Cantigu de sos cantigos – capitulu 6 traduidu dae Maria Sale poetessa de Sardigna

 

 Su coro
o bella, s’istimadu tou?
A inue si ch’est andadu,
pro chi nois lu chirchemus pro te?
A inue si ch’est andadu,
o bella, s’istimadu tou?
A inue si ch’est andadu,
pro chi nois lu chirchemus pro te?

S’isposa

A su giardinu sou, faladu fit s’istimadu,
tra pasteras e unghentos,
a paschere s’ama in giardinos,
pro nde ‘oddire lizos.
Deo sò pro s’istimadu meu
e issu est pro me,
issu in mesu ‘e lizos
paschere bi faghet s’ama.

CUINTU POEMA

S’isposu

Ses bella amiga mia, che Tirza,
che Zerusalemme dechìda,
atzuda comente trùmas cun fusiles puntados.
Disvìa da-e me sos ojos:
s’ojada insoro m’istròbat.
Sos pilos tuos sun che fiotu
de crabas da-e Gàllad falende.
Sas dentes tuas sun che arveghes
pighende da-e su riu.
Totu andan acopiadas,
manc’una bi-nd’at iscabula.
Insegus de su ‘elu sun sos cavanos tuos
che ispiju de melagrenada.
Sessanta sun sas reinas,
otanta sun sas isposas,
no s’at contu de pitzinnas.
Columba mia est una, issa no at defetu,
est s’unica pro sa mama, sa preferid sua.
Li naran totu biàda, pitzinnas chi l’an bida,
intessidu nd’an sas lodes reinas cun sas isposas.
”Chie che chintale ispuntat,
bella comente luna, lughente che-i su sole,
atzuda che sas trumàdas cun sos fusiles puntados?”
In su giardinu ‘e sas nughes, deo faladu so,
pro ‘ider su ‘irde de s’adde,
pro ‘ider rebuddos in bide
e melagrenadas in fiore.
No l’isco, però su disizu,
in carru de Amminadìb m’at postu.

Testo in lingua italiana

Il coro

Dov’è andato il tuo diletto,
o bella fra le donne?
Dove si è recato il tuo diletto,
perché noi lo possiamo cercare con te?

La sposa

Il mio diletto era sceso nel suo giardino
fra le aiuole del balsamo
a pascolare il gregge nei giardini
e a cogliere gigli.
Io sono per il mio diletto e il mio diletto è per me;
egli pascola il gregge tra i gigli.

QUINTO POEMA

Lo sposo

Tu sei bella, amica mia, come Tirza,
leggiadra come Gerusalemme,
terribile come schiere a vessilli spiegati.
Distogli da me i tuoi occhi:
il loro sguardo mi turba.
Le tue chiome sono come un gregge di capre
che scendono dal Gàlaad.
I tuoi denti come un gregge di pecore
che risalgono dal bagno.
Tutte procedono appaiate
e nessuna è senza compagna.
Come spicchio di melagrana la tua gota,
attraverso il tuo velo.
Sessanta sono le regine,
ottanta le altre spose,
le fanciulle senza numero.
Ma unica è la mia colomba la mia perfetta,
ella è l’unica di sua madre,
la preferita della sua genitrice.
L’hanno vista le giovani e l’hanno detta beata,
le regine e le altre spose ne hanno intessuto le lodi.
«Chi è costei che sorge come l’aurora,
bella come la luna, fulgida come il sole,
terribile come schiere a vessilli spiegati?».
Nel giardino dei noci io sono sceso,
per vedere il verdeggiare della valle,
per vedere se la vite metteva germogli,
se fiorivano i melograni.
Non lo so, ma il mio desiderio mi ha posto
sui carri di Amminadìb.

6 – continua

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.