I vecchi alberi “L’alburi ‘ecchi” di Maria Teresa Inzaina

I VECCHI ALBERI 

I grandi e annosi

alberi

chiome rade

di vecchi stanchi

hanno rami spezzati

e sul tronco

faglie impietrite

dai sedimenti del tempo

e nodi di ricordi..

Tremando

sospirano alle brezze

inseguendo  i tramonti

a rubarne il tepore

nell’ultimo

lembo del giorno

distesi

nelle ombre

che discrete s’allungano

tra le piccole piazze

di paese

nei parchi tristi

di città indifferenti

e avvelenate.

Soli.

In attesa…

Di un passero

che cerchi

tra le foglie malate

la quiete di un riparo

o la compagna al nido.

Fino a quando l’ultimo uragano

ne strapperà dal fondo

le ostinate radici

e il vento

placato

e tornato gentile

spargerà

i loro semi

da affidare alla terra

per altri alberi ancora.

 

L’ ALBURI  ‘ECCHJ 

L’ alburi manni

e annosi

cuppi sfruniti

di ‘ecchj stracchi

hàni rami schiciati

e illu truncu

calpituri impitrati

da li riminghi di lu tempu

e nodi d’ammenti..

Trimmendi

suspirani a li frini

sighendi lu soli chi si mori

pa bissi a fura

la dulci tipiura

di l’ultimi

sfrunzi di la dì

umbri ill’umbri

chi filu filu s’allongani

illi piazzitti

di lochi sminticati

ill’arii palumbrini

di citai indiffarenti

e avvilinati.

Soli.

Inn’aisettu…

Di calche caldaddhina

chi cilchia ancora

in mezu a frondi allauniti

risettu d’appogghju

o cumpagnìa a lu nidu.

Finz’a candu l’ultim’ uraganu

n’arà a tustà da fundu

li radici ustinati

e  lu ‘entu

assilinatu

e turratu gentili

n’arà a spaglì

simenza

palchi la tarra creschia

alburi manni ancora.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.