“Cantigu de sos cantigos – capitulu 5” de Maria Sale,grande poetessa de Sardigna.

 

A su giardinu meu, sorre mia, isposa,
deo bennidu sò, mirra e balsamu meu agoglio;
su mele meu a reje mi mandigo
e mi buffo su ‘inu e su latte meu.
Mandigade amigos caros,
imbreagadebos e buffade.

Cuartu poema

S’isposa

Deo drommo ma est su coro isvegliu.
Unu tzoccu! Est s’istimadu meu tzochende:
”Aberimi sorre mia, columba mia perfeta,
tue amiga mia, ca tenzo de lentore
sa conca mia infusta,
sos pilos mios aneddados cun buttìos de sa note”.
”Mi so gia ispozada,
bestire mi devo torra?
Pruite devo imbrutare,
sos pes mios samunados?”
Ma postu at s’istimadu sa manu in s’isperajolu,
e deo assuconada mi so tota tremende.
Pesada mi so pro aberrere  a s’istimadu meu,
sos poddighes mios mirra
fin gia totu isgutende,
subra su frisciu e manecia.
Abertu l’apo tando a s’istimadu meu,
ma andadu si-che fidi, issu fit isparidu.
E deo fala fala fia pro su mancamentu.
Chircadu l’apo debadas, ca no l’apo agatadu,
e poi l’apo giamadu, ma rispostu mo m’ada.
Sas guardias m’an agatadu,
iscuttu e m’an lantadu,
furadu m’an s’isciallu,
sas guardias de sas muraglias.
Deo bos prego, fizas de Zerusalemme,
si ‘idides s’istimadu meu,
it’est chi l’azis a nàrrere?
Chi sò malàida de amore!

Su coro

It’at s’istimadu tou chi atere no ada,
o tue, tra feminas sa pius bella?
De diferente it’ada,
pruite nos sùpricas goi?

S’isposa

Est biancu nidu s’istimadu meu,
distintu est issu tra milli e milli.
Sa conca sua est de oro, oro puru,
sos pilos suos aneddados,
sun che budrones de pramma,
nieddos che-i su corvu.
Sos ojos suos sun che columbas,
subra de rios de abba,
sas dentes in late infustas,
postas bene incasciadas.
Sas barras suas che pastera
de ervas e unghentu,
sas laras suas sun che lizos
da inue isgutat mirra.
Sas manos suas sun aneddos d’oro,
cun gemmas de Tarsis incasciadas.
Sa petorra est tota de avoriu,
de zafiros fronìda.
Sas ancas suas sun colunnas de alabastru,
in pamentu de oro postas.
De su Libanu at pessonazu,
meravizosu che cedros.
Dulche est sa ‘ucca sua,
issu est totu delissias!
Custu m’est s’istimadu, custu est s’amigu meu,
fizas de Zerusalemme.

Testo in lingua italiana

Lo sposo

Son venuto nel mio giardino, sorella mia, sposa,
e raccolgo la mia mirra e il mio balsamo;
mangio il mio favo e il mio miele,
bevo il mio vino e il mio latte.
Mangiate, amici, bevete;
inebriatevi, o cari.

Quarto poema

La sposa

Io dormo, ma il mio cuore veglia.
Un rumore! E’ il mio diletto che bussa:
«Aprimi, sorella mia,
mia amica, mia colomba, perfetta mia;
perché il mio capo è bagnato di rugiada,
i miei riccioli di gocce notturne».
«Mi sono tolta la veste;
come indossarla ancora?
Mi sono lavata i piedi;
come ancora sporcarli?».
Il mio diletto ha messo la mano nello spiraglio
e un fremito mi ha sconvolta.
Mi sono alzata per aprire al mio diletto
e le mie mani stillavano mirra,
fluiva mirra dalle mie dita
sulla maniglia del chiavistello.
Ho aperto allora al mio diletto,
ma il mio diletto gia se n’era andato, era scomparso.
Io venni meno, per la sua scomparsa.
L’ho cercato, ma non l’ho trovato,
l’ho chiamato, ma non m’ha risposto.
Mi han trovato le guardie che perlustrano la città;
mi han percosso, mi hanno ferito,
mi han tolto il mantello
le guardie delle mura.
Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme,
se trovate il mio diletto,
che cosa gli racconterete?
Che sono malata d’amore!

Il coro

Che ha il tuo diletto di diverso da un altro,
o tu, la più bella fra le donne?
Che ha il tuo diletto di diverso da un altro,
perché così ci scongiuri?

La sposa

Il mio diletto è bianco e vermiglio,
riconoscibile fra mille e mille.
Il suo capo è oro, oro puro,
i suoi riccioli grappoli di palma,
neri come il corvo.
I suoi occhi, come colombe
su ruscelli di acqua;
i suoi denti bagnati nel latte,
posti in un castone.
Le sue guance, come aiuole di balsamo,
aiuole di erbe profumate;
le sue labbra sono gigli,
che stillano fluida mirra.
Le sue mani sono anelli d’oro,
incastonati di gemme di Tarsis.
Il suo petto è tutto d’avorio,
tempestato di zaffiri.
Le sue gambe, colonne di alabastro,
posate su basi d’oro puro.
Il suo aspetto è quello del Libano,
magnifico come i cedri.
Dolcezza è il suo palato;
egli è tutto delizie!
Questo è il mio diletto, questo è il mio amico,
o figlie di Gerusalemme.

5 – continua

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.