Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 3 de Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 3

Cunfrontu tra sa sorte de sos giustos e-i cussa de sos eretigos

1) Sas animas de sos giustos sun in manos de Deus, no las at a toccare turmentu perunu.

2) A ojos de chie no cumprendet pariat chi fin mortas e sa fine insoro una disgrascia.

3) Su partire insoro una ruina, mentres chi issos sun in sa paghe.

4) Fintzas si a s’oju de s’omine paren in castigu, s‘isperantzia insoro no podet morrere mai.

5) Pro una pena minore nd’an àere benefitzios mannos, ca Deus los at postos a sa proa e dignos de issu los at agatados.

6) Los at tastados che oro in su crisciolu e agradessidos comente un’olocàustu.

7) Sa die de su giudisciu issos an a lughere che istinchiddas in s’istula, gai an’a currere totue.

8) An a guvernare natziones e an àere podere, subr’a issos at’a regnare sempre su Segnore.

9) Sos chi si fidan de issu an a cumprendere sa veridade, sos chi li sun fideles an a vivere in amore cun issu, grascia e miserigordia sun arribadas a sos chi issu preferit.

10) Ma sos eretigos, pro sos pensamentos insoro, ten èssere castigados, issos chi an dipretziadu su giustu e si sun arrempellados a su Segnore.

11) Chie dispretziat sa sabientzia e-i sas regulas est disdicciadu. Debadas est s’ispera insoro e tribulan chena profetu, inutiles sas fainas chi faghen.

12) Sas muzeres insoro sun iscabadas, malos sos fizos e malaita s’insoro erentzia. Est mezus èssere istòigu che àere una zenìa eretiga.

13) Biada s’istòiga e pura, chi no at connotu lettu cun peccadu, at àere issa su fruttu in sas cunsignas de sas animas.

14) Fintzas s’omine isterilizadu, de su cale sa manu no at fatu malidade peruna e chi no at pensadu cun malesa contr’a Deus, at àere una grascia manna pro sa fidelidade sua e una parte, sa pius disizàbile, in su tempiu de su Segnore;

15) ca gloriosu est su frutu de sas oberas bonas e no morit mai sa raighina de sa sabiesa.

16) Sos fizos de sos peccadores no an a bennere a giompimentu, sa zenia de s’unione illezitima at a èssere distruìda.

17) Mancari èpan vida longa mai an àere cunsideru e chena onore an àere sa ‘etzesa.

18) Si poi morin pitzinnos, no an àere ispera ne consolu in sa die de su giudisciu,

19) ca de una zenia ingiusta est orrorosu su destinu.

 

Testo in lingua italiana

 

Sapienza – Capitolo 3

Confronto tra la sorte dei giusti e quella degli empi

[1]Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà.

[2]Agli occhi degli stolti parve che morissero; la loro fine fu ritenuta una sciagura,

[3]la loro partenza da noi una rovina, ma essi sono nella pace.

[4]Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi, la loro speranza è piena di immortalità.

[5]Per una breve pena riceveranno grandi benefici, perché Dio li ha provati e li ha trovati degni di sé:

[6]li ha saggiati come oro nel crogiuolo e li ha graditi come un olocausto.

[7]Nel giorno del loro giudizio risplenderanno; come scintille nella stoppia, correranno qua e là.

[8]Governeranno le nazioni, avranno potere sui popoli e il Signore regnerà per sempre su di loro.

[9]Quanti confidano in lui comprenderanno la verità; coloro che gli sono fedeli vivranno presso di lui nell’amore, perché grazia e misericordia sono riservate ai suoi eletti.

[10]Ma gli empi per i loro pensieri riceveranno il castigo, essi che han disprezzato il giusto e si son ribellati al Signore.

[11]Chi disprezza la sapienza e la disciplina è infelice. Vana la loro speranza e le loro fatiche senza frutto, inutili le opere loro.

[12]Le loro mogli sono insensate, cattivi i loro figli, maledetta la loro progenie.

È meglio la sterilità che una posterità empia

[13]Beata la sterile non contaminata, la quale non ha conosciuto un letto peccaminoso; avrà il suo frutto alla rassegna delle anime.

[14]Anche l’eunuco, la cui mano non ha commesso iniquità e che non ha pensato cose malvage contro il Signore, riceverà una grazia speciale per la sua fedeltà, una parte più desiderabile nel tempio del Signore;

[15]poiché il frutto delle opere buone è glorioso e imperitura la radice della saggezza.

[16]I figli di adulteri non giungeranno a maturità; la discendenza di un’unione illegittima sarà sterminata.

[17]Anche se avranno lunga vita, non saran contati per niente, e, infine, la loro vecchiaia sarà senza onore.

[18]Se poi moriranno presto, non avranno speranza né consolazione nel giorno del giudizio,

[19]poiché di una stirpe iniqua è terribile il destino.

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.