“La morte” “Sa morte” Qoélet de Maria Sale, poetessa de Tzaramonte Cap. III

Qoèlet – Capitolo 3

La morte

[1]Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.

Maria Sale

Maria Sale

[2]C’è un tempo per nascere e un tempo per morire,
un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
[3]Un tempo per uccidere e un tempo per guarire,
un tempo per demolire e un tempo per costruire.
[4]Un tempo per piangere e un tempo per ridere,
un tempo per gemere e un tempo per ballare.
[5]Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,
un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
[6]Un tempo per cercare e un tempo per perdere,
un tempo per serbare e un tempo per buttar via.
[7]Un tempo per stracciare e un tempo per cucire,
un tempo per tacere e un tempo per parlare.
[8]Un tempo per amare e un tempo per odiare,
un tempo per la guerra e un tempo per la pace.

[9]Che vantaggio ha chi si dà da fare con fatica?

[10]Ho considerato l’occupazione che Dio ha dato agli uomini, perché si occupino in essa. [11]Egli ha fatto bella ogni cosa a suo tempo, ma egli ha messo la nozione dell’eternità nel loro cuore, senza però che gli uomini possano capire l’opera compiuta da Dio dal principio alla fine. [12]Ho concluso che non c’è nulla di meglio per essi, che godere e agire bene nella loro vita; [13]ma che un uomo mangi, beva e goda del suo lavoro è un dono di Dio. [14]Riconosco che qualunque cosa Dio fa è immutabile; non c’è nulla da aggiungere, nulla da togliere. Dio agisce così perché si abbia timore di lui. [15]Ciò che è, gia è stato; ciò che sarà, gia è; Dio ricerca ciò che è gia passato.

[16]Ma ho anche notato che sotto il sole al posto del diritto c’è l’iniquità e al posto della giustizia c’è l’empietà. [17]Ho pensato: Dio giudicherà il giusto e l’empio, perché c’è un tempo per ogni cosa e per ogni azione. [18]Poi riguardo ai figli dell’uomo mi son detto: Dio vuol provarli e mostrare che essi di per sé sono come bestie. [19]Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa; come muoiono queste muoiono quelli; c’è un solo soffio vitale per tutti. Non esiste superiorità dell’uomo rispetto alle bestie, perché tutto è vanità. [20]Tutti sono diretti verso la medesima dimora:

tutto è venuto dalla polvere
e tutto ritorna nella polvere.

[21]Chi sa se il soffio vitale dell’uomo salga in alto e se quello della bestia scenda in basso nella terra? [22]Mi sono accorto che nulla c’è di meglio per l’uomo che godere delle sue opere, perché questa è la sua sorte. Chi potrà infatti condurlo a vedere ciò che avverrà dopo di lui?

SA MORTE

 

Maria Sale

Maria Sale

Pro donzi cosa b’est un’ora sua,
su tempus tenet puru sas fainas.
Unu tempus pro nascher b’amus totu
e unu istabilidu est pro su  morrer ,
unu pro ponner piantas in sa terra
e unu bind’amus pro nde las bogare.
Unu tempus pro ‘ochire, unu a sanare,
unu est pro distrùere e unu a fraigare.
Unu tempus pro pianghere e unu a riere,
unu est pro tunciare, unu  a ballare.
Unu tempus pro pedras de lampare
unu est pro sas pedras de agoglire,
unu tempus pro abratzos de donare
unu tempus  est poi pro si rentenner.
Unu tempus est fatu pro chircare
unu tempus invece est pro nde perder,
 unu tempus  est fatu pro arribare
e unu tempus fatu est pro furriare.
Unu tempus est fatu pro istratzare
e unu tempus  fatu est pro cosire,
unu  tempus  est fatu pro gagliare
e unu  tempus fatu est pro faeddare.
Unu tempus  isistit pro istimare
e unu tempus puru est pro s’odiare,
unu tempus pro fagher fintzas  gherra
e unu tempus  pro torrare in  paghe.
Ite antavagiu nd’at chie s’afadigat?
Apo  s’impreu chi Deus cunsideradu
in cantu at dadu a omines  pro aficu.
 At donzi cosa  bella, a tempus sou,
fata cun su cuntzetu ‘e eternidade,
però no an cumpresu in cor’insoro,
de Deus, sa faina a cumprimentu.
Apo cunclusu chi ateru  nudda,
de mezus, in su mundu issos no an,
che de lobrare e fagher bene in vida.
Ma chi s’omine mandighet e  lobret,
mancari suore sou, est donu ‘e Deu.
Reconnosco chi donzi cosa fetat,
cando la faghet Deu  est gai ebbia;
e no b’at nudda ‘e agnangher ne bogare.
Deus nos faghet gai pro aer timòria.
Su ch’ est, est già istadu;
su chi at a esser, cussu  invece est già;
Deus chircat su chi ch’est già passadu.
Ma apo ‘idu chi suta su sole
in giambu de deretu est ingiustiscia,
in giambu de giustiscia est falsidade.
Apo pensadu: Deus, osservat  sempre
giustu e faltzu,
pruite su tempus b’est pro donzi cosa.
Poi, in cantu a  fizos  m’apo nadu:
Deus los cheret ponner a sa proa,
cheret mustrare ch’ issos de perissos
ateru no sunt ma  sunt  animales.
Difatis, sort’e omine e  animale
est che pare et est sa matessi;
comente morint custos morint cuddos;
solu un’alenu ‘e vida c’at pro totu.
Omine superiore no chend’at
de fronte a donz’ater’ animale,
pruite est  totu custu vanidade.
Incaminados sunt a una dimora:
bennidos sunt da-e piuere pro torrare.
Chie ischit si s’alenu ‘e vida ‘e omine
pigat in altu pius de s’animale
o si custu che falat  basciu in terra?
Mi so abizadu chi  mezore
 in vida no bi nd’at si no lobrare
de sas  fainas, pruite custa
de s’omine est sa sorte sua.
Cal’omine at a poder abbaidare
su chi at a sutzeder   pustis d’ issu?

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.