Càntigu de sos càntigos, chi est de Salomone – Capitulu 1 di Maria Sale

 

Angelino Tedde

Il Cantico dei cantici o semplicemente cantico sublime è un testo contenuto nella Bibbia ebraica e cristiana. Attribuito al re  Salomone , celebre per la sua saggezza, per i suoi canti e anche per i suoi amori, il Cantico dei Cantici fu composto non prima del IV secolo a.C. ed è uno degli ultimi testi accolti nel canone della Bibbia, addirittura un secolo dopo la nascita di Cristo. È composto da 8 capitoli contenenti poemi d’amore in forma dialogica tra un uomo e una donna. Allegoricamente significherebbe la ricerca dell’anima da parte di Dio, anima soggetta al peccato, pigra nel cercare Iddio, ma comunque amata dallo stesso Dio che toltala dal peccato la rende pura e degna del suo amore.
In questi giorni tornato in auge per via della lettura fattane dal giullare Benigni nel corso del festival di Sanremo. Io, che poco guardo la televisione,non ho ascoltato la lettura e non saprei dire fino a che punto Benigni abbia colto il vero significato di questo meraviglioso canto orientale che gli esegeti collocano non anteriore ai quattro secoli  avanti Cristo. (Angelino Tedde)

 

Maria Sale

Sa Sacra Bibbia
Su testamentu Antigòriu
Sos liberos poètigos e sabidòres

S’isposa

Mi ‘asas cun sos basos de sa ‘ucca tua!
Pius dulches de su ‘inu sun sos carignos tuos.
Imbreagat su fumèntu de sos nuscos tuos;
bonu upòre est su nòmene tou,
pro custu sas piseddas est chi ti àman.
Attràemi cun tegus, curremus!
In aposentos suos su re mi ponzat,
pro te àmus a gosare in cuntentesa,
àmus ammentare sos carignos tuos pius de su ‘inu.
Cun rejone est chi ti àman!

S’isposa

Murinedda sò ma bella,
o fizas de Zerusalemme,
comente sas tendas de Kedar,
comente sos pabagliones de Salma.
No m’istèdes mirende si so niedda,
ca a mie innieddigadu m’at su sole.
A mie m’an ischivìdu frades mios:
issos m’an fatu tentare sas binzas,
ma no m’apo bardiadu sa ‘inza mia.
Narami, amore de s’anima mia,
a inue gighes a pascher s’ama tua,
a inue est chi la gighes pro meriàre,
pro chi deo no ande bagabunda
fatu a masones de cumpanzos tuos.

Su coro

Si tue no l’ischis, o bella tra sas feminas,
e boga sas crabitas tuas a pàschere
inue tenen cuìle sos pastores.

S’isposu

A s’ebba de su carru ‘e faraone,
deo, amiga mia, t’assimizo.
Bellos sun sos càvanos tuos
tra duas recàlas,
su tuju tou fronidu a inghiriu ‘e prellas.
Amus a fagher a tie recàlas d’oro
cun ranos de prata.

Cantigu a duos

Mentres ch’istat su re in logu sou,
su nuscu sou isterret s’erva mia.
S’istimadu meu est pro me
unu saccheddu ‘e mirra,
si pasat in petorras mias.
S’istimadu meu est pro me
unu ‘udrone de ciprò,
in sas binzas de Engàddi.
Cantu ses bella amiga mia, cantu bella,
che columbas sun sos ojos tuos.
Cantu, istimadu meu, ses bellu
e cantu ses grasciosu!
Fintzas su letu nostru est imbirdìdu.
De domo nostra sas tràes sun de tzedros,
bòvida nostra suni sos tzipressos

Testo in italiano

Cantico dei Cantici – Capitolo 1

TITOLO E PROLOGO

Cantico dei cantici, che è di Salomone.

 

La sposa

Mi baci con i baci della sua bocca!
Sì, le tue tenerezze sono più dolci del vino.
Per la fragranza sono inebrianti i tuoi profumi,
profumo olezzante è il tuo nome,
per questo le giovinette ti amano.
Attirami dietro a te, corriamo!
M’introduca il re nelle sue stanze:
gioiremo e ci rallegreremo per te,
ricorderemo le tue tenerezze più del vino.
ragione ti amano!

 

PRIMU POEMA

La sposa

Bruna sono ma bella
o figlie di Gerusalemme,
come le tende di Kedar,
come i padiglioni di Salma.
Non state a guardare che sono bruna,
poiché mi ha abbronzato il sole.
I figli di mia madre si sono sdegnati con me:
mi hanno messo a guardia delle vigne;
la mia vigna, la mia, non l’ho custodita.
Dimmi, o amore dell’anima mia,
dove vai a pascolare il gregge,
dove lo fai riposare al meriggio,
perché io non sia come vagabonda
dietro i greggi dei tuoi compagni.

Il coro
Se non lo sai, o bellissima tra le donne,
segui le orme del gregge
e mena a pascolare le tue caprette
presso le dimore dei pastori.

Lo sposo
Alla cavalla del cocchio del faraone
io ti assomiglio, amica mia.
Belle sono le tue guance fra i pendenti,
il tuo collo fra i vezzi di perle.
Faremo per te pendenti d’oro,
con grani d’argento.

Duetto

Mentre il re è nel suo recinto,
il mio nardo spande il suo profumo.
Il mio diletto è per me un sacchetto di mirra,
riposa sul mio petto.
Il mio diletto è per me un grappolo di cipro
nelle vigne di Engàddi.
Come sei bella, amica mia, come sei bella!
I tuoi occhi sono colombe.
Come sei bello, mio diletto, quanto grazioso!
Anche il nostro letto è verdeggiante.
Le travi della nostra casa sono i cedri,
nostro soffitto sono i cipressi.

 

In Appendice al Cantico dei Cantici pubblico anche questa poesia di Maria Sale

 

Primo Premio Bonorva 2019

In manu tua

In manu tua
istringhes su cabu
de lòrumos fatos
dae s’atzola in chindalu,
e de su tessìnzu
chi est aballonàdu.
L’aias barminàdu,
e, sas manos tuas,
pùstis, l’an filadu,
cun pinnitzu ‘e dies
de  istajonare
in tempos e tempòrios,
nòos e antigòrios
a pare intritzàdos.

istringhes sos logos
chi amus atraessàdu
e accabarràdu
cun bramusìa,
mentres chi tue ebbìa
nde ses donnu e mere,
e in malu e in bene
est chi los contivizas.

Da-e manu tua
un’istiza isgutat
de licore ìu,
e leamus s’imbìu
chi pùstis osservas
in tota s’andamènta.
Cantu andalitorra,
tenzende a tie innanti
e dae te sighìdos,
currende a tota fua
in libertade fuìdos.

Sende sempre ligados,
tempus, in manu tua.

 

Nella tua mano

 

Nella tua mano
tieni stretto il bandolo
dei gomitoli fatti
da matassa in arcolaio,
e della tessitura
che è arrotolata.
L’avevi scardassato,
e le tue mani
lo hanno poi filato,
con pennecchio di giorni
da stagionare
in epocali tempi,
nuovi e antichissimi
insieme intrecciati.

Nella tua mano
tieni stretti i luoghi
che abbiamo attraversato
e accaparrato
con ingordigia,
mentre tu soltanto
sei  il signor padrone,
che nel bene e male
te ne curi e disponi.

Dalla tua mano
gocciola una stilla
di liquore vivo,
e prendiam l’avvio
che poi tu osservi
in tutto il suo sviluppo.

Quanto andirivieni,
tenendoti  dinanzi
e da te seguiti,
correndo a perdifiato
evasi in libertà.

Essendo sempre legati,
tempo, nella tua mano.

Maria Sale

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.