Categoria : letteratura sarda

“Settimana di Passione” “Vivimus morzende” di A. T.

MantegnaUna vera Settimana di Passione: le studentesse di Valencia, morte per la poca professionalità di un autista che probabilmente, invece di dormire, ha fatto festa. Le stragi di Bruxelles. Non ce la facciamo più a vivere in mezzo a queste stragi. Tutto va ad associarsi al massacro dell’uomo Dio.
Per nostra fortuna abbiamo la speranza nella Fede e non tutto si perde. In questo momento però il dolore è forte e vengono meno le parole. Tante ragazze alle quali è stato spezzato il sogno del futuro, tanti cittadini incolpevoli falciati dalla furia di energumeni impazziti. Ci resta il pianto e una ferita profonda nel cuore. L’Europa, inebetita, per l’ennesima volta, annaspa, impotente, per l’accaduto, mentre tanti adolescenti di entrambi i sessi, privi di formazione umana, plaudono sull’web. Diavoli, pieni di livore e di minacce crescono ovunque. Le ferite al cuore, le lacrime non bastano a calmare il nostro atroce dolore, quando si sparge tanto sangue innocente. Vorremmo che questi efferati delitti non ci fossero mai stati, ma ci sono stati e le precauzioni non servono a nulla quando il demonio criminale infuria come un ciclone nefasto. Passa la morte! Chi la fermerà per il futuro? L’ineducazione a qualsiasi fede nell’uomo porta a questi orrori e a nulla pare servire che dentro ogni anima ci sia scritto a lettere cubitali NON UCCIDERE!
Signore, solo tu puoi trasformare i nostri cuori, non lasciarci soli. Sei morto per amore, salvaci per amore e liberaci dal maligno! Non guardare altrove, ma mostraci il tuo volto di Padre misericordioso. Accogli nella tua eterna dimora celeste quest’innocenti e cambia il cuore di pietra degli assassini in cuori di carne. Noi viviamo morendo! A.T.

Vivimus morzende
AddolorataNon bi la faghimus pius a vivere morzende cun totu custos mortos de Ispagna e de Brusselles. Non s’inde cumprendet pius nudda de custu mundu chi s’est fatu unu grande masellu de omines e de feminas chi chena peruna maladia chena peruna diagnosi s’inche sunt mortos.
Parimus torrados che si mai mai! Gia in custas dies intervistende sos betzos pro un’istoria de fida ap’ischidu de una femina brujada a bezina in domo sua, de un omine bocchidu a rustaglieddu chena misericordia, de una familia isterminada propriu in su ’26, totu roba de innoghe. Apo pro fortza pensadu a sa trragedia mia de pitzinnu de deg’annos appena giompidos. Totu cosas mi trapassant su coro. Unu passat una vida pro ismentigare su male passadu, ma custas tragedias faghent torrare a mente s’istoria de sa nostra idda e edducas de sa pitzinnia; Giuliu Murrutzulu, Padre mi cherzo e chentu ateras tragedias de idda nostra.
Sempre sambene, sambene a rios dae cando Cainu at bochidu Abele.
E poi sa gherra de Ispagna (apo pius de 30 intervistas de reduces sardos), sa prima e sa segunda gherra mondiale, sos mortos nostros in Africa in totue. Sempre sambene, sembre pugnaladas a su coro! Ateru che campare chent’annos. Innoghe finimus chi pro sos dispiagheres nonch’andamus prima a s’ateru mundu. Ite che faghet in vida un omine a bider totu custos massacros? Cun totu chi non bido dae meda sa televisione, chi non leggio giornales, in custas occasiones non poto restare tzegu e surdu e tando totu sos ammentos sunt recuidas tristas.
Semus in chida de passione e pensamus a s’ipissa comente ant leadu s’Innotzente pro antonomàsia, l’ant leadu in s’oliariu, ant comintzadu a lu mazare, l’ant presu a chintu, l’ant trazadu che un animale selvaticu, l’ant leadu a faladas de pe’, a ciaffos, l’anti gitu dae Anna a Caifa, da Pilatu a Erode, l’ant massacradu a colpos de fuetes puntudos, l’ant postu una corona de ispinas, l’ant tolstadu pro lu ponner in rughe, l’ant fatu morrer in rughe.
Gesù Cristu meu, comente che semus falende in basciu. Gai ant fatu e feghent d’ogni die in pius de chimbanta gherras de su mundu.
Nos paret de vivere, ma vivimus morzende!

A.d. N.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.