Categoria : versos in limba

Qoélet boltadu dae s’Italianu in Sardu dae Maria Sale capp. 4 e 5

Maria Sale cuitat lezera e galana a boltare dae s’italianu a su sardu logudoresu custu liberu de sa Bibbia de 12 cabitulos. A leggere Qoélet in limba sarda est de aberu unu grande gosu e tzertos cuntzetos parent naschidos in sardu:Sos bisos benint da-e sos pensamentos, /e-i su discussu ‘e tontu da-e sa  ciarra.” Bellu puru custu chi paret unu diciuMezus piseddu poveru ma abistu, /che une re chi siat betzu e macu”. Maria Sale poi connoschet meda sa limba e guasi guasi bi leat gustu a bi giogare.(A.d.s.N.)

Qoèlet – Capitolo 4  pastedGraphic.pdf

La società

Maria Sale

Maria Sale

[1]Ho poi considerato tutte le oppressioni che si commettono sotto il sole. Ecco il pianto degli oppressi che non hanno chi li consoli; da parte dei loro oppressori sta la violenza, mentre per essi non c’è chi li consoli. [2]Allora ho proclamato più felici i morti, ormai trapassati, dei viventi che sono ancora in vita; [3]ma ancor più felice degli uni e degli altri chi ancora non è e non ha visto le azioni malvage che si commettono sotto il sole.

[4]Ho osservato anche che ogni fatica e tutta l’abilità messe in un lavoro non sono che invidia dell’uno con l’altro. Anche questo è vanità e un inseguire il vento.

[5]Lo stolto incrocia le braccia
e divora la sua carne.
[6]Meglio una manciata con riposo
che due manciate con fatica.

[7]Inoltre ho considerato un’altra vanità sotto il sole: [8]uno è solo, senza eredi, non ha un figlio, non un fratello. Eppure non smette mai di faticare, né il suo occhio è sazio di ricchezza: «Per chi mi affatico e mi privo dei beni?». Anche questo è vanità e un cattivo affannarsi.

[9]Meglio essere in due che uno solo, perché due hanno un miglior compenso nella fatica. [10]Infatti, se vengono a cadere, l’uno rialza l’altro. Guai invece a chi è solo: se cade, non ha nessuno che lo rialzi. [11]Inoltre, se due dormono insieme, si possono riscaldare; ma uno solo come fa a riscaldarsi? [12]Se uno aggredisce, in due gli possono resistere e una corda a tre capi non si rompe tanto presto.

[13]Meglio un ragazzo povero ma accorto,
che un re vecchio e stolto
che non sa ascoltare i consigli.

[14]Il ragazzo infatti può uscir di prigione ed esser proclamato re, anche se, mentre quegli regnava, è nato povero. [15]Ho visto tutti i viventi che si muovono sotto il sole, stare con quel ragazzo, il secondo, cioè l’usurpatore.[16]Era una folla immensa quella di cui egli era alla testa. Ma coloro che verranno dopo non avranno da rallegrarsi di lui. Anche questo è vanità e un inseguire il vento.

[17]Bada ai tuoi passi, quando ti rechi alla casa di Dio. Avvicinarsi per ascoltare vale più del sacrificio offerto dagli stolti che non comprendono neppure di far male.

Qoèlet – Capitolo 5  pastedGraphic_1.pdf

[1]Non essere precipitoso con la bocca e il tuo cuore non si affretti a proferir parola davanti a Dio, perché Dio è in cielo e tu sei sulla terra; perciò le tue parole siano parche, poichè

[2]Dalle molte preoccupazioni vengono i sogni
e dalle molte chiacchiere il discorso dello stolto.

[3]Quando hai fatto un voto a Dio, non indugiare a soddisfarlo, perché egli non ama gli stolti: adempi quello che hai promesso. [4]E’ meglio non far voti, che farli e poi non mantenerli. [5]Non permettere alla tua bocca di renderti colpevole e non dire davanti al messaggero che è stata una inavvertenza, perché Dio non abbia ad adirarsi per le tue parole e distrugga il lavoro delle tue mani. [6]Poiché dai molti sogni provengono molte delusioni e molte parole. Abbi dunque il timor di Dio.

[7]Se vedi nella provincia il povero oppresso e il diritto e la giustizia calpestati, non ti meravigliare di questo, poiché sopra un’autorità veglia un’altra superiore e sopra di loro un’altra ancora più alta: [8]l’interesse del paese in ogni cosa è un re che si occupa dei campi.

Qoélet cabidulu 4

Sa sotziedade

Maria Sale

Maria Sale

Sa tirannìa fat’a car’a sole
m’apo cunsideradu tota puru.
Ecco s’isgramu de sos sutamissos
chi no tenen a  chie los consolet;
a s’ala ‘e sos tirannos b’at viulentzia,
mentres chi a issos niunu los consolat.
Tando, apo  proclamadu pius cuntentos
sos mortos chi oramai sunt passados,
de sos bios chi  ancora sun in vida.
Ma pius cuntentu, de ambos duos, este chie
no est naschìdu e  no at bidu mai,
su malu fagher  fatu  sut’a sole.
Apo osservadu chi donzi faina,
paris cun sa fadiga in issa posta,
imbidia contr’a s’ateru est solu.
Est tota vanidade custa puru
e pessighire est solu su ‘entu.
Ingaitzat  sos bratzos  s’iscabàdu
e si ròtzigat poi sa peta sua.
Mezus una manada ma  cun pasu
che duas ma ‘etadas cun impodda.
E vanidade noa apo connotu:
si unu est  chen’eredes et est solu,
ca no tenet ne fizos e ne frade;
però no sessat mai ‘e tribagliare,
ne mai atatu est s’oju ‘e richesa;
pro chie est chi s’affannat e si brivat?
E custa est vanidade e malu fagher.
Mezus esser in duos che unu solu,
ca mezus lis resessit sa faina.
E si pro casu ruen issos s’agiuant.
Iscuru invece a chie est sempre solu,
si ruet, ca non tenet agiutoriu.
E poi, cando duos dormint umpare,
s’afianzant a pare e istant in caldu,
ma unu cand’est solu chie l’iscaldit?
E  si ‘enint assaltiàdos  parant fronte,
e-i sa fune a tres cabos  at aguantu.
Mezus piseddu poveru ma abistu,
che une re chi siat betzu e macu,
e chi consizos no cheret intender.
Su piseddu ‘e prejone nd’essit fora
e podet finz’a re issu arrivire,
mancari poveritu siat naschìdu.
E apo ‘idu  zentes a trumadas,
andende totu  infatu a su piseddu,
a su segundu, ch’est  apropriadore.
Fit una protzessione manna meda
sa ch’infatu teniat su piseddu,
ma no ten’esser gai sos de apoi.
E fintzas custu gia est vanidade
e ponner fatu est solu a su ‘entu.
Mira sos passos tuos, in domo ‘e Deu.
Sizire pro iscultare at pius valore
de un’oferta fata chentza cabu,
chena cumprender ch’est a fagher male.

Qoélet cabidulu 5
No epes presse mai in su faeddare,
né cun su coro tou de fronte a Deus,
ca Deus est in chelu e tue in terra,
e sas peraulas tuas no siant iscassas.
Sos bisos benint da-e sos pensamentos,
e-i su discussu ‘e tontu da-e sa  ciarra.
Si prommitis a Deu, teneli fide,
ca no li piaghet sa zent’iscabada,
e tando tue mantene sa prommissa.
Si no podes mantenner no prommitas.
No fetes faeddadas chi t’ingulpent ,
e no nelzes  apoi chi no l’ischias,
pro chi  faeddu tou a Deus no airet,
e no nde lampet totu su chi as fatu.
Ca ‘enit  da-e  sos bisos delusione,
epas, duncas, timore sempr’a  Deu.
Si poveru e oprimidu as in bighinu,
e-i sa rejone giusta ‘ides cuizada,
no nde tenzas de custu meraviza,
ca subr’a chie at podere atere b’at,
e subr’a issos, ateros ancora .
Su ch’interessat est a tenner re
chi contivizet  bene su terrinu.

 

LASCIA UN COMMENTO

RSS Sottoscrivi.