Categoria : versi in gallurese

Ventu chi veni e ciocchi de Gianfranco Garrucciu

 

 

 

 

 

 

 

 

Staséra chistu ‘èntu
vèn’e mi ciòcca ‘ndrèntu
fìnz’a la ‘ìritài.

A lù me cori in pèna
istrìgni una catèna
chi nò allena mài.

E l’ànimu riòlta
tòrr’a lu mari ‘sciòlta
da lù poltu la nài.

Vèntu chi veni e ciòcchi
lu tèmpu chi bramài
ìllu sintitu tòcchi
ca’ fùsini l’aggrài!

Chi d’àgnuli l’ammèntu
vèni cun chistu ‘èntu
d’amóri e d’amistài.

Spàntu d’umbri e di lùci
ùndi so agnat’e cùci
d’illùminati rài

Mùndu chi piddi brìu
còmu lu sonniu ‘ìu
càntu spamentu dài

Vèntu chi veni e ciòcchi
lu tèmpu chi bramài
ìllu sintitu tòcchi
ca’ fùsini l’aggrài!

 

Vento che vieni e bussi

(Traduzione letterale)

Stasera questo vento
viene e mi bussa dentro
sino alla verità.

Al mio cuore in pena
stringe una catena
che non cede mai.

E rivolta l’animo
ritorna al mare, sciolta,
dal porto la nave.

Vento che vieni e bussi
il tempo che bramai
nel sentimento tocchi
quello che fu il tormento.

Perché il ricordo di quegli angeli
viene con questo vento
d’amore e d’amicizia.

Meraviglia di ombre e di luci
dove sono angoli e cantucci
di raggi luminosi.

Mondo che riprendi brio
come in un sogno vivo
quanto sgomento dai.

Vento che vieni e bussi
il tempo che bramai
nel sentimento tocchi
quello che fu il tormento.

Custa poesia est istada iscrita pro esser cantada su 28 de trìulas de paritzos annos como, pro ammentu de sos mortos de Curraggja in Tempiu. Est cantada cun sensibilidade e dilighia dae su Coru Gabriel de Tempiu, sa mùsica est de su mastru Nico Biancu sonadore e boghe de su coru.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.