“Drommi abali” “Dormi adesso” di Maria Teresa Inzaina

Drommi abali…

Lu caniDrommi  abali
illa  tarra calpita di stiu:
pochi monti assintati
a signali di te
naracheddhu
illa sicca lascùra
ingrughita sgrivita
cu li tuppi di mucchju
ghjà di fiori sfruniti
e la bureddha albina
a punti d’oru sitìti.
Igniru  licci  tolti
li cupp’ infitt’ umbrosi
illi  so’  frondi  accoddhjni
lu  ‘entu  chi alluttu da l’alturi
frusciulinu canniulendi ni fala
o bulbutti saliti n’arreca
di  lu mari a chiddh’ala.
E  una mùita  frimenti
lu  filumestu  canta
d’un cani chi pussenti
cu lu ‘entu currìa
pa li  sterrit’abbalt’ a marranìa
bivu lu murru di lintori ‘nfusu
impissimi li sensi l’aria  nuschendi
la préda a sirià. A la miccata
prontu di la passon’amica
fianc’a fiancu  sighita
un carignu  la paca bramita.
Com’un omu a  vicchjésa
chissu  briu  t’ha lassatu
l’occhj spinti  fissuri ‘ncilati
vidian’ umbri di tani sbuitati.
Ma  illi to’ sonni stracchi
risettu  da li peni
un ghjummeddhu d’aleni
sempri più culti e leni
fors’ ancora ghjannendi currìi
cu l’antica balìa prédi di fantasia
e frond’ alzat’a celi  da buffuli di ‘entu
in mulineddhi solu pal te d’abbentu.

Italiano

Lu caniDormi adesso..
Dormi adesso
otto la terra dura dell’estate:
la tua tomba di sassi
un piccolo nuraghe
nell’ arida radura
ingiallita scarnita
coi cespugli di cisto
già sfioriti
e l’elicriso chiaro
dai ciuffi d’oro assetati.
Intorno lecci torti
le chiome fitte ombrose
prendono tra il fogliame
il vento che vivace
rotola fischiettando dalle alture
o borbottii sospinge di salsedine
dal mare un po’ più in là.
E un sibilo fremente
la nenia canta
di un cane che possente
sfidava il vento nelle aperte distese
il muso acceso bagnato di rugiada
i sensi all’erta ad annusare  l’aria
e la preda fiutare. Pronto
al segnale del fidato amico
fianco a fianco seguito
una carezza
il premio più gradito.
Come un uomo invecchiando
hai perduto il vigore
e  negli  occhi fessure velate
solo ombre di tane svuotate.
Ma nei tuoi sonni stanchi
sollievo dalle  pene
gomitolo inerte di respiri
sempre più brevi e fievoli
forse ancora gagliardo abbaiavi
rincorrendo fantastiche prede
e foglie  che per gioco
ai refoli di vento
mulinavano sul tuo muso contento.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.