Categoria : letteratura sarda

“Bentanas e jannas” “Porte finestre” “Non timas” “Non temere” di Giovanni Soro

Cum s’iscopu de recuire in sos carruzos de su burgu e de nos ammentare de su tempus passadu est istada organizada a Tzaramonte un aboju de poetes in sas carrelas de su burgu inue issos e totu ant legidu sas poesias [coment’a su solitu pius de unu o l’at fata tropu longa o at fatu una comiziu prima de leggere e gai Maria Sale, sa poetessa regina, a mala pena at potidu leggere sa sua e no at leggidu sa mia. Ma deo non mi sento offesu ca sa veridade si nerzat commenta poeta so solo una mineta.] Como pubblico duas poesias de Giuanne Soro, mesu tzaramontesu e mesu ollolaesu. Chie cheret mi podet mandare sa poesia pro las pubblicare. Email: angelinot@tiscali.it-

Al fine di fare ritorno nei carruggi del borgo e di ricordarci del tempo passato è stato organizzato un incontro dei poeti nelle strade dello stesso borgo dove ognuno ha letto la sua. Dopo queste di Giovanni Soro, chi lo desidera, mi mandi la sua poesia. O per email o. a mano.

Bentanas e jannas

Bentanas e jannas lùtzigas
abertas a sa die appena ispuntada.
In  carrelas  e in giassos lontanos
si pesan’ boghes melodiosas.
In  sos caminos e in sos tirighinos felitzes
iscultaias ticchirrios allegros
de  pitzinnos cuntentos.
Como s’est  istudadu d-ogni sonu :
restat solu sa tristura de  ventanas betzas
e de  jannas segadas e serradas
a su sole de su ‘eranu allentoridu,
ne intendes picioccos in festa
e cantones caldas e friscas.
Totu es’ triuladu,
ma su coro isperat
chi in d-unu sero de atunzu luminosu
torren sas binnennèras
bundantes e antigas.

Libera traduzione di Angelino Tedde

 

Porte e finestre

Finestre e porte luminose
aperte al giorno appena spuntato.
Su strade e luoghi lontani
si levano voci melodiose.
Nei sentieri e nei viottoli rumorosi
ascoltavi grida allegre
di bambini felici.
Ora si è spenta ogni voce
resta solo la tristezza di vecchi balconi
e di porte usurate e chiuse
al sole della tiepida primavera.
Non odi fanciulli in festa
e canzoni antiche e giovanili.
Tutto è all’aria
ma il cuore spera
che in un meriggio d’autunno soleggiato
tornino le vendemmie
abbondanti e dal sapore antico.

Non timas

Frimmu in custu chizolu
de chelu ispannadu
ammiro
sa felitzidade
‘e su sole caldu
chi saludat  sa die‘etza
cun pagas oras de vida.
Ma non timas…
Cras nasches
nou e friscu
pro regalare
iscutas de recreu
e de allegria
a sos pensamentos
funguttos
de su coro istraccu.

Libera traduzione di Angelino Tedde

Non temere

Immobile in quest’angolo
di cielo striato
osservo
la beatitudine
del sole caldo
che saluta il vecchio giorno
con poche ore di vita.
Ma non temere…
domani nasce
nuovo e fresco
per donare
momenti di gioco
e di gioia
ai pensieri
cupi
del cuore stanco.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.