Categoria : versi in italiano

“La Madonnina di San Leonardo” tra Santulussurgiu e Cuglieri di Pietro Meloni

“Siete fuentes”
sgorgano a San Leonardo
ascendendo lassù a “La Madonnina”.

Ti ammiro verde “parco alle sorgenti”
da cui sgorga un’acqua cristallina
che mi disseta alle “sette fonti”
nel suo fluire forma un bel ruscello
e nel laghetto si specchia la luna.
Ricami di trachite della chiesa
dal tempo dei Giudici di Torres
svelan la fede dei nostri antenati
che pregavano anche in mezzo ai boschi.

Ritemprato da “fresche e dolci acque”
riparto per vedere le alte vette
e “Monte Urtìgu” con la “Badde Ùrbara”
m’invitano ad ascendere veloce
per deliziarmi all’aerea visione
del “Montiferru” che guarda fino al mare.

S’inerpica la strada in mille curve
affiancata  da pini, lecci ed olmi
ed ecco l’altopiano verdeggiante
foresta alpestre creata da Dio
scoperta dal geniale “Don Enea”
sacerdote e uomo di preghiera
vulcano di febbrile intraprendenza
maestro e guida della gioventù,
che nell’intuito suo lungimirante
per attirar la gente alla montagna
creò il Rifugio de “La Madonnina”.

Nell’oasi di pace e di ristoro
quanti incontri sociali e religiosi
congressi e ritiri e passeggiate
campeggi e pic-nic tra le rocce
ed i rosari nei viali alberati …
La gente assetata di cultura
accorreva da tutta la Sardegna.

Il caffè preparato alla buvette
da persone simpatiche e gentili
ti risvegliava presto la mattina
e a mente fresca affrontavi lo studio
del verbo dei profeti e dei vangeli
Nella doviziosa biblioteca
potevi legger per il giorno intero
la Sacra Bibbia e la vita dei santi.

La Madonnina !…
Per anni e anni era un formicolìo
di giovani entusiasti che cantavano
scalando con destrezza le montagne,
di vecchi amici che si ritrovavano
brindando con un goccio di champagne,
e di “fucini” che si rallegravano
rimpiangendo l’antica goliardia
e Don Enea e la sua simpatia.

Ma un bel giorno il Papa “Paolo Sesto”
nominò monsignore Don Enea …
Con grande festa fu ordinato vescovo
e la sua ordinazione episcopale
solennemente celebrata a Sassari
a San Giuseppe fu fenomenale.
Enea diede l’addio a “La Madonnina”
e partì verso diocesi lontane.

Egli affidò il Rifugio a Don Budroni
sapiente e tenace animatore
che rilanciò i convegni di ricerca
le vacanze per gruppi di famiglie
e prestigiose settimane bibliche
chiamando il fior fiore dei biblisti
per dissetar gli amanti Vangelo
Il clima di cultura e di amicizia
amalgamava gli ospiti in vacanza
con la regia di Monsignor Budroni.

Eran previste anche le scampagnate
e dall’alto in partenza intravedevi
Cuglieri adagiata nella valle
poi attraverso “Funtana  de s’ozzu”
giungevi alla Madonna della Neve
e anche a “S’Archittu” a Santa Caterina.
Vedendo il Seminario Regionale
fucina che formava i preti sardi
molti piangevan per la nostalgia.

La Madonnina !
Ogni giorno la piccola cappella
si accendeva per la meditazione
e per la mensa dell’Eucaristia
un pensiero su Dio ed il suo amore
e l’energia del pane della vita.

E giù nel refettorio le famiglie
confabulando in gaia compagnia
consumavano i pasti con letizia
come i primi discepoli di Cristo
grati a Luigina cuoca raffinat
e alle gentili collaboratrici.
La sera tra scenette in allegria
fiabe e storielle per i più piccini
risuonava dei canti l’armonia.

E al suono dolce dell’Ave Maria
tutti andavano a nanna e così sia.

Sassari Settembre 2020

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.