“Chiriàsgi” “Ciliegie per voi” di Maria Teresa Inzaina

Agghju diversi galitài di frutta illa cólti, ma mi mancani li chiriàsgi…Però..cantu mi piàcini e cantu n’agghju magnatu, cand’eru steddha, di dugna scéra ( primaticcia, ghinda , carruffali, nieddha, aresta) da l’alburi illa ‘igna di zia Marietta. E tantu mi so’ filmati chiss’ammenti e chissi saóri, ch’agghju scrittu una puisìa. No vi possu uffrì un piattu di chiriàsgi ma vi dedichigghju la puisìa.

Ciliegie

Cilegie per voi…Ciliegie
E quando le colline
sorridono di macchie acquerellate
e sui balconi si rinnovano i fiori
vivo com’era allora di tutti i suoi colori
mi si risveglia dentro
in un viaggio a ritroso del cuore
il ricordo del tempo felice
tra corse giochi scrosci di risate
l’eco che rimbalzava per le strade
fino a quando felpata la sera
serena scivolava e leggera
lungo il piano inclinato del giorno
spargendo lembi di nuvole rosate
per affidarli al vento e alla sorte.
Quel tempo ardito
delle scalate agli alberi
nel fitto del fogliame fino ai rami
più carichi e svettanti delle ciliegie rosse
da cogliere e mangiare a guance piene
i semi sputati poi per sfida
nella mira a un bersaglio lontano.
Quel tempo poi dei pomeriggi languidi
quando l’estate nuova credevo senza fine
sfogliati pigramente a occhi chiusi
i sensi all’erta l’orecchio a carpire
il canto di un cucù da interrogare:
– Cucù dai piedi belli
Cucù dalle belle mani
fra quanti anni mi potrò sposare?-
E già correvo con la fantasia
inseguendo miraggi nei bagliori
che con gli stormi in volo
saettavano tra il cielo e l’orizzonte
così vicini sbalzati contro il sole
che quasi li toccavo con le mani.
Come quelle ciliegie sui rami..

Chiriàsgi
E candu li custeri

di macchj chjari si pintani galani
e s’affaccani fiori illi balconi
nétitu e viu di li più accesi culori
indrentu mi si sciutaCiliegie
inn’un viagghju a riessu di lu cori
l’ammentu di li tempi spinniccati
tra currintini ghjochi sfruguli di risati
l’ ecu a brinchi di carrera in carrera
finz’a candu cutitìna la sera
lena lena falàa chena pinseri
supr’a lu pianu ghindatu di la dì
spagliendi frunzi di neuli rusulini
d’incumandà a lu ‘entu e a la solti.
Chissu temp’ arriscatu
di l’appiccat’ a l’alburi
innant’ a li bracciali
più innariati e garrighi di chiriasgi rui
d’accapità e magnà a bucceddhi pieni
li chii stuppiati a marranìa
a una miria d’allonga undisisìa.
Lu tempu poi di smaiati sirintini
illu stiu nou chi cridìa chena fini
sfrundati steli stel’ a occhj chjusi
li sens’ impìssimi l’aricchj a rapià
lu tunchju d’un cucù di pricuntà:
-Cuccu di pedi beddhi
Cuccu di beddhi mani
cant’anni a cujuammi vi ’olarani ?-
E ghjà curria cu la me’ fantasia
sighendi l’allullìu di luccicori
chi cu li l’ai a boli
sfricciàani tra lu celi e l’orizzonti
cussì accultu pintati contr’a soli
chi guasi li tuccàa cu li mani.
Comme chissi chiriasgi illi rami..

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.