa terra.

2) Parade s’orija, bois chi dominades trumas de zente e sezis fieros de sa cantidade de sos populos bostros.

3) Su cumandu ‘ostru benit dae su Segnore, sa potentzia ‘ostra dae s’altissimu, su cale at a isgianimare sas oberas bostras e at a prammizare sos propositos bostros,

4) pruite, puru essende ministros de su regnu sou, no azis guvernadu giustamente, ne azis osservadu sa legge, ne bos sezis cumportados sigundu su cherrere de Deus.

5) Cun terrore e chena perdere tempus issu s’at a pesare contr’a bois ca su giudisciu est pius severu pro sos chi sun pius in altu.

6) Su miseru meritat piedade, ma sos potentes ten-èssere isgianimados cun rigore.

7) Su Segnore de totu no si cuat de fronte a niunu, no at suggessione de sa mannosìa, pruite isse at criadu su minore e su mannu a dat contu a totu a sa matessi manera.

8) Ma subra sos potentes prammizat una chirca rigorosa

9) Perintantu a bois, sovranos, sun puntadas sas peraulas mias, pro chi imparedas sa sabientzia e no epèdas mai a rùere.

10) Chie mantenet santamente sas cosas santas at a èssere santificadu e chie in issas s’est istruìdu b’at agatare s’ampàru.

11) Disizade, pro cussu, sas peraulas mias, bramadelas e nd’azis a retzire impàros. Sa sabientzia si lassat agatare

12) Sa sabientzia est lughente e chena neu perunu, cun fatzilidade est cuntemplada dae chie l’amat e chie la chircat l’agatat.

13) Prevenit, pro si faghere connoschere, a sos chi la disizan.

14) Chie si pesat chito pro issa no s’at a istracare, l’at agatare setzida in su giannile sou.

15) Riflittidebei, subr’a issa est sa perfessione de sa sabiesa, chie bizat pro a issa at a èssere luego chena affannos.

16) Issa-e-totu andat in chirca de sos chi sun dignos de issa, lis cumparit bene disposta in sos caminos, los abbojat cun dogni benevulentzia.

17) Su printzipiu sou sintzeru est su disizu de s’istrutzione, sa cura de s’istrutzione est amore;

18) s’amore est in s’osservantzia de sas legges suas; su rispettu de sas legges galentit s’immortalidade,

19) e s’immortalidade faghet istare affacca a Deus.

20) Duncas su disizu de sa sabientzia che gighet a su regnu.

21) Si duncas, sovranos de sos populos, bois bos indellettades in tronos e in iscettros, onorade sa sabientzia, pro chi potedas regnare sempre. Salomone s’aprontat a narrere a peraulas sa sabientzia

22) Apo a narrere it’est sa sabientzia e coment’est chi est nàschida, no bos tenzo cuados sos segretos suos. Apo a sighire sas trattas suas dae s’incomintzu, apo a ponnere in lughe sa connoschentzia sua, no m’apo a istrejire dae sa veridade.

23) No m’at a faghere cumpagnia s’imbidia chi cunsumit, ca issa no at nudda a cumone cun sa sabientzia.

24) S’abbundantzia de sabios est sa salvesa de su mundu, unu re sabiu est sa salvesa de unu populu.

25) Lassadebos, duncas, ammaèstrare dae sas peraulas mias e nd’azis àere profetu.

19 aprile 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba

Sa Sabientzia,capitulu 5m traduida in sardu, dae Maria Sale, poetessa de Tzaramonte

Custu liberu, s’ultimu de s’Antigu Testamentu, sos esegetas narant chi esserat iscritu dae su 50 a su 100 primma de Christu e faeddat de sos novissimos, de su ch’at capitare a sa fine de su mundu.

 

6 aprile 2018 - Categoria: lingua/limba, salmi biblici in limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 4 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 4

1) Mezus èssere chena fizos ma tennere sa virtude, ca in s’ammentu sou est s’immortalidade sende pretziada dae omines e dae Deus.

2) Cando b’est nd’est copiada, cando mancat est disizada, triunfat in s’eternidade, incoronada pro àere ‘inchidu litzitos cumbatimentos.

3) S’erentzia manna de sos eretigos no at a balere nudda, no at a ponnere raighinas ne fundamentos siguros.

4) Mancari ponzan rebuddos in sos ratos, ten-èssere noales chi su ‘entu abbentat e israighinat in sa temporada.

5) S’an a truncare sas ratos ancora tenneros, e su fruttu insoro at a èssere innutile, crùu pro èssere mandigadu e a nudda at a servire.

6) Sos fizos de chie no at litzita unione testimonian sa malidade de sos babbos e de sas mamas in su giudìssiu insoro. Sa morte primadìa de su giustu

7) Su giustu, mancari morzat pitzinnu, at agatare pasu.

8) Betzesa manna no est a campare meda, ne si contat dae su numeru de sos annos.

9) Sa ‘etzesa de s’omine est in sa sabiesa, una vida longa est cando est chena mancia peruna.

10) Ca fit caru a Deus dae issu fit amadu, e ca fit cun peccadores issu che l’at istrejidu.

11) L’at furadu, pro chi sa maliscia no li cambieret sos sentidos o s’ingannu no li travieret s’animu.

12) Ca su visciu attraet, traviat su bene e triulat sa mente ch’est in semplitzidade.

13) Giompidu in presse a sa perfessione, at fatu gai una carriera longa.

14) Aggradessida a Deus fit s’anima sua, e che l’at leadu in presse dae su logu malu. Sa zente bidet ma no cumprendet,

15) e no pensat chi grascia e miserigordia sun de sos preferidos suos ed’est amparu pro sos santos suos.

16) Sa bonànima de su giustu cundennat sos eretigos chi sun ancora in bida; una pitzinnia, giompida in presse a sa perfessione cundennat sa ‘etzesa de s’ingiustu.

17) Sa zente at a bidere sa fine de su sabiu, ma su chi pro issu at detzisu Deus no l’an a cumprendere, e nemmancu an’a cumprendere pruit’est chi Deus l’at dadu àmparu.

18) An a bidere e an a dispretziare, ma su Segnore s’at a riere de issos.

19) Pro sempre dispretziados ten-èssere in mesu sos mortos. Deus che los at a betare mudos, a conc’a terra, e los at a ischitzare in sas fundamentas; arruinados in totu, tra dolos s’an agatare e s’ammentu insoro at a isparire. Sos eretigos cumparin in giudisciu

20) S’an a presentare totu tremende a dare contu de sos peccados insoro, sos isbaglios chi an fatu s’an a pesare reos pro los accusare.

 

Testo in lingua italiana

Sapienza – Capitolo 4

[1]Meglio essere senza figli e avere la virtù, poiché nel ricordo di questa c’è immortalità, per il fatto che è riconosciuta da Dio e dagli uomini.

[2]Presente è imitata; assente è desiderata; nell’eternità trionfa, cinta di corona, per aver vinto nella gara di combattimenti senza macchia.

[3]La discendenza numerosa degli empi non servirà a nulla; e dalle sue bastarde propaggini non metterà profonde radici né si consoliderà su una base sicura.

[4]Anche se per qualche tempo mette gemme sui rami, i suoi germogli precari saranno scossi dal vento e sradicati dalla violenza delle bufere.

[5]Si spezzeranno i ramoscelli ancora teneri; il loro frutto sarà inutile, non maturo da mangiare, e a nulla servirà.

[6]Infatti i figli nati da unioni illegali attestano la perversità dei genitori nel giudizio di essi.

La morte prematura del giusto

[7]Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo.

[8]Vecchiaia veneranda non è la longevità, né si calcola dal numero degli anni;

[9]ma la canizie per gli uomini sta nella sapienza; e un’età senile è una vita senza macchia.

[10]Divenuto caro a Dio, fu amato da lui e poiché viveva fra peccatori, fu trasferito.

[11]Fu rapito, perché la malizia non ne mutasse i sentimenti o l’inganno non ne traviasse l’animo,

[12]poiché il fascino del vizio deturpa anche il bene e il turbine della passione travolge una mente semplice.

[13]Giunto in breve alla perfezione, ha compiuto una lunga carriera.

[14]La sua anima fu gradita al Signore; perciò egli lo tolse in fretta da un ambiente malvagio. I popoli vedono senza comprendere; non riflettono nella mente a questo fatto

[15]che la grazia e la misericordia sono per i suoi eletti e la protezione per i suoi santi.

[16]Il giusto defunto condanna gli empi ancora in vita; una giovinezza, giunta in breve alla perfezione, condanna la lunga vecchiaia dell’ingiusto.

[17]Le folle vedranno la fine del saggio, ma non capiranno ciò che Dio ha deciso a suo riguardo né in vista di che cosa il Signore l’ha posto al sicuro.

[18]Vedranno e disprezzeranno, ma il Signore li deriderà.

[19]Infine diventeranno un cadavere spregevole, oggetto di scherno fra i morti per sempre. Dio infatti li precipiterà muti, a capofitto, e li schianterà dalle fondamenta; saranno del tutto rovinati, si troveranno tra dolori e il loro ricordo perirà.

Gli empi compaiono in giudizio

[20]Si presenteranno tremanti al rendiconto dei loro peccati; le loro iniquità si alzeranno contro di essi per accusarli.

22 marzo 2018 - Categoria: cristianesimo, lingua/limba, salmi biblici in limba

Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 3 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 3

Cunfrontu tra sa sorte de sos giustos e-i cussa de sos eretigos

1) Sas animas de sos giustos sun in manos de Deus, no las at a toccare turmentu perunu.

2) A ojos de chie no cumprendet pariat chi fin mortas e sa fine insoro una disgrascia.

3) Su partire insoro una ruina, mentres chi issos sun in sa paghe.

4) Fintzas si a s’oju de s’omine paren in castigu, s‘isperantzia insoro no podet morrere mai.

5) Pro una pena minore nd’an àere benefitzios mannos, ca Deus los at postos a sa proa e dignos de issu los at agatados.

6) Los at tastados che oro in su crisciolu e agradessidos comente un’olocàustu.

7) Sa die de su giudisciu issos an a lughere che istinchiddas in s’istula, gai an’a currere totue.

8) An a guvernare natziones e an àere podere, subr’a issos at’a regnare sempre su Segnore.

9) Sos chi si fidan de issu an a cumprendere sa veridade, sos chi li sun fideles an a vivere in amore cun issu, grascia e miserigordia sun arribadas a sos chi issu preferit.

10) Ma sos eretigos, pro sos pensamentos insoro, ten èssere castigados, issos chi an dipretziadu su giustu e si sun arrempellados a su Segnore.

11) Chie dispretziat sa sabientzia e-i sas regulas est disdicciadu. Debadas est s’ispera insoro e tribulan chena profetu, inutiles sas fainas chi faghen.

12) Sas muzeres insoro sun iscabadas, malos sos fizos e malaita s’insoro erentzia. Est mezus èssere istòigu che àere una zenìa eretiga.

13) Biada s’istòiga e pura, chi no at connotu lettu cun peccadu, at àere issa su fruttu in sas cunsignas de sas animas.

RSS Sottoscrivi.