Qoélet boltadu in limba sarda dae Maria Sale

Qoèlet – Capitolo 11  pastedGraphic.pdf

Maria Sale

Maria Sale

[1]Getta il tuo pane sulle acque, perché con il tempo lo ritroverai. [2]Fanne sette od otto parti, perché non sai quale sciagura potrà succedere sulla terra.

[3]Se le nubi sono piene di acqua,
la rovesciano sopra la terra;
se un albero cade a sud o a nord,
là dove cade rimane.
[4]Chi bada al vento non semina mai
e chi osserva le nuvole non miete.
[5]Come ignori per qual via lo spirito entra nelle ossa dentro il seno d’una donna incinta, così ignori l’opera di Dio che fa tutto.
[6]La mattina semina il tuo seme
e la sera non dar riposo alle tue mani,
perché non sai qual lavoro riuscirà,
se questo o quello
o se saranno buoni tutt’e due.
[7]Dolce è la luce
e agli occhi piace vedere il sole.
[8]Anche se vive l’uomo per molti anni
se li goda tutti,
e pensi ai giorni tenebrosi, che saranno molti:
tutto ciò che accade è vanità.
[9]Stà lieto, o giovane, nella tua giovinezza,
e si rallegri il tuo cuore nei giorni della tua gioventù.
Segui pure le vie del tuo cuore
e i desideri dei tuoi occhi.
Sappi però che su tutto questo
Dio ti convocherà in giudizio.
[10]Caccia la malinconia dal tuo cuore,
allontana dal tuo corpo il dolore,
perché la giovinezza e i capelli neri sono un soffio.

Qoèlet – Capitolo 12  pastedGraphic_1.pdf

Maria Sale

Maria Sale

[1]Ricòrdati del tuo creatore
nei giorni della tua giovinezza,
prima che vengano i giorni tristi
e giungano gli anni di cui dovrai dire:
«Non ci provo alcun gusto»,
[2]prima che si oscuri il sole,
la luce, la luna e le stelle
e ritornino le nubi dopo la pioggia;
[3]quando tremeranno i custodi della casa
e si curveranno i gagliardi
e cesseranno di lavorare le donne che macinano,
perché rimaste in poche,
e si offuscheranno quelle che guardano dalle finestre
[4]e si chiuderanno le porte sulla strada;
quando si abbasserà il rumore della mola
e si attenuerà il cinguettio degli uccelli
e si affievoliranno tutti i toni del canto;
[5]quando si avrà paura delle alture
e degli spauracchi della strada;
quando fiorirà il mandorlo
e la locusta si trascinerà a stento
e il cappero non avrà più effetto,
poiché l’uomo se ne va nella dimora eterna
e i piagnoni si aggirano per la strada;
[6]prima che si rompa il cordone d’argento
e la lucerna d’oro s’infranga
e si rompa l’anfora alla fonte
e la carrucola cada nel pozzo
[7]e ritorni la polvere alla terra, com’era prima,
e lo spirito torni a Dio che lo ha dato.
[8]Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
e tutto è vanità.

Qoèlet – Capitolo 12  pastedGraphic.pdf

[1]Ricòrdati del tuo creatore
nei giorni della tua giovinezza,
prima che vengano i giorni tristi
e giungano gli anni di cui dovrai dire:
«Non ci provo alcun gusto»,
[2]prima che si oscuri il sole,
la luce, la luna e le stelle
e ritornino le nubi dopo la pioggia;
[3]quando tremeranno i custodi della casa
e si curveranno i gagliardi
e cesseranno di lavorare le donne che macinano,
perché rimaste in poche,
e si offuscheranno quelle che guardano dalle finestre
[4]e si chiuderanno le porte sulla strada;
quando si abbasserà il rumore della mola
e si attenuerà il cinguettio degli uccelli
e si affievoliranno tutti i toni del canto;
[5]quando si avrà paura delle alture
e degli spauracchi della strada;
quando fiorirà il mandorlo
e la locusta si trascinerà a stento
e il cappero non avrà più effetto,
poiché l’uomo se ne va nella dimora eterna
e i piagnoni si aggirano per la strada;
[6]prima che si rompa il cordone d’argento
e la lucerna d’oro s’infranga
e si rompa l’anfora alla fonte
e la carrucola cada nel pozzo
[7]e ritorni la polvere alla terra, com’era prima,
e lo spirito torni a Dio che lo ha dato.
[8]Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
e tutto è vanità.

EPILOGO

 [9]Oltre a essere saggio, Qoèlet insegnò anche la scienza al popolo; Ascoltò, indagò e compose un gran numero di massime.
[10]Qoèlet cercò di trovare pregevoli detti e scrisse con esattezza parole di verità. [11]Le parole dei saggi sono come pungoli; come chiodi piantati, le raccolte di autori: esse sono date da un solo pastore. [12]Quanto a ciò che è in più di questo, figlio mio, bada bene: i libri si moltiplicano senza fine ma il molto studio affatica il corpo.
[13]Conclusione del discorso, dopo che si è ascoltato ogni cosa: Temi Dio e osserva i suoi comandamenti, perché questo per l’uomo è tutto.
[14]Infatti, Dio citerà in giudizio ogni azione, tutto ciò che è occulto, bene o male.

Qoèlet – Capitolo 11

Betta su pane tou in mesu s’abba
e cun su tempus tue l’as agatare.
Faghe de issu sete o otto partes,
pruite no ischis ite at ‘a sutzeder.
Si garrigas  sas nues sunt de abba,
in terra de siguru an’a isvarriare,
si un’alvure ruet a subra o  giosso,
inue che falat gai at a imbarare.
Chie osservat bentu mai nde piantat
e chie osservat nues mai nde messat.
Comente innoras tue in cale istrada,
s’ispiritu est chi ossos atraessat,
cando ponet sa vid’ in sinu ‘e mama,
matessi  innoras su chi at fatu Deu.
Betta a manzanu su semene tou,
e su sero no ti pases sas manos,
pruite no ischis mai sa resessìda,
s’est bonu custu o s’est bonu cuddu,
o totos duos bonos sunt che pare.
Dulche sa lughe est e a  s’oju agradat
comente piaghet a bider su sole.
Mancari campet s’omine annos meda,
chi  si los godat totu die cun die,
e penset a sas dies meda  in s’iscuru,
e chi est vanidade su chi  avvenit.
Pitzinnu ista cuntentu in pitzinnia,
e tene coro allegru in gioventude.
Sighi  de coro tou sas anderas,
e sos disizos de sos ojos tuos.
Iscas però chi subr’a totu custu,
t’at a giamare Deu a dare contu.
Boga da-e coro tou s’amargura,
e ponedi atesu de s’afannu,
ca pitzinnia cun sos pilos nieddos,
durat ebbia solu un’isàlenada.

Qoèlet – Capitolo 12

Ammentadi de su creadore tou,
in cussas dies de sa pitzinnia,
prima chi ‘enzant dies cun tristura,
e benzant annos cando tue tes narrer,
chi no bi proas pius gustu perunu:
prima ch’iscuru si fetat su sole,
sa lughe e sas istellas cun sa luna,
e torrene sas nues poi ‘e s’abba;
cando at a tremer chie tentat domo,
e ten’esser  grunados sos balentes.
Cando an’a sensare ‘e marghinare,
sas feminas restadas tropu pagas,
e tristas aceradas in balcone,
an’atancare sa gianna ‘e carrela.
Cando no s’at a intender sonu ‘e mola,
e miminat su cantigu ‘e uzones,
paris cun s’intonada ‘e donzi cantu.
Cando s’at’aer timoria de s’altura,
e de sos assuconos in caminu,
cando sa mendula at’a esser in fiore,
e tzilipische andende a traginone,
cun s’appara oramai chen’efetu,
ca s’omine si c’andad’a s’eternu,
e pianghijolos girant in carrela.
Prima ‘e truncare sa cadena ‘e prata,
e siat cannìda sa lumèra ‘e oro,
e si seghet sa brocca in sa funtana,
cun rosinzola ruende intro su putu.
E comente fit prima torret como,
su piùere chi torret a sa terra,
e  gai a Deu s’ispiritu  donadu.
Vanidade de sas vanidades,
nerzeit Qoèlet, e totu est vanidade.

EPILOGU

Ultres d’esser sabiu, Qoèlet impareit iscientzias  a sa zente e isculteit,
indisceit e cumponzeit una  cantidade manna de dicios.
Qoèlet chircheit de agatare  dicios nodidos
e iscrieit cun pretzisione peraulas de veridade.
Sas peraulas de sabios sunt che puntorzu.
Sunt che giaos fichidos, sas raccoltas de iscritore,
ca issas,  sunt faina de unu pastore ebbia.
In cantu a su ch’est in pius de custu, fizu meu, abaida ‘ene:
sos liberos si moltiplicant chentza fine ma su tropu istudiu  istracat.
Congrusione de s’arrejunu:
poi chi s’est iscultada onzi cosa,
time a Deu,
osserva sos cumandamentos suos,
ca, pro s’omine, custu est totu.
Deu, at a pedire contu ‘e onzi assione,
de totu su chi est cuadu,
in bene e in male.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.