Categoria : cultura, lingua/limba

Aperte le iscrizioni nelle scuole elementari e medie per seguire i corsi di lingua sarda di Mauro Maxia e Pepe Corongiu

Da oggi le famiglie possono fare le iscrizioni on line degli scolari della prima elementare e media. Enrico Tocco, direttore generale dell’ufficio regionale scolastico per la Sardegna ha inviato una lettera a tutti i dirigenti sclastici per l’adozione di un modulo di iscrizione per l’insegnamento della lingua sarda(se la scuola ha maestri di lingua sarda oppure si avranno i fondi per assumerli.

Non ci resta che avvertire le famiglie che possono chiedere l’insegnamento del sardo. Per la prima volta le autorità, dopo tanti anni, stanno attuando la legge 482/99.

Dae oe sas famìlias podent fàghere s’iscritzione on line de sos iscolanos chi intrant in sa prima classe de sas iscolas primàrgias e mèdias. Enrico Tocco, su diretore generale de s’ufìtziu regionale iscolàsticu pro sa Sardigna, at imbiadu una lìtera a sos dirigentes iscolàsticos pro adatare su mòdulu de iscritzione cun s’optzione de s’insinniamentu de sa limba sarda (si s’iscola tenet mastros a manera de l’insinniare o si disponet de dinari pro leare mastros foranos). Como non restat àteru de fàghere de avisare sas famìlias chi podent pedire s’insinniamentu de su sardu ca pro sa prima borta, a pustis de medas annos, sas autoridades iscolàsticas sunt pongende in pràtica su chi previdet sa lege 482/99.

Mauro Maxia

Amigas , amigos

 Semus in mùngia dae tempus meda pro fàghere a cumprèndere chi sa chistione de su sardu no est una chistione mera e sìnchera culturale-folkloristica,ma una chistione de avantziamente e rispetu de sos deretos tziviles.

Ogni cherta e inchesta fata cun critèrios iscientìficos nos at dadu resone chi sa popolazione sarda est cun nois, mentres est una parte de  sas elites chi nos controit.

E paris cun issas una parte de sa classe media istruida in chirca de legitimatzione sotziale.

 No est chi amus bintu sa gherra, antzis. B’at de traballare meda como pro cumbìnchere sas famìlias de sa richesa de su multilinguìsmu e pro cumbàtere cussos dirigentes iscolàsticos chi de seguru s’ant a pònnere contras cun iscòticos de ogni manera. Bos arregordo chi s’iscola in Sardigna est gestida a manera cumpleta dae s’istadu e duncas  sa Regione non tenet cumpetèntzias a manera dereta. Bos pedo tando giai de como de èssere ativos in custa òbera de informatzione, cumbinchimentu e destruimentu de mitos, istereòtipos e pregiudìtzios de cada casta.

 Nois amus a fàghere sa parte nostra.

 Nota della redazione: da ormai quattro anni gestiamo questo blog utilizzando la lingua italiana e quella sarda e gradiremmo che tutti i sardi che hanno inteso il nesso di lingua e civiltà, lingua e identità, approfittino dell’occasione, se hanno figli in prima elementare e media di iscriverli per l’apprendimento della lingua dei genitori, dei nonno e degli antenati. Vorremmo ricordare che a parte i numerosi codici giuridici, gli atti notarili, i vocabolari, le traduzioni in sardo delle più importanti opere italiane come la Divina Comedia, atti e relazioni religiose dei vescovi, atti dell’anagrafe ecclesiastica per secoli sono stati compilati in lingua sarda. A questo si aggiungano poeti e prosatori che fin dal primo novecento hanno utilizzato la lingua sarda nei loro scritti. Lo stesso comune e repubblica di Sassari ancora nel Cinquecento redigeva le proprie delibere oltre che in castigliano anche in lingua sarda come molti studiosi hanno dimostrato. Auguriamoci di non perdere quest’ultimo treno per recuperare i valori inestimabili della nostra identità linguistica e civile per le nuove generazioni.

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.