“No amu…” “Non amo…”, la poetica di Maria Teresa Inzaina

la musaNo amu
lu pueta chimicu
astutu bandiadori
abili ghjucatteri
a imbulià li sensi
a incantatti cun sapiuti misturi
e middhi sciuppittii di spariattori.
Diffidu candu
s’appicca chindulendisi
tramoj cuati tissendi
apparenzi luciosi
di lintori e di soli
pa imbiscà muschitti fittiani
cun trappuli di meli e di minguli ‘ani.
Illi jochi di specchj
ill’ intragni bugghjosi
undi ti trasgjnigghja pà palditti
vanu saria cilcà l’anima soia
malumbra ridanciana
reula chena risettu futtienti.
Amu
dugna paraula piliata o sirena
ea sinzera di ‘ena
paltu di sinu
undi s’incugna lu succhju di la ‘ita
e limpiu lu sò signu
a li mani t’arreca
l’anima la matrica
di ca l’à inghjnnarata.
Eu lu pueta
amu
chi no si còa ill’ingannu
amu
la sò puisia
cand’ è simenza illi sulchj di l’anima
candu è un ghjummeddhu
e ni scioddhi lu filu
e candu luna illa notti si faci
a disvilatti amica
li pitriceddhi di la fola antica.

 

NON AMO….

la musaNon amo
il poeta alchimista
astuto imbonitore
abile giocoliere
ad eludere i sensi
incantarti con sapienti miscugli
e scintillanti fuochi d’artificio.
Diffido quando
s’appende volteggiando
ad intessere trame invisibili
luccicanti apparenze
di rugiada e di sole
per invischiare mosche inebriate
da trappole di miele e lusinghe velate.
Nei giochi degli specchi
nei labirinti oscuri
verso cui ti trascina per smarrirti
invano cercheresti la sua anima
irridente fantasma
multiforme ombra fuggente.
Amo
ogni parola tormentata o serena
acqua sincera di vena
parto del seno
che custodisce la linfa della vita
e limpido il suo segno
ti porta tra le mani
l’anima l’essenza
di chi l’ha generata.
Amo
il poeta
che non nasconde inganni
amo
la sua poesia
quando è seme nei solchi dell’anima
quando è un gomitolo
di cui ti affida il filo
e quando si fa luna nella notte
a rivelarti amica
i sassolini della fiaba antica.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.