Categoria : cultura

“La grammatiga in sassaresu “di Mario Lucio Marras e Salvatore Taras

Oggi ischuminzemmu a fabiddà di cumenti ischribì lu sassaresu, chena vurè fa li masthri di nisciunu. Prisintemmu una parthi di chissi chi so li pruposthi fatti da pueti, ischrittori e isthudiosi in tant’anni. Si podarà vidè chi no è un arghumentu fazziri e chi no tutti so di la mattessi idea. Cosa chi no suzzedi candu lu fabiddemmu, acchì tutti lu femmu in lu mattessi modu (guasi tutti, a dì la viriddai: caschunu, pa’ fa un esempiu,  dizi “faziu, diziu, iscìu”, inveci di “fazia, dizia, iscìa”, chi è lu modu giusthu pa’ la primma passona di l’imperfetto).
Salvator Ruiu, saristhia a dì Agniru Canu, ha trattaddu la chisthioni di lu sassaresu ischrittu già cand’ha pubbricaddu “Sassari veccia e noba”, 1957. Ma abia dischussu cun Battista Ardau Cannas,  Barore Diego Sassu  e Gildo Motroni in li pagini di La Nuova Sardegna in l’ulthimi mesi di lu  1948, a fozza di puisii beddi pebarosi, sia l’unu chi l’althri. Dizia Agniru Canu: “…feci del mio meglio per scrivere secondo la viva e reale pronuncia, senza preoccupazioni etimologiche e letterarie…sentivo già una forte ripugnanza per l’eccessivo e non controllato raddoppiamento delle consonanti…”.

 

 

E tandu ischribia “andadu, fuimadu, barriadu, roda, fogu, logu”, dizendi chi un sassaresu sabìa di dubè liggi “andaddu, fuimmaddu, barriaddu, rodda, foggu, loggu”; ma era prizisu cun “pasthi” e “parthi”: la primma pa’ dì “paste (dolci)”, la sigunda pa’ dì “parte (di un oggetto”) e “parti, parte (verbi)”. Difficulthai puru pa’ la “L” e la “R”: in tanti casi la primma la dimmu cumenti una “R”: “il ladro = lu laddru” liggimmu “ lu raddru”; “no imprià la lana” lu liggimmu “no imprià ra rana”.
D’accordhu cun Agniru Canu erani  Giosuè Muzzo e Vito Lanza, chi hani pubbricaddu un vocabolariu,  e Aldo Cesaraccio, chi ischribi: “…il criterio è questo: poiché la lingua nazionale è l’italiano, orientare la grafia in modo tale da avvicinare quanto più possibile al significato italiano della parola…” (prefazione al Vocabolario di Vito Lanza).
Chistha è la chi l’isthudiosi ciammani “ortografia etimologica”, pa’ disthinghilla da l’”ortografia fonetica”: ischribì ammintendisi da undì è nadda la paraura, puru si, ischribendi cussì, po capità chi la paraura sia luntana da lu sonu sassaresu. Tandu “corto” diventa “corthu”, “finestra, balcone” dibenta “balchoni”.
Abaremm’a fabiddà di “ortografia fonetica”, ma vi dimmu puru chi v’è una terza prupostha chi zercha di punì tutti d’accordhu. Abaremm’a vidè cument’andani li cosi!

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.