“Istellas e pianetas” de Anghelu de sa Niéra

Cando Deus feteit sas istellas
de lughe manna e de forte calore
curreit sa lughe subra sos pianetas
a los iscaldire cun amore
Ma issos muizende a tantu ardore
si che ponent a currer ca sa lughe
no lis piaghet ca est tropu forte.
Sas istellas chena rispetu e nen pudore
insistint che animales in calore
fuent che freas tando sos pianetas
inue b’at note inue b’at fritu ‘e nie.
Ma sa lughe cand’issos sunt riende
arrivit malasorte muizende
e tando current torra sos pianetas
chirchende friscu in logu pius umbrosu,
ma sa lughe chena pasu e reposu los zoomat
che fotografu visciosu.
Su giogu at durare fina a cando Deus
istellas e pianetas abbaidende
at a narrer:
– Como fine ponimus a sa festa!-
S’istudant tando in chelu sas istellas
s’immesisciana totu sos pianetas
E sos omines currende a totavua
ponent fine a s’istoria
ca s’universu chena poppa e chena prua
at a esser tando!

 segue la traduzione in italiano dell’autore

Quando Dio fece le stelle
d’immensa luce e di forte calore
la luce corse sopra i pianeti
per riscaldarli con amore
Ma essi sibilando a tanto ardore
si danno a correre
ché abbacinante è la luce
Le stelle senz’alcun rispetto né pudore
insistono come animali in calore
fuggono veloci come frecce i pianeti
dove c’è notte e freddo di neve
Ma la luce mentre essi se la ridono
arriva, malasorte, fischiando
allor si danno a correre i pianeti
cercando fresco in siti pieni d’ombra
ma la luce senza misericordia
fa loro la zumata come fotografo impietoso
Il gioco durerà fino a quando Iddio
osservando le stelle e i pianeti dirà:
-Poniamo fine alla fiesta.-
Allora si spengono le stelle su nel cielo
cadono a pezzi i pianeti tutti
E gli uomini correndo a più non posso
mettono fine alla storia
perché non avrà né prua nè poppa
allora l’universo.

Tzaraminte 8 de Lampadas 2016

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.