Su Cantigu de sos Cantigos – capitulu 7 Tradotto in lingua sarda da Maria Sale

Su coro

Maria Sale

Giradi, giradi Sulammita, chìnduladi,
chìnduladi: ti cherimus bidere cun ammiru.
It’est chi ammirades bois in Sulammita,
cando faghet ballu a duas filas”.

S’isposu

“Cantu pès tuos sun bellos,
in sandulas, fiza de printzipe!
Che prendas sos costazos tuos,
sun  faina de manos de artista.
S’imbiligu est copa tunda,
inue b’at binu drogadu.
Sa matta est muntone de trigu,
totu inghiriadu de lizos.
Sas petorras sun duas crabas arestes,
copiles de sa crabola.
Su tuju est che turre de avoriu,
sos ojos che pischinas de Chesbòn,
in sa gianna de Bat-Rabbìm;
su nare tou est che turre de Libanu
tentadora a s’ala ‘e Damasco.
Sa conca tua, est rea che su Gàmminu,
piluca ruja b’at subra,
e a sas tritzas b’est presu unu re”.
Cantu ses bella e cantu ses grasciosa,
amore, fiza de su gosu!
S’altaria tua a pramma assimizat
e su sinu tou a budrones.
Apo nadu:”Deo ap’a pigare a sa pramma,
pro nd’e ‘oddire budrones de indàtiles;
che budrones mi sian sas petorras
e che pumos su nuscu ‘e s’alenu.”

S’isposa

“Sa ‘ucca tua est che binu lichitu,
chi deretu falat a s’intragna
e m’iscorat in laras e in dentes.
Deo sò pro s’istimadu meu
e sa brama sua est pro me.
Beni, istimadu meu, andemus in tancas,
e peri sas biddas passemus sa note.
A manzanu chito amus andare a sas binzas,
amus a bider si rebuddit sa ‘ide,
si s’abberin sos fiores,
si sun fiorende sas melagrenadas:
inie t’ap’a dare sos carignos mios.
Sas ervas ispànian nuscu,
in su giannile nostru b’at fruttures lichitas,
fruttures friscas e siccas,
istimadu, las apo arribadas pro te”.

Testo in lingua italiana

Il coro

«Volgiti, volgiti, Sulammita,
volgiti, volgiti: vogliamo ammirarti».
«Che ammirate nella Sulammita
durante la danza a due schiere?».

Lo sposo

«Come son belli i tuoi piedi
nei sandali, figlia di principe!
Le curve dei tuoi fianchi sono come monili,
opera di mani d’artista.
Il tuo ombelico è una coppa rotonda
che non manca mai di vino drogato.
Il tuo ventre è un mucchio di grano,
circondato da gigli.
I tuoi seni come due cerbiatti,
gemelli di gazzella.
Il tuo collo come una torre d’avorio;
i tuoi occhi sono come i laghetti di Chesbòn,
presso la porta di Bat-Rabbìm;
il tuo naso come la torre del Libano
che fa la guardia verso Damasco.
Il tuo capo si erge su di te come il Carmelo
e la chioma del tuo capo è come la porpora;
un re è stato preso dalle tue trecce».
Quanto sei bella e quanto sei graziosa,
o amore, figlia di delizie!
La tua statura rassomiglia a una palma
e i tuoi seni ai grappoli.
Ho detto: «Salirò sulla palma,
coglierò i grappoli di datteri;
mi siano i tuoi seni come grappoli d’uva
e il profumo del tuo respiro come di pomi».

La sposa

«Il tuo palato è come vino squisito,
che scorre dritto verso il mio diletto
e fluisce sulle labbra e sui denti!
Io sono per il mio diletto
e la sua brama è verso di me.
Vieni, mio diletto, andiamo nei campi,
passiamo la notte nei villaggi.
Di buon mattino andremo alle vigne;
vedremo se mette gemme la vite,
se sbocciano i fiori,
se fioriscono i melograni:
là ti darò le mie carezze!
Le mandragore mandano profumo;
alle nostre porte c’è ogni specie di frutti squisiti,
freschi e secchi;
mio diletto, li ho serbati per te».

 

7 – continua

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.